alpadesa
  
sabato 16 gennaio 2021
Flash news:   Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti” La formaggeria riapre a 24 ore dal raid, Luca: “Siamo forti, andiamo avanti come se nulla fosse” Esposto per i concorsi a premi in città, scatta la solidarietà bipartisan ad Atripalda

Emergenza alimentare, ad Atripalda in arrivo poco meno di 86mila euro per le famiglie bisognose

Pubblicato in data: 30/3/2020 alle ore:11:08 • Categoria: Attualità

Il governo, attraverso un’ordinanza della Protezione civile, ha messo a disposizione subito 400 milioni di euro da distribuire ai Comuni, per permettere loro di erogare buoni spesa a persone e famiglie in difficoltà. Non si tratta dell’unica dotazione che il governo ha deciso di stanziare per i Comuni: altri 4 miliardi e 700 milioni — il fondo di solidarietà — saranno anticipati, rispetto alla tradizionale data di trasferimento (maggio). L’elenco qui sotto riguarda però solo i 400 milioni concessi con l’ordinanza della Protezione civile. Saranno poi i comuni a dividerli come meglio ritiene. Il criterio generale è che si vada da un minimo di 25 euro a un massimo di 50 euro per nucleo familiare: ma anche su questo i Comuni potranno regolarsi in autonomia. I soldi dovrebbero bastare fino al 15 aprile, giorno in cui dovrebbe avviarsi l’erogazione dei 600 euro per le fasce deboli previsti dal decreto «Cura Italia».

A Mercogliano spetteranno 85.978,14 euro. Il riparto sarebbe relativo al numero degli abitanti (nella misura dell’80 per cento, ed a quello degli indigenti, per il restante 20).

Questa è l’ordinanza

http://www.anci.it/wp-content/uploads/ordinanza-658-fir_completa.pdf

Queste le ripartizioni per provincia:

1) AIELLOD DEL SABATO: 33.704,20
2) ALTAVILLA IRPINA: 37.254,25
3) ANDRETTA: 16.349,88
4) AQUILONIA: 13.740,54
5) ARIANO IRPINO: 191.095,15
6) ATRIPALDA: 85.978,14
7) AVELLA: 70.663,40
8) AVELLINO: 309.122,97
9) BAGNOLI IRPINO: 28.488,18
10) BAIANO: 39.089,19
11) BISACCIA: 33.802,95
12) BONITO: 22.714,58
13) CAIRANO: 2.613,30
14) CALABRITTO: 21.893,60
15) CALITRI: 36.663,47
16) CANDIDA: 10.842,61
17) CAPOSELE: 30.736,81
18) CAPRIGLIA IRPINA: 20.20E01
19) CARIFE: 12.096,40
20) CASALBORE: 16.677,29
21) CASSANO IRPINO: 8.725,16
22) CASTEL BARONIA: 9.748,52
23) CASTELFRANCI: 17.767,29
24) CASTELVETERE SUL CALORE: 12.901,89
25) CERVINARA: 81.125,58
26) CESINALI: 21.300,08
27) CHIANCHE: 3.691,36
28) CHIUSANO DI SAN DOMENICO: 19.275,50
29) CONTRADA: 28.768,60
30) CONZA DELLA CAMPANIA: 11.254,70
31) DOMICELLA: 17.050,24
32) FLUMERI: 25.271,17
33) FONTANAROSA: 25.806,51
34) FORINO: 51.042,87
35) FRIGENTO: 29.919,52
36) GESUALDO: 29.404,17
37) GRECI: 5.222,56
38) GROTTAMINARDA: 70.532,84
39) GROTTOLELLA: 15.764,54
40) GUARDIA LOMBARDI: 13.748,30
41) LACEDONIA: 16.314,05
42) LAPIO: 13.611,83
43) LAURO: 26.371,87
44) LIONI: 53.354,86
45) LUOGOSANO: 10.615,61
46) MANOCALZATI: 26.311,70
47) MARZANO DI NOLA: 14.928,40
48) MELITO IRPINO: 19.164,59
49) MERCOGLIANO: 86.010,32
50) MIRABELLA ECLANO: 68.703,26
51) MONTAGUTO: 3.222,79
52) MONTECALVO IRPINO: 33.666.47
53) MONTEFALCIONE: 28.246,41
54) MONTEFORTE IRPINO: 91.620,79
55) MONTEFREDANE: 17.535,75
56) MONTEFUSCO: 10.178,62
57) MONTELLA: 69.841,03
58) MONTEMARANO: 25.116,88
59) MONTEMILETTO: 44.239,35
60) MONTEVERDE: 6.536,60
61) MONTORO: 185.179,52
62) MORRA DE SANCTIS: 10.516,95
63) MOSCHIANO: 16.420,04
64) MUGNANO DEL CARDINALE: 45.660,33
65) NUSCO: 36.569,84
66) OSPEDALETTO D’ALPINOLO: 17.473,57
67) PAGO DEL VALLO DI LAURO: 16.472,69
68) PAROLISE: 5.377.65
69) PATERNOPOLI: 19.429,01
70) PETRURO IRPINO: 3.467,18
71) PIETRADEFUSI: 20.917,56
72) PIETRASTORNINA: 12.843,50
73) PRATA DI PRINCIPATO ULTRA: 25.784,10
74) PRATOLA SERRA: 30.739,24
75) QUADRELLE: 16.301,18
76) QUINDICI: 16.920,60
77) ROCCABASCERANA: 20.922,53
78) ROCCA SAN FELICE: 7.143,29
79) ROTONDI: 30.202,20
80) SALZA IRPINA: 6.348,88
81) SAN MANGO SUL CALORE: 9.874,32
82) SAN MARTINO VALLE CAUDINA: 43.535,55
83) SAN MICHELE DI SERINO: 22.777,44
84) SAN NICOLA BARONIA: 6.324,68
85) SAN POTITO ULTRA: 12.531,66
86) SAN SOSSIO BARONIA: 14.859,54
87) SANTA LUCIA DI SERINO: 13.075,32
88) SANT’ANDREA DI CONZA: 11.871,54
89) SANT’ANGELO ALL’ESCA: 6.436,98
90) SANT’ANGELO A SCALA: 6.492,36
91) SANT’ANGELO DEI LOMBARDI: 36.269,75
92) SANTA PAOLINA: 10.720,46
93) SANTO STEFANO DEL SOLE: 18.553,53
94) SAVIGNANO IRPINO: 10.122,21
95) SCAMPITELLA: 10.158,70
96) SENERCHIA: 7.687,48
97) SERINO: 64.301,67
98) SIRIGNANO: 23.855,49
99) SOLOFRA: 113.050,72
100) SORBO SERPICO: 5.047,91
101) SPERONE: 33.002,87
102) STURNO: 25.708,77
103) SUMMONTE: 12.687,05
104) TAURANO: 13.783,76
105) TAURASI: 19.379,21
106) TEORA: 13.118,60
107) TORELLA DEI LOMBARDI: 19.188,75
108) TORRE LE NOCELLE: 11.104,07
109) TORRIONI: 5.602,35
110) TREVICO: 7.875,37
111) TUFO: 6.940,37
112) VALLATA: 23.511,05
113) VALLESACCARDA: 11.617,50
114) VENTICANO: 20.854,05
115) VILLAMAINA: 8.525,16
116) VILLANOVA DEL BATTISTA: 14.715,07
117) VOLTURARA IRPINA: 31.300,98
118) ZUNGOLI: 9.511,5

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Emergenza alimentare, ad Atripalda in arrivo poco meno di 86mila euro per le famiglie bisognose”

  1. Carmela Nappo ha detto:

    Si devono dare consegne alimentari a chi ne ha bisogno, no a chi sta bene economicamente. I comuni devono controllare le protezione civili a chi fanno la spesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *