alpadesa
  
Flash news:   Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati” Coronavirus, sei nuovi casi di contagio ad Atripalda La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione per l’esercizio 2020-2022: lavori pubblici e personale in primo piano Emergenza Covid, ecco le nuove misure del governo. Palestre e piscine aperte hanno 7 giorni per adeguarsi, strade e piazze chiuse dalle 21 solo se deciso dai sindaci Finisce con la moto contro la parete all’ingresso della galleria del raccordo autostradale: morta 52enne di Avellino

Tassa Tari, protesta davanti al Comune in cerca di risposte:” sarò qui finchè non riceverò spiegazioni dal sindaco”. Spagnuolo: “Le famiglie con reddito zero sono esenti dalla tassa”

Pubblicato in data: 12/6/2014 alle ore:17:57 • Categoria: Cronaca

photo2-601x4502Pino Battista, atripaldese, da questo pomeriggio è in protesta di fronte al Municipio della cittadina del Sabato mentre nella sala consiliare si sta svolgendo l’elezione del Forum dei giovani.
L’atripaldese sostiene che non si muoverà dalla sua sedia finché non riceverà una risposta dal Comune di Atripalda nella persona del sindaco Paolo Spagnuolo: “sarò qui ogni pomeriggio finché non riceverò risposta – commenta Battista – voglio pagare il giusto ma non una cifra spropositata. Infatti dai 192 euro che pagavo lo scorso anno sono passato a pagare 364 euro che è pari più o meno all’80% dell’aumento”. Presente anche il consigliere di opposizione Vincenzo Moschella, chiarendo di non aver votato a favore in consiglio comunale. L’atripaldese si è recato questa mattina all’ufficio Tributi ma non ha ricevuto risposte: “l’unica cosa che mi è stato risposto è stata quella che dovevo pagare e basta, non mi muoverò da qui fin quando non mi verrà spiegato da qualcuno perché pagare tanto, e lo chiedo al sindaco perché qua non si capisce se c’è o no un’amministrazione e se c’è non si sa di che colore è. Inoltre – continua Battista – chiedo al sindaco di impegnarsi ad abbassare le aliquote perché il comune non può far cassa sui tributi pagati dai cittadini”.
Interpellato da noi, il sindaco Paolo Spagnuolo ha chiarito: “comprendo che è un momento di difficoltà finanziaria sicuramente pagare i tributi non è un’attività agevole.  La Tari è un imposta che serve a coprire il 100 % del costo dei rifiuti, noi teniamo in considerazione il costo dell’anno precedente e in base a quel costo predisponiamo le tariffe in maniera da coprire il 100 %. Non c’è discrezionalità da parte dell’amministrazione certo è che l’attività nostra deve essere volta a ridurre la tari annualmente e le varie iniziative proposte quali l’isola ecologica e la distribuzione di più di mille compattatori nelle contrade rurali va nella direzione che il costo diminuisca anno dopo anno”. Il sindaco poi precisa che per le famiglie in difficoltà ci sono agevolazioni: “per la prima volta ad Atripalda per le famiglie in difficoltà la giunta ha avuto la possibilità di sancire l’esenzione, nonostante le difficoltà finanziarie, con le famiglie a reddito zero. Chi sta in difficoltà non deve preoccuparsi di cartelle Equitalia. Rispetto all’aumento fatto sullo scorso anno è perchè è cambiata la legge nazionale e sono cambiati diversi parametri: non più metri quadri ma il parametro è su persone e metri quadri. E quindi con il cambio dei parametri c’è chi andrà a pagare di meno e chi andrà a pagare di più”. Intanto durante lo svolgimento della giunta il sindaco e Mimmo Landi hanno ricevuto Pino Battista e gli hanno chiarito la legge serenamente, ma questo non ha convinto l’uomo che ha continuato nella sua protesta davanti al comune e ha promesso che continuerà a oltranza finchè non ci sarà una promessa dell’amministrazione comunale che il prossimo anno ci sarà un abbassamento dell’aliquota.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

18 risposte a “Tassa Tari, protesta davanti al Comune in cerca di risposte:” sarò qui finchè non riceverò spiegazioni dal sindaco”. Spagnuolo: “Le famiglie con reddito zero sono esenti dalla tassa””

  1. ROBERTO ha detto:

    MI DISPIACE PER LEI SIG. BATTISTA MA IL SINDACO NON SE NE FREGA PIU’ DI TANTO E PASSERA QUALCHE GIORNO E TUTTO SI DIMENTICHERA’ COME E’ SUCCESSO PER IL CAMPO SPORTIVO E PER IL PARCHEGGIO.

  2. Carlo magno ha detto:

    Non si è stai capaci di distribuire bene la TARI.
    La spazzatura la deve pagare chi la fà, e non di fare di un unica erba un fascio.
    Abitazione x abitazione per nucleo familiare e non per superficie. Locale per locale in base alla spazzatura che si produce e non x superficie. È molto difficile farlo?

  3. Me naggia ì ha detto:

    CHE FINE C’AVIMMO FATTO.

  4. marco ha detto:

    E’ dei decennali e soliti errore che si fanno nella stipula delle bollette? E’ così difficile aggiustare i dati??

  5. antonio de luca ha detto:

    La spazzatura la producono le persone non i metri quadrati!

  6. Massimiliano Strumolo ha detto:

    Egr. Sindaco,
    mi rivolgo direttamente a Lei tramite questa testata. Non entro nel merito del balzello propinato dal governo centrale, ma mi permetto di osservare che:
    1) In Consiglio Comunale, Lei e la Sua maggioranza non ha accolto la richiesta della minoranza (da me illustrata) delle seguenti riduzioni ai sensi del comma 660, dell’art. 1, legge n. 147/2013, nelle seguenti ipotesi:
    a) abitazioni occupate esclusivamente da uno o due pensionati residenti di età superiore a 65
    anni – riduzione del 33,33 %
    b) abitazioni occupate da contribuenti nel cui nucleo familiare anagrafico figurano portatori di
    handicap grave certificato ai sensi della legge n. 104/92 – riduzione del 33,33
    2) Pubblicizzare che i cittadini con reddito zero sono esenti è una vera presa in giro, qualora non lo fossero pensa che riuscirebbero a versare il dovuto?
    3) A tutt’oggi non avete voluto rivedere i coefficienti di determinazione delle tariffe (soprattutto quelle per gli esercizi commerciali)
    4) A tutt’oggi non avete preso in considerazione quanto da me suggerito al delegato Landi in merito alla riduzione della pressione fiscale con la definizione della tassa di soggiorno sul territorio comunale
    5) Solo oggi avete avviato il progetto Isola ecologica dopo la definizione del contributo regionale quando in tempi non sospetti, nei primi mesi di consiliatura, il suggerimento dell’isola ecologica da parte dell’opposizione fu bollato come NON realizzabile.
    Ci sarebbe ancora tanto da scrivere ma occorre tempo e spazio……
    Massimiliano Strumolo

  7. aldo carli ha detto:

    Una sola parola IMBROGLIONI

  8. ..ssss..... ha detto:

    ….soffrite in silenzio……..pagate e state zitti….

  9. Giuseppe ha detto:

    La mia protesta pacifica riprenderà lunedì 16 Giugno all’apertura degli uffici comunali di Atripalda alle ore 9,00

  10. o cobra ha detto:

    durante la campagna elettorale non si diceva che facendo una buona differenziata si andava a risparmiare sulle bollette, bene atripalda ha risposto alla grande facendo una grande differenziata il comune di atripalda ha preso il premio circa 200milaeuro i cittadini l’anno preso in quel posto caro sindaco.
    io la differenziata non la faccio piu

  11. Un atripaldese ha detto:

    Consigliere del Mauro,
    Ma tutte queste belle proposte fatte da voi a questi amministratori in tempo non sospetto, e quando avete visto che cozzavate contro un muro, perchè non avete fatto dei manifesti e portato a conoscenza della cittadinanza quanto da voi richiesto in Consiglio Comunale?penso che insieme, avremmo potuto fare anche qualche manifestazione pacifica in Piazza Umberto Primo. Adesso cosa possiamo fare?. Niente, anche perchè abbiamo pagato l’acconto.
    Datevi da fare per il Saldo.

  12. 3luppoli (Sonia Capaldo ) ha detto:

    Caro sindaco e quante barzellette ca ti firi e contà !!! Io ho un reddito zero ma la carta comunque mi è arrivata

  13. Nicola ha detto:

    Se si riducessero gli incarichi legali a pioggia, forse qualcosa si sarebbe potuto fare per far risparmiare qualcosa sulla Tari ai cittadini.
    Hanno applicato il massimo delle aliquote.

  14. anchiosindaco ha detto:

    salve, premesso che cosi’ facendo anch’io saprei amministrare una citta..vorrei evidenziare il fatto che nonostante gli aumenti, nel corso degli anni assistiamo comunque ad inefficienti servizi, scarsa cura della citta’, strade dissestate, strutture pubbliche abbandonate o destinate ad usi impropri, allora io mi domando: ma sti soldi dove vanno a finire oltre che nelle tasche di questi signori politici amministratori?
    Chiedere sempre ai cittadini di recuperare un dissesto finanziario causato nel tempo da amministratori scellerati NON E’ GIUSTO…MA E’ LA STRADA PIU’ SEMPLICE, VERO SIGNORI AMMINISTRATORI?
    E poi condivido il punto 4 del Sig. Strumolo…chi viene ad Atripalda deve pagare la tassa di soggiorno…per lavoro o per piacere, come avviene in tutto il mondo!!!
    grazie per l’attenzione

  15. la memoria ha detto:

    https://www.atripaldanews.it/2012/05/08/questa

    poi andate a vedere il video della proclamazione

    poi andate a vedere quanti compari e comparielli…..mo non so chiu’ compari

    poi non alluccati ca ci fanno male e recchie…….pajati e zitti……

  16. Giuseppe ha detto:

    Sono trascorsi solo 2 giorni dall’inizio della mia protesta pacifica e mi sono già arrivate telefonate con numero non visibile che mi dissuadevano a non continuare

  17. pinoverde ha detto:

    il parametro unico per pagare i rifiuti dovrebbe essere solo il numero dei componenti il nucleo familiare. invece con le norme attuali (non corrette dal Comune che pure aveva qualche margine per operare) una persona sola che vive in una casa di 200 mq….semmai rurale e fatiscente….paga molto di più di 4/5 persone che vivono in 80 mq…..allora io vi domando …ma chi tra i due produce più munnezza?

  18. Nappo Carmela ha detto:

    Caro Massimiliano Strumolo ho letto quell che hai scritto ti invito te e agli altri 3 consiglieri di opposizione di fare opposizione in consiglio comunale sul perché pagare tutte queste tasse.
    non devi solo scrivere su https://www.atripaldanews.it ok ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *