sabato 22 giugno 2024
Flash news:   Rissa al bar di via Appia: tutti assolti Estorsione e incendio di auto: affidamento in prova per atripaldese Convegno del Gruppo Archeologico La Civita presso la chiesa di San Nicola False dichiarazioni:processo da rifare per atripaldese Emergenza caldo, il Consorzio A5 attiva un numero verde Ponte delle Filande, si assembrano le travi metalliche: a luglio l’apertura Finanziato il progetto di realizzazione di un nuovo asilo nido in via Adamo Furto in una tabaccheria di via Appia: rubati i Gratta e Vinci “Amarsi Ancora“: la nuova campagna abbonamenti dell’Us Avellino 1912 Presentata “L’Irpinia Corre”, la gara podistica che si tiene ad Atripalda domenica 23 giugno. Foto

Seminario in ricordo di Biagio Venezia: “L’onda lunga del neorealismo” domani al Liceo

Pubblicato in data: 16/5/2019 alle ore:13:41 • Categoria: Cultura

In ricordo di Biagio Venezia, insieme alla sua famiglia, allo Spi-Cgil e alla Pro Loco di Atripalda, con il patrocinio del Comune di Atripalda, venerdì 17 maggio, alle ore 10.30, presso l’Aula magna del Liceo Scientifico “Vittorio De Caprariis” di Atripalda, il Centro Dorso organizza un seminario sul tema “L’onda lunga del neorealismo. Il Laceno d’oro ad Atripalda”.

Introduce e coordina: Antonio Zollo, giornalista. Intervengono: Maria Stella Berardino, dirigente scolastica del Liceo Scientifico “V. De Caprariis” di Atripalda; Giuseppe Spagnuolo, sindaco di Atripalda; Nunzio Cignarella, vice presidente del Centro Dorso; Paolo Speranza, storico e giornalista; Raffaele La Sala, storico; Michela Mancusi, presidente “Zia Lidia social club”.

Segue un dibattito con la partecipazione degli studenti delle classi quinte del Liceo Scientifico “V. de Caprariis”

Il Laceno d’oro, uno degli eventi culturali più importanti del Mezzogiorno, a partire dal 1966 si trasferì proprio ad Atripalda, presso il cinema-teatro Ideal, dove un pubblico entusiasta ebbe la possibilità di confrontarsi con grandi attori, attrici e registi italiani e internazionali.

Obiettivo del seminario è non solo far conoscere alle giovani generazioni una pagina di storia indimenticabile, ma soprattutto riflettere sul presente e guardare al futuro del patrimonio culturale di Atripalda e dell’Irpinia.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *