domenica 25 luglio 2021
Flash news:   Coronavirus, torna il contagio ad Atripalda: un residente positivo Ripulita la fontana in piazza Umberto e rimesso in funzione l’impianto di irrigazione. Foto Taglio del nastro ieri sera del “Parco Elio Parziale”, il dottor Sabino Aquino: «uno spazio di aggregazione, oasi di divertimento e interazione». L’impegno del vicesindaco Anna Nazzaro:«Auspico entro l’anno di intitolare l’Istituto comprensivo a lui». Foto Il prefetto e la dirigente regionale della Protezione civile premiano i volontari. Spena: «in una comunità bisogna essere coesi e guardare ai più fragili». Foto Dolore e commozione nella chiesa madre di Atripalda ai funerali di Gennaro Marena. Foto Addio a Gennaro Marena, lettera del comitato festa San Sabino: “la città di Atripalda perde un pezzo della sua storia” Sabato i biancoverdi partiranno per il ritiro di Roccaraso «Parco Elio Parziale», stasera l’inaugurazione dell’area a verde dedicata al compianto direttore: sarà aperto alle associazioni. FOTO Coronavirus, il prefetto Spena ad Atripalda per la consegna di civiche benemerenze ai volontari impegnati nella pandemia Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda, dal primo settembre la nuova dirigente scolastica è Antonella Ambrosone

Parco archeologico di Abellinum, l’affondo dell’ex assessore alla Cultura Lello Barbarisi: “sito dimenticato”

Pubblicato in data: 28/2/2021 alle ore:08:35 • Categoria: Attualità, Politica

«La nostra storia è mortificata. Ben venga la nuova direzione di Pompei, è uno bravo quello arrivato. Ma la Campania non è solo Pompei. C’è anche Abellinum. Per essa con il nuovo Puc “abbiamo” immaginato una valorizzazione pari a quella del Parco di Teodorico in Ravenna. Il parco come rappresentazione di una sintesi naturale tra cultura e paesaggio, contenuto tra le mura storiche e la cintura verde della città».
Sul futuro del Parco archeologico della cittadina del Sabato interviene l’ex delegato alla Cultura Lello Barbarisi. L’ex consigliere comunale critica la mancanza di una strategia anche a livello regionale che possa valorizzare i siti storici interni. «Abellinum, come Conza della Campania, un po’ meglio va ad Avella, sono ridotti come quelli affacciati alla finestra a guardare Pompei che fa l’asso piglia tutto  – polemizza Barbarisi – contrariamente a quell’attenzione che era stata promessa da più parti per la valorizzazione dei siti e parchi archeologici interni. Mi viene voglia di protestare e dire che non si po’ andare avanti sempre così».
Per l’ex consigliere comunale invece la valorizzazione dei siti culturali nelle aree interne regionali dovrebbe rappresentare il volo di sviluppo del territorio.
«Non si capisce che mettere le aree interne nella condizione di auto-promuoversi attraverso la cultura, poi lo sviluppo e l’economia può interessare anche altri settori. Una valorizzazione dal punto di vista archeologico, magari in un progetto d’insieme lungo l’asse Abellinum, Avella e Conza con dei caselli anche di uscita lungo questo viaggio, con tappe che coinvolgano  anche i siti religiosi. L’Irpinia è anche terra di castelli. Il tutto per portare all’interno un po’ di flussi turistici, visto che Salerno non può reggere da sola tutto il carico di turismo. Le aree interne si sentono mortificate  e né si sentono più proposte di una certa portata. Quindi sarà il caso di accendere di nuovo i riflettori su questa materia».
Attenzione l’ex delegato alla Cultura chiede anche all’Amministrazione del sindaco Giuseppe Spagnuolo nella stesura del Piano urbanistico comunale «speriamo che non ci siano variazioni anche in merito a ciò che si era immaginato per Abellinum attraverso il Puc con la perequazione, che dovrebbe consentire  a chi lo vorrà di portarsi fuori dall’are archeologica vincolata dalla Soprintendenza i volumi lasciando poi al Comune la proprietà dell’area all’interno della quinta di Abellinum. Una valorizzazione che avevamo proposto con l’architetto Pio Castiello e l’ex assessore Luigi Tuccia sul modello del parco di Teodorico. Purtroppo l’archeologica da sola non può farcela e bisogna andare in una costruzione dei parco che non sia solo per gli appassionati ma che sia a dimensione familiare,  all’interno del quale ci siano una serie di attrattori con strutture di accoglienza e ricezione realizzati dai  proprietari dei suoli o una sostituzione di questi. Un piano che consenta di mettere in campo attività e servizi per rendere il parco visitabile, appetibile con locande albergo e altre strutture. Un progetto di prospettiva di lungo e largo respiro. Altro tipo di sviluppo per la città non ne vedo. Infine bisognerebbe ragionare anche in ambito di Area Vasta con Avellino, Manocalzati e gli altri comuni limitrofi. Atripalda ci metterebbe il patrimonio storico artistico,  romanico e preromanico, gli altri comuni invece altri siti». Questa la visione e la proposta dell’ex delegato.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *