alpadesa
  
domenica 31 maggio 2020
Flash news:   «Atripalda la città dei Mercanti», presentato ieri in Comune il video pormozionale. Il sindaco: “ripartiamo uniti accogliendo le persone che vengono da fuori in tutta sicurezza”. FOTO “Oggi è il tuo nome, auguri Antonello” dallo zio Gabriele De Masi Coronavirus, su 190 tamponi effettuati in Irpinia un solo caso positivo: è di Prata P.U. Coronavirus, calano i contagi (+416) ma i morti salgono a 111 «Atripalda riparte, riparti da Atripalda»: questa mattina al Comune conferenza stampa per rilanciare il Commercio in città. VIDEO Coronavirus, due i positivi di oggi in Irpinia: Avellino e Gesualdo Coronavirus, in Campania niente alcolici da asporto dopo le 22: bar chiusi all’una Coronavirus, sono 87 le vittime registrate nelle ultime 24 ore: Lombardia maglia nera per i contagi Il Covid Hospital del “Moscati” si svuota: resta solo un paziente positivo ricoverato in Malattie Infettive Fontana, strade, tomba funeraria romana nel degrado ad Atripalda: scatta la denuncia sui social. Foto

Mobilità, Di Pietro precisa: “Nessuna fuga del personale dal Comune”

Pubblicato in data: 25/2/2010 alle ore:17:10 • Categoria: Comune

elio-di-pietro-ridotta«Nessuna fuga del personale dal Comune di Atripalda», così l’assessore delegato al Personale Elio Di Pietro che ha voluto precisare alcuni punti in relazione alla domanda di mobilità esterna, presentata da alcuni dipendenti del Comune di Atripalda, in risposta ad una richiesta di personale del Tribunale di Avellino, inviata a tutti i comuni della provincia, alle Prefetture e alle Asl territoriali.

Assessore Di Pietro, perché alcuni dipendenti comunali hanno fatto richiesta di avvalersi dell’istituto della mobilità esterna?
«Si tratta di una richiesta del Tribunale di Avellino per coprire la vacanza in pianta organica di circa venticinque unità, distribuite per varie qualifiche. Questa richiesta è stata indirizzata al Presidente della Provincia di Avellino e ai sindaci del circondario oltre che al Direttore generale dell’Asl Avellino, quindi è stata estesa a tutti i dipendenti pubblici della provincia che hanno risposto in massa. Anche alcuni nostri dipendenti hanno ritenuto opportuno partecipare a questa selezione. Quindi, sono migliaia i pretendenti e soltanto venticinque i posti a disposizione, altro che fuga dal Comune».

Quali sono, allora, i motivi che hanno spinto i dipendenti ad aderire a questa richiesta?
«Probabilmente questi pochi dipendenti hanno intravisto nella possibilità offerta dal Tribunale di Avellino, un consistente miglioramento da un punto di vista economico. Passerebbero, infatti, da un contratto degli Enti locali ad uno statale e quindi beneficerebbero dei connessi vantaggi».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Caos mercato, il Pd cittadino: mai chiesto le dimissioni dell’assessore Di Pietro. «Atti di tale rilevanza attengono alla responsabilità istituzionale e alla sensibilità politica individuale»

Il Partito Democratico di Atripalda (nella foto la sezione di piazza Garibaldi) smentisce in modo categorico di aver richiesto formalmente le Read more

Mercato, pronto il parcheggio nell’area dell’ex macello. Gratis solo per domani

Conclusi i lavori per la sistemazione dell'area antistante l'ex macello di via Ferrovia: da domani mattina gli avventori del mercato Read more

Mercato, via libera all’utilizzo dell’ex macello come parcheggio

Il Comune di Avellino ha autorizzato il Comune di Atripalda a utilizzare l'area antistante l'ex macello comunale in via Ferrovia, Read more

Disagi mercato, l’assessore Di Pietro incontra le associazioni sindacali dei commercianti

Un incontro per affrontare le piccole problematiche legate allo spostamento del mercato nella sede di contrada San Lorenzo - Parco Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *