alpadesa
  
Flash news:   Ultimo giorno di scuola, il gruppo civico “IDEA Atripalda” propone di viverlo all’aperto Addio alla docente Lina Limongelli, cordoglio e commozione in città nel ricordo di Lello La Sala Stadio “Partenio-Lombardi” sanificato, da oggi i lupi riprendono gli allenamenti Niente mercato riaccorpato oggi a parco delle Acacie: il sindaco dispone la sospensione della fiera fino al 10 giugno. Peppino Innocente (Confesercenti): «Ci auguriamo che le cose non vadano per le lunghe» Coronavirus, il Consorzio dei Servizi Sociali A5 di Atripalda dona mascherine ai sordomuti irpini. Foto Coronavirus, si avvicina il contagio zero in Campania: uno solo il positivo oggi. In irpinia nessun contagio Coronavirus, oggi finisce il lockdown in Italia: 71 le vittime registrate nelle ultime 24 ore Parte lo screening epidemiologico per titolari e dipendenti delle attività commerciali di Atripalda, il sindaco: “il costo del primo test per ogni negozio è a carico del Comune, per gli altri prezzi agevolati” Coronavirus, su 198 tamponi nessun caso positivo in Irpinia oggi Coronavirus, 399 i guariti in Irpinia e 49 i comuni Covid Free

Seminario in ricordo di Biagio Venezia: “L’onda lunga del neorealismo” domani al Liceo

Pubblicato in data: 16/5/2019 alle ore:13:41 • Categoria: Cultura

In ricordo di Biagio Venezia, insieme alla sua famiglia, allo Spi-Cgil e alla Pro Loco di Atripalda, con il patrocinio del Comune di Atripalda, venerdì 17 maggio, alle ore 10.30, presso l’Aula magna del Liceo Scientifico “Vittorio De Caprariis” di Atripalda, il Centro Dorso organizza un seminario sul tema “L’onda lunga del neorealismo. Il Laceno d’oro ad Atripalda”.

Introduce e coordina: Antonio Zollo, giornalista. Intervengono: Maria Stella Berardino, dirigente scolastica del Liceo Scientifico “V. De Caprariis” di Atripalda; Giuseppe Spagnuolo, sindaco di Atripalda; Nunzio Cignarella, vice presidente del Centro Dorso; Paolo Speranza, storico e giornalista; Raffaele La Sala, storico; Michela Mancusi, presidente “Zia Lidia social club”.

Segue un dibattito con la partecipazione degli studenti delle classi quinte del Liceo Scientifico “V. de Caprariis”

Il Laceno d’oro, uno degli eventi culturali più importanti del Mezzogiorno, a partire dal 1966 si trasferì proprio ad Atripalda, presso il cinema-teatro Ideal, dove un pubblico entusiasta ebbe la possibilità di confrontarsi con grandi attori, attrici e registi italiani e internazionali.

Obiettivo del seminario è non solo far conoscere alle giovani generazioni una pagina di storia indimenticabile, ma soprattutto riflettere sul presente e guardare al futuro del patrimonio culturale di Atripalda e dell’Irpinia.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
“Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista

Il 25 maggio del 1905 nasceva il grande meridionalista. Frammenti del suo rapporto con la Provincia di Avellino: Quando Manlio Read more

Coronavirus, Santa Rita senza processione nei versi di Gabriele De Masi

Santa Rita, anche senza processione, è sempre preghiera fervida di sincere donne penitenti e devote per l'intercessione dei casi difficili. Read more

Coronavirus, Santa Rita senza processione questa sera ad Atripalda

Atripalda si prepara a vvere in maniera silenziosa e più intima la giirnata dedicata alla "sua" santa custodita nella Chiesa Read more

Oggi si festeggia San Pasquale Baylon, niente processione ad Atripalda per il Covid-19. La preghiera al Santo delle donne in cerca di marito

Festeggiamenti sotto tono quest’anno in città in onore di San Pasquale Baylon, Patrono dei Congressi Eucaristici. Niente celebrazione solenne e processione Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *