alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, il sindaco di Atripalda pronto a far slittare la riapertura di Infanzia e prima elementare al 30 novembre 40° anniversario del terremoto in Irpinia, il vescovo Aiello: “Alle 19:34 il suono delle campane delle chiese in memoria delle vittime” Coronavirus, in Campania da mercoledì 25 novembre si torna in classe per l’Infanzia e prime classi della Primaria 40° anniversario del terremoto in Irpinia: i Carabinieri commemorano le vittime del sisma e i caduti dell’Arma. VIDEO Coronavirus, 4 nuovi contagiati ad Atripalda e 79 positivi in Irpinia Coronavirus, il cordoglio della Misericordia di Atripalda per la scomparsa di Michele Gismondi Coronavirus, primo decesso ad Atripalda: muore per il virus volontario della Misericordia e della Protezione civile. Il cordoglio del sindaco Alvanite a quarant’anni dal sisma, lettera aperta di Antonio Vitiello: «Attendiamo ancora una “scossa” positiva per il quartiere» Terremoto in Irpinia, il ricordo dei Vigili del Fuoco a quarant’anni dalla tragedia. FOTO “94 secondi di terrore – Atripalda 23/11/1980”: il video di quei momenti a quarant’anni dalla tragedia che scosse l’Irpinia. VIDEO

Così non va – marciapiedi pericolosi

Pubblicato in data: 31/10/2019 alle ore:07:49 • Categoria: Così non va

Marciapiedi pericolosi in più parti della città. Fioccano ancora le segnalazioni in redazione da parte di alcuni cittadini atripaldesi.
I residenti segnalano lo stato disastroso in cui versano alcuni tratti di marciapiedi, con sampietrini saltati e grandi voragini in più punti
che causano pericolo per l’incolumità soprattutto delle persone anziane. Necessario un intervento di riqualificazione per rendere i tratti sicuri e praticabili.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *