alpadesa
  
Flash news:   Murata e bonificata l’ex scuola elementare di rampa San Pasquale dopo gli atti vandalici. FOTO Seconda edizione estiva del “Cinema in Piazzetta” Nancy Palladino eletta presidente del Consorzio dei Servizi Sociali A5: «coronamento di un impegno nelle politiche sociali che dura da venticinque anni» Sidigas, il Gip sequestra solo 8 milioni di euro Prima buca le ruote e poi deruba automobilisti anche in città, arrestato dai Carabinieri 30enne napoletano “1992-Le loro idee sono ancora vive”, venerdì convegno organizzato da Idea Atripalda Giardini di Palazzo Caracciolo, venerdì sera visita guidata della Pro Loco di Atripalda Istituto comprensivo “De Amicis-Masi”, il nuovo dirigente scolastico è Amalia Carbone Festa in onore di Maria SS.ma del Carmelo: processione, fuochi pirotecnici e notte bianca con artisti di strada “16 luglio 1969 – 16 luglio 2019”: dalla Terra alla Luna, sotto il cielo di Atripalda.

Ricorso al Tar di IrpiniAmbiente, Prezioso: “Con il bando pubblico per l’affidamento del servizio costi più bassi per i cittadini”

Pubblicato in data: 4/1/2013 alle ore:16:30 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

preziosoIrpiniAmbiente fa ricorso al Tar e la Giunta comunale si oppone. Lo scorso 21 dicembre la società provinciale di gestione raccolta e smaltimento rifiuti aveva presentato al Tribunale Amministrativo Regionale ricorso contro il Comune di Atripalda per chiedere l’annullamento, previa sospensiva, della delibera di giunta comunale n° 187 datata 8 novembre 2012 “Articolo 16 della legge regionale 135 del 2012 – Indirizzi per la progettazione di un piano per la gestione del servizio integrato dei rifiuti con raccolta porta a porta”. La Giunta Spagnuolo, infatti, aveva dato indicazioni all’Utc per avviare di bando di gara per l’affidamento del servizio.
Il Comune però non accetta la scelta di IrpiniAmbiente e decide di resistere in giudizio. Ora si dovrà attendere, entro un mese, la decisione del Tar di Salerno. “In linea con i parametri della spending Review avevamo dato all’ufficio tecnico gli indirizzi utili per procedere all’indizione di un bando per assegnare il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti compreso il nuovo sistema del porta a porta – spiega l’assessore all’Ambiente Antonio Prezioso (foto) – . Dopo pochi mesi di amministrazione ci siamo resi conto che il sistema non funziona, non è all’altezza della nostra cittadina. Noi avevamo una percentuale di raccolta differenziata bassissima pari a circa il 28% e, inoltre, i cassonetti collocati in città erano utilizzati anche da residenti dei paesi confinanti. Ecco perché abbiamo pensato di avviare il servizio di raccolta porta a porta volto a raggiungere livelli più alti di differenziata così come ha sollecitato di fare anche il Prefetto“. Le disposizioni per il bando sono state date nel mese di novembre: “Poi ci è stato notificato il ricorso presentato dalla società guidata da Felicio De Luca che, tra l’altro, avevamo anche interpellato per un preventivo che ci permettesse di realizzare con loro il servizio. Ma i costi erano alti e scegliere loro significava aumentare di circa 300mila euro all’anno il costo del sevizio che sarebbe ricaduto poi sui cittadini“. Questa la motivazione secondo Prezioso che ha indotto l’Amministrazione a ricorrere al bando che “ci avrebbe sicuramente permesso di avere un prezzo più competitivo – conclude Prezioso -. Ma l’avvocato che difende IrpiniAmbiente ha chiesto l’annullamento dell’atto in quanto ritengono di essere i titolari unici del servizio rifiuti. Alla luce dell’emergenza che ormai possiamo ritenere superata, si basano ancora sul decreto emergenziale firmato dalla Regione“.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

6 risposte a “Ricorso al Tar di IrpiniAmbiente, Prezioso: “Con il bando pubblico per l’affidamento del servizio costi più bassi per i cittadini””

  1. THE CLASH ha detto:

    QUESTO CARROZZONE POLITICO CHIAMATO IRPINIAMBIENTE HA CAPITO CHE DEVE TOGLIERE IL DISTURBO (PER NON DIRE ALTRO), ATRIPALDA TUTTA CHIEDE DI ANDARE A FARE DANNI ALTROVE!!!!!!

  2. Ammazzalorso ha detto:

    Prezioso parla ancora? Dovrebbe tacere per evitare figuracce, siamo l’unico paese a non fare la differenziata e paghiamo oltre 2 milioni di euro all’anno a irpiniambiente.

  3. Atripaldese ha detto:

    Un consiglio ai politici atripaldesi… Ma perché non si fa come agli altri paesi della provincia che hanno cacciato irpiniaambiente, che non ha nessun interesse a far partire il porta a porta nei nostri paesi. Loro vivono e si arricchiscono grazie alla politica corrotta che ci governa, un azienda come questa chiuderebbe il secondo giorno per la loro pessima qualità del servizio e il costo triplo del lavoro effettuato. Vorrei chiedere ma la magistratura che fa dorme? Non c’è nessun politico onesto che sia ingrado di denunciare questi signori? Si facciano avanti e farò vedere che molti cittadini si uniranno a loro.

  4. mago di azz ha detto:

    A PREZIOSO à meglio che risponde PREZIOSO: http://www.atripaldanews/2001/25/11/36512/

  5. Carlo ha detto:

    lA DOMANDA è SPONTANEA: QUESTO E’ UNA COMUNICAZIONE ATTENDIBILE? E’ UN SEMPLICE SFOGO? A CHI E’ STATA RILASCIATA? E’ CONTROFIRMATA DA PREZIOSO? E NO, PERCHE’ QUANDO C’E’ DI MEZZO PREZIOSO NON SI PO’ MAI SAPE’…………………TRA MEZZORA UNA SMENTITA ……………POI UNA CONTROSMENTITA…………….POI UNO SFOGO SU FACEBOOK!

  6. FORZA ha detto:

    NON PENSARE AGLI INVIDIOSI A CUI NON RESTA CHE SCRIVERE FALSITA’ QUI SOPRA,SEI L’UNICO CHE PROVA A FARE QUALCOSA DI POSITIVO PER IL PAESE ANCHE SE SARA’ MOLTO DIFFICILE SCONFIGGERE IRPINIAMBIENTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *