alpadesa
  
domenica 25 agosto 2019
Flash news:   Nozze Valentino-De Vinco, auguri Oggi inaugura il “Pettirosso”, primo Parco Avventura della cittadina del Sabato Esplosione al Palazzo Vescovile di Avellino, solidarietà del sindaco Spagnuolo e dell’Amministrazione comunale di Atripalda Children’s Day 2019, causa maltempo la manifestazione slitta al 7 e 8 settembre Scarichi di acque reflue industriali nel fiume Sabato, i Carabinieri Forestali denunciano il titolare di un’azienda Campagna Abbonamenti 2018/19: Uniti Si Vince Accorpamento temporaneo mercato del giovedì a parco Acacie, pubblicata la graduatoria degli operatori commerciali Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale”

Facevano “carte false” per pagare meno tasse all’Università, indagini della GdF

Pubblicato in data: 10/4/2012 alle ore:13:59 • Categoria: CronacaStampa Articolo

guardia di finanzaOltre il 60% degli studenti universitari irpini controllati dalla guardia di finanza ha fatto carte false per pagare meno tasse. E’ quanto emerge dalle verifiche effettuate dalla fiamme gialle sul versanti delle agevolazioni fiscali. I controlli hanno costituito la fase attuativa di specifici protocolli d’intesa ed apposite convenzioni stipulati dalla Guardia di Finanza con le istituzioni dei settori istruzione e sanità: le verifiche della sussistenza dei requisiti alla base dell’esenzione dal pagamenti di tasse universitarie, ad esempio, sono stati effettuati in virtù di un accordo tra il Comando Regionale e l’Università “Federico II” di Napoli onde vagliare la veridicità delle autocertificazioni presentate dagli studenti per l’ottenimento delle agevolazioni fiscali. L’erogazione delle prestazioni sociali agevolate è subordinata alla sussistenza di specifiche condizioni in capo al soggetto che ne faccia richiesta con una distinzione, in base alla normativa vigente, di “indicatore della situazione economica” (I.S.E.) ed “indicatore della situazione economica equivalente” (I.S.E.E.). Si tratta di parametri che permettono di valutare le condizioni economiche delle famiglie, così come risultanti da idonea dichiarazione sostitutiva allo scopo prodotta. In particolare, l’I.S.E. attiene la situazione economica del nucleo familiare nel suo complesso (dichiarante, coniuge e figli, nonché altri conviventi e soggetti considerati a carico ai sensi della normativa sul reddito delle persone fisiche). L’I.S.E.E. è invece un valore che esprime la situazione di ciascuno dei singoli componenti, permettendo confronti tra nuclei familiari diversi per consistenza quantitativa o per altre caratteristiche.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Facevano “carte false” per pagare meno tasse all’Università, indagini della GdF”

  1. Ramona ha detto:

    Atripalda ce ne stanno 4 su 5 che non sono in regola…..bravi!!! Meno male che ci sta a Guardia ‘e Finanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *