alpadesa
  
Flash news:   L’opposizione incalza la maggioranza nel Consiglio comunale e slitta l’approvazione del Regolamento per le misure di contrasto all’evasione e morosità dei tributi locali Scuole chiuse in Campania, il sindaco di Atripalda recepisce l’ordinanza del governatore De Luca Coronavirus, il governatore De Luca chiude scuole e università fino a sabato in Campania Coronavirus, tampone positivo in Campania L’Avellino vince il derby con la Paganese Va deserto il secondo esperimento di vendita dei cinque box artigianali di via San Lorenzo mentre torna sul mercato l’ex Centro Pmi Us Avellino, il presidente Izzo: “pronto a restare con D’Agostino o a cedere le mie quote” “Amica Pubblicità & Servizi” raddoppia e apre una seconda sede ad Avellino Scontro ieri nel Consiglio comunale straordinario di Atripalda: ok al riconoscimento del debito fuori bilancio di oltre un milione di euro legato ad espropri di terreni in via San Lorenzo. Foto Coronavirus, sospese le gare di basket del prossimo turno

Nasce “Handazo” per cercare un locale o evento, l’App da un’idea di un giovane atripaldese

Pubblicato in data: 23/6/2015 alle ore:17:08 • Categoria: EconomiaStampa Articolo

Handazo AppCercare un locale, un particolare evento o l’esibizione di un artista o un gruppo musicale è possibile utilizzando “Handazo” disponibile da alcuni giorni sulla piattaforma per cellulari Apple. A realizzare l’App mobile di Ios è un giovane atripaldese che ha avuto l’idea di dar vita ad una piattaforma di informazioni utili per conoscere tutto quello che riguarda eventi, locali e artisti della propria città. Il software, gratuito da scaricare, è stato ideato dall’atripaldese Mario Falardo di 32 anni, creativo con la passione per l’e-commerce.  Con la sua “Yena sas” ha commissionato alla “Bilogic Sel” con Paolo Vitiello lo sviluppo di Handazo.
«L’idea nasce – racconta il giovane atripaldese Mario Falardo – per rispondere ad una domanda ormai classica: cosa si fa stasera? Grazie a questa App si potrà avere un quadro a 360° di quelli che sono gli eventi, i locali e gli artisti di una determinata città, dando spazio e visibilità anche a quelle che sono le realtà musicali emergenti».
Handazo è un servizio sociale che attraverso smartphone e tablet ha il fine di migliorare l’esperienza degli utenti che vogliono decidere come trascorrere il loro tempo libero nella propria città, dove trovare un aperitivo, una festa o un evento di qualsiasi genere. «In questa prima fase sarà disponibile solo per dispositivi Ios – prosegue – ma successivamente anche per la piattaforma Android».
L’idea, nata nel mese di dicembre, ha richiesto un lavoro di oltre cinque mesi. Dietro il progetto c’è un investimento notevole con il coinvolgimento di un programmatore e di un grafico.
Ogni artista emergente potrà creare il proprio profilo ed interagire con la componente social della App mostrando la galleria foto, video e audio predisposta Così tutti gli internauti potranno visionare i locali di una città, gli artisti, ascoltare la loro musica e vedere video direttamente sul proprio smartphone. «Così  presentiamo agli utenti quelle che sono le opportunità di ogni singola città o provincia dando loro modo di scoprire attraverso una bacheca virtuale quelli che sono i posti da frequentare belli ma meno conosciuti o meno pubblicizzati – conclude -. Poi Handazo ha una particolarità che la differenzia da un paio di competitor in Italia. E’ infatti la prima App a dare visibilità oltre che ai locali anche agli artisti che sono, spesso, l’anima dei locali stessi. Per loro uno spazio dedicato con foto, video e audio direttamente visibile sull’App».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *