alpadesa
  
Flash news:   Lavori alla Biblioteca comunale e contrada Fellitto, si ampliano i cantieri ad Atripalda. Foto Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78 Così non va – una fioriera cementata e vuota al posto di un paletto dissuasore in via Appia. Foto Istituto Comprensivo di Atripalda di nuovo nella bufera, la componente genitori scrive al Ds per criticare la Dad e all’Amministrazione: «Chiediamo di assumere le posizioni dovute al ripristino degli equilibri» Coronavirus, un caso a San Potito: 4 in Irpinia. I contagiati salgono a 536 Coronavirus, la Regione rinnova l’invito: “No assembramenti, il virus è ancora presente” Coronavirus, 92 le vittime registrate in un giorno e solo 300 nuovi positivi Flash mob dei piccoli imprenditori e Amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il commercio ad Atripalda. Il sindaco: “attività di promozione del nostro territorio”. Foto Riparte il “Farmer Market” ad Atripalda: ieri mattina primo appuntamento dopo mesi di stop. L’assessore Musto: “mercatino in sicurezza”. Foto

Il Comune lavora per stringere un gemellaggio con la città di Gallarate

Pubblicato in data: 11/2/2010 alle ore:13:30 • Categoria: Comune

municipioUn gemellaggio con la città di Gallarate in nome di origini storiche comuni: è l’idea del primo cittadino di Atripalda, Aldo Laurenzano che ha inviato una lettera di intenti al suo collega Nicola Mucci. «Gli studi effettuati da alcuni storici dimostrano un legame piuttosto stretto tra la città di Gallarate e quella di Atripalda che furono oggetto di scambio tra il principe Domizio Caracciolo e il patrizio genovese Giacomo Pallavicino Basadonne – spiega il Sindaco – ho scritto al Sindaco Mucci per chiedere maggiori informazioni e delucidazioni in merito e chiederò anche l’aiuto dei nostri storici irpini in questo senso». Di seguito la lettera inviata dal Sindaco Laurenzano al Comune di Gallarate. Ecco la lettera:
“Gentile Sindaco,
con grande piacere ho scoperto il legame storico che esiste tra la città di Gallarate, da Lei amministrata e la città di Atripalda, di cui mi onoro essere il Primo cittadino. Faccio riferimento ad un articolo – editoriale storico apparso sulle colonne del vostro quotidiano provinciale “La Prealpina” dello scorso 7 febbraio 2010. L’autore, in risposta ad un altro articolo apparso sempre sulle colonne dello stesso giornale, ricostruisce la genesi della città di Gallarate, facendo alcuni riferimenti storici all’accordo di permuta tra il principe Domizio Caracciolo (figlio di Marino, ambasciatore dell’imperatore Carlo V) e il patrizio genovese Giacomo Pallavicino Basadonne. Il contratto prevedeva lo scambio del feudo di Atripalda in Irpinia con quello di Gallarate più 33.000 ducati. Sarei lieto se Lei volesse aiutarmi a ottenere ulteriori informazioni storici sulla vicenda e magari organizzare insieme un incontro, dapprima informale, per discutere e valutare la possibilità di un gemellaggio tra i nostri due Comuni, all’insegna della riscoperta e della salvaguardia di radici, usi e costumi che hanno caratterizzato le nostre origini storiche. Certo di una Sua risposta positiva, colgo l’occasione per porgerLe i più distinti saluti”.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Manifestazione Antica Abellinum, l’appello del sindaco Laurenzano

"Cari concittadini, un'assurda vicenda giudiziaria rischia di privare definitivamente Atripalda del suo patrimonio storico ed archeologico. Abellinum ha bisogno di Read more

Laurenzano scrive una dura lettera ai consiglieri di maggioranza e apre la verifica politica. «Fate chiarezza. Sul mercato lasciato solo con la giunta»

Cari consiglieri di maggioranza, per il rispetto della nostra funzione di amministratori di Atripalda, per il rispetto degli elettori che Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *