venerd� 01 marzo 2024
Flash news:   Si presenta il progetto “Circoli Rifugio – Più Corridoi per la Libertà” Oggi presentazione del volume di Lucio Fiore Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time” A caccia di fondi il Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity” “Atripalda che verrà, dialogo con la Città”, l’opposizione domani avvia un confronto

Referendum – No alla Riforma, l’Udc di Atripalda domani con De Mita e Tremonti

Pubblicato in data: 14/10/2016 alle ore:22:05 • Categoria: Politica, Udc

udc-italia-logoIl comitato per il No alla Riforma organizza per sabato 15 ottobre alle ore 16 presso il centro sociale Samantha della Porta di Avellino un incontro a cui parteciperanno come relatori Felice Besostri, avvocato costituzionalista, Guido Calvi, presidente del Comitato per il No istituito da Massimo D’Alema di cui fanno parte ben 56 costituzionalisti, esponenti della società civile, artisti, intellettuali, scienziati, cantanti; Giulio Tremonti senatore ed ex Ministro dell’economia e delle finanze.

Concluderà l’incontro l’On.le Ciriaco De Mita, sindaco di Nusco, ex presidente del Consiglio e colonna storica della Democrazia Cristiana, moderatore sarà Generoso Picone direttore del “Mattino” di Avellino.

“Durante l’incontro – si legge in una nota – i relatori oltre a spiegare la ragioni per il no metteranno in evidenza come il fronte del NO alla riforma Costituzionale sia cresciuto tanto da rendere contendibile il risultato referendario e quanto importante sia vincere e bloccare la pessima modifica della Costituzione che questo governo ha fortemente voluto e fatto approvare da un parlamento succube e sulla cui legittimità ci sono seri dubbi, visto che è stato eletto con una legge dichiarata incostituzionale”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *