alpadesa
  
Flash news:   Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati” Coronavirus, sei nuovi casi di contagio ad Atripalda La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione per l’esercizio 2020-2022: lavori pubblici e personale in primo piano Emergenza Covid, ecco le nuove misure del governo. Palestre e piscine aperte hanno 7 giorni per adeguarsi, strade e piazze chiuse dalle 21 solo se deciso dai sindaci Finisce con la moto contro la parete all’ingresso della galleria del raccordo autostradale: morta 52enne di Avellino

Regionali, il candidato Luigi Tuccia: «L’equità sociale e la salvaguardia dell’ambiente sono le sfide per realizzare il domani»

Pubblicato in data: 18/9/2020 alle ore:08:40 • Categoria: Politica, Verdi

«L’equità sociale e la salvaguardia dell’ambiente sono le sfide per realizzare il domani che desideriamo». La nota di Luigi Tuccia (Europa Verde Campania – Demos)

«Riconoscere le proprie vulnerabilità è il passo da compiere per agire con più consapevolezza e costruire la vita che vogliamo. È questa la sfida a cui siamo chiamati per rilanciare il nostro territorio, l’Irpinia, e riportarlo al centro della politica regionale: farsi carico dei problemi della nostra provincia e agire con responsabilità per risolverli.» Così si è espresso Luigi Tuccia, capolista di Europa Verde Campania e Demos per la corsa al Consiglio regionale della Campania.

«Quanto abbiamo affrontato nei mesi scorsi, mi ha dato ragione. – ha proseguito Tuccia – Il nostro Pianeta ci ha presentato il conto, dimostrandoci che stiamo sbagliando tutto. Ché una società improntata sul profitto, a scapito della salute e dell’ambiente, è malata. Danneggia e inghiotte non solo i territori, ma anche i suoi abitanti e i loro valori.

Sono fermamente convinto che, per costruire l’Irpinia che desideriamo, per goderne noi stessi e lasciarla in eredità alle generazioni future, sia vitale lottare per stabilire la giustizia sociale e farla camminare di pari passo con la giustizia ambientale. Pertanto, sono assolutamente convinto che, per raggiungere questo obiettivo, lo sforzo che ci viene chiesto sia di investire in innovazione tecnologica e infrastrutturale, sanità pubblica e in tutela dell’ambiente.

Sono questi ambiti che, in modo trasversale e mediante l’azione pubblica, devono abbracciare gli altri. Perché sono questi i settori trainanti delle moderne economie; e se non si realizza un coordinamento serio ed efficiente tra Enti territoriali, Governo centrale e Unione europea, il danno maggiore sarà arrecato alle fasce più deboli, aumentando ulteriormente il gap economico, sociale e culturale.

È innegabile che le aree interne, come la nostra, vivano una condizione di isolamento rispetto a quelle costiere. La causa è certamente la carenza di servizi e di collegamenti ferroviari, cosicché anche i paesi più vicini risultano difficili da raggiungere.»

«Il mio obiettivo – ha concluso Tuccia – è di portare ai tavoli regionali le nostre istanze e creare una rete solida con tutti gli attori coinvolti, per liberare la provincia di Avellino da zavorre e preconcetti che si sono con il tempo radicati».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *