gioved� 29 febbraio 2024
Flash news:   L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time” A caccia di fondi il Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity” “Atripalda che verrà, dialogo con la Città”, l’opposizione domani avvia un confronto L’appello di Luigi De Magistris e Omar Suleiman da “Fortapàsc”: “Stop al genocidio in Palestina” Imbrattata ancora una volta la fontana di piazza a Umberto Chiuso fino al 6 marzo l’ufficio postale centrale di Atripalda Assemblea del Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity Dramma sul lavoro alla Stellantis di Pratola Serra: morto operaio di 52 anni di Acerra

Il Comune punta ad acquisire l’ex cinema Ideal con i fondi a disposizionedel Distretto diffuso del Commercio

Pubblicato in data: 25/12/2023 alle ore:10:29 • Categoria: Attualità

L’ex cinema Ideal come nuova casa della cultura. E’ l’idea alla quale sta lavorando il Comune del Sabato che punta ad acquisire a patrimonio pubblico l’ex cine-teatro di piazza Umberto I sfruttando le opportunità concesse dai fondi regionali a disposizione del Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity”, in cui Atripalda è comune capofila.
L’idea è quella di dare vita nell’edificio, dopo l’acquisizione dal privato, ad un polo culturale di cui si avverte la necessità.
L’edificio, chiuso da decenni, è di proprietà degli eredi della famiglia Troncone e nel corso degli anni ’60-’80 ha visto calcare il proprio palcoscenico da attori di fama nazionale e internazionale.
«Stiamo lavorando per sfruttare questa opportunità – afferma la fascia tricolore – . C’è bisogno di un polo culturale non solo per la nostra cittadina ma che si a disposizione di tutti i comuni che hanno aderito al distretto. Una sala multifunzionale che possa ospitare proiezioni, dibattiti, incontri e altro», Un luogo che possa sviluppare tutte le forme d’arte e di comunicazione che si integrano non solo al cinema ed al teatro come la recitazione, la danza, la musica, la scenografia, fotografia, televisione, grafica e pittura. Lo scopo è quello di restituire all’edificio le sue originali funzioni e di farlo ritornare a riprendere, meritatamente, il proprio ruolo quale patrimonio architettonico e culturale dei comuni che aderiscono al distretto.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *