alpadesa
  
Flash news:   Due goal per tempo e l’Avellino piega la Vis Artena Vucinic: “stiamo attraversando un periodo difficile” Venezia piega la Scandone per 76 a 65 Si amplia la sosta a pagamento in via Appia: strisce blu in arrivo dalla rotatoria della Maddalena fino al passaggio a livello. L’assessore Musto: “tutelati residenti e commercianti” “Lettera aperta a mio padre”, Luigi Caputo ricorda commosso il papà Pasquale Giornate FAI di Primavera, appuntamento oggi e domani: Abellinum e Specus in mostra Colpisce con un calcio il compagno di scuola mandandolo in ospedale Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce Ermete Green Volley Marcello, tie-break amaro: vince il Marano 3 a 1. Esordio vincente per l’under 13 Ventimila giovani in corteo contro tutte le mafie

Così non va – Discarica a cielo aperto in via Tufarole

Pubblicato in data: 11/6/2011 alle ore:12:07 • Categoria: Così non vaStampa Articolo

via tufaroleRifiuti di ogni tipo abbandonati lungo via Tufarole. Scatoloni, divani, sanitari, mobili vecchi e materiale di vario genere lasciati da giorni lungo i bordi della strada. Una vera e propria discarica a cielo aperto subito dopo il muro appena ricostruito dall’ente provinciale, crollato in seguito all’incendio che devastò il capannone dell’Irpinia Recuperi. Spesso la strada che conduce ad Avellino è stata adibita a discarica da residenti e non che abbandonano i propri rifiuti incuranti delle più comuni norme civili di comportamento.

Per le vostre segnalazioni su disagi e disservizi scrivete a: redazione@atripaldanews.itvia tufarolevia tufarole

via tufarole

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *