gioved� 29 febbraio 2024
Flash news:   L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time” A caccia di fondi il Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity” “Atripalda che verrà, dialogo con la Città”, l’opposizione domani avvia un confronto L’appello di Luigi De Magistris e Omar Suleiman da “Fortapàsc”: “Stop al genocidio in Palestina” Imbrattata ancora una volta la fontana di piazza a Umberto Chiuso fino al 6 marzo l’ufficio postale centrale di Atripalda Assemblea del Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity Dramma sul lavoro alla Stellantis di Pratola Serra: morto operaio di 52 anni di Acerra

Via Tufara e parco “Elio Parziale” diventano area cardioprotetta

Pubblicato in data: 6/2/2024 alle ore:18:33 • Categoria: Attualità

Via Tufara e parco “Elio Parziale” diventano area cardioprotetta. In occasione dei festeggiamenti in onore ai Santi Sabino e Romolo, con la solenne celebrazione eucaristica presso il monumento dedicato al Vescovo patrono della cittadina del Sabato in via Tufara, il parroco della chiesa madre Don Luca Monti insieme a don Antonio Dente hanno benedetto il defibrillatore donato alla comunità atripaldese dal dottore Sabino Aquino.
Il dispositivo, ubicato all’ingresso del parco privato “Elio Parziale”, rientra nell’ambito del progetto “Un cuore al sicuro in una comunità resiliente – Atripalda cardio-protetta” promosso dalla “Biomedical Planet”. Un programma di defibrillazione preventiva per il territorio per conferire alla città lo status di “Area Cardioprotetta”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *