marted� 16 aprile 2024
Flash news:   Tragedia in via Appia, ventottenne di Mugnano muore stroncato da un infarto dopo una cena Restituzione deleghe Mazzariello, l’ex sindaco attacca: «l’amministrazione non ha visione e progettualità» Francesco Mazzariello restituisce le deleghe ai Lavori Pubblici e al Pnrr nelle mani del sindaco Paolo Spagnuolo La Scandone sconfitta a Piazza Armerina Avellino-Benevento, stasera lo stadio “Partenio-Lombardi” è sold out L’atripaldese Tonia Romano si ritira dall’Isola dei Famosi Un pozzo del tardo medioevo e una tegola con sigillo in lingua osca emergono dai saggi archeologici lungo rampa San Pasquale Aperto il cantiere di riqualificazione della fontana artistica di piazzetta Garibaldi Al via la prevendita del big match Avellino-Benevento Fiamme ad Atripalda in un’azienda che si occupa di riciclaggio di rifiuti

“Scuole Sicure”, nuove telecamere nei pressi della media Masi

Pubblicato in data: 23/3/2024 alle ore:14:38 • Categoria: Attualità

Nuove telecamere per la videosorveglianza nei pressi degli istituti scolastici cittadini. Il tutto grazie al progetto “Scuole Sicure” intervento finanziato dal Fondo di Sicurezza Urbana con l’obiettivo di prevenire e contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti. Ieri mattina il convegno di presentazione pressa la Sala consiliare. «E’ il secondo anno che otteniamo questo finanziamento – illustra il sindaco Paolo Spagnuolo -. Un progetto che consiste nell’evidenziare l’attività di prevenzione nella lotta alle sostanze stupefacenti e alle dipendenze in generale. Un progetto che si sviluppa attraverso l’ottenimento di un finanziamento per l’installazione di telecamere da collegare al nostro sistema di Control Room. Questa volta sono state installate presso l’asecondaria di primo grado “Raffaele Masi”. L’anno scorso invece presso il liceo scientifico “De Caprariis”».
Un’attività di prevenzione a cui gli studenti del liceo scientifico atripaldese hanno partecipato attivamente insieme agli alunni delle classi terze della scuola media. I ragazzi della classe liceale 2 A hanno realizzato un video sui rischi dalle dipendenze.
«Oggi abbiamo voluto mostrare ai ragazzi che c’è una rete sul territorio – conclude la fascia tricolore -che quotidianamente dialoga, è attiva e che prova a tutelare preventivamente la salute dei ragazzi. E soltanto qualora la situazione non sia più risolvibile in sede di prevenzione, c’è l’attività repressiva. Il sistema di videosorveglianza in città ha una funzione non di controllo asfissiante, ma è posto a tutela dei ragazzi. Invito i giovani a coltivare le loro passioni come risposta alle dipendenze. Attraverso la cultura e la conoscenza riuscire a discernere la realtà tra ciò che è positivo per il loro futuro e ciò che non lo è».
Presenti all’incontro i comandanti della Polizia municipale e della locale stazione dei carabinieri, rispettivamente Soccorso Troisi e David Lombardini, il relatore Salvatore Pignataro e il digital strategist Gentil Petrillo, la dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo “De Amicis-Masi” Antonella Ambrosone e la vice preside del liceo, professoressa Pina Ammaturo.
«Per il secondo anno consecutivo siamo stati individuati dal progetto “Scuole Sicure” promosso dal Ministero dell’Interno e dell’Economia e delle Finanze – conclude il consigliere delegato alla Polizia municipale, la professoressa Maria Fasano, che ha curato la pedagocia dell’educazione alla legalità -. Abbiamo ricevuto un finanziamento di circa 11 mila euro che ci ha permesso di installare delle telecamere nei pressi della scuola media Masi di via San Lorenzo, sia nei pressi delle pertinenze, iil tutto per la prevenzione e il contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti. Un progetto di educazione alla legalità che mette in rete le diverse componenti territoriali».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *