mercoled� 27 settembre 2023
Flash news:   Ediltrophy 2023, sono irpini i migliori muratori della Campania: la gara al Cfs di Atripalda. Foto La Scandone Avellino in vista al Santuario di Montevergine. Foto Via libera dal Consiglio al permesso di costruire in deroga per adeguare i locali del seminterrato dell’ex centro Pmi a laboratori per gli alunni della “Masi” Divieto di abbruciamenti, il sindaco Paolo Spagnuolo firma l’ordinanza Il saluto alla città del comandante della Polizia municipale Domenico Giannetta. Foto Buon compleanno al prof Mauro Galluccio Festeggiamenti San Sabino, messa per il Santo Patrono a via Marino Caracciolo. Foto Al parco archeologico Abellinum di Atripalda “Segnali music fest” “Ediltrophy 2023”, sabato avvincente gara a colpi di cazzuola al Cfs di Atripalda in via San Lorenzo L’ex sindaco Giuseppe Spagnuolo attacca: “la polemica sui rifiuti è solo un alibi”

42° anniversario del terremoto del 23 novembre 1980: manifestazione a Palazzo di città

Pubblicato in data: 23/11/2022 alle ore:08:08 • Categoria: Comune

L’Amministrazione Comunale celebrerà oggi nella sede del Palazzo Civico il 42° anniversario del terremoto del 23 novembre 1980.
Infatti su iniziativa del Consigliere Delegato alla Cultura, è stato curato un allestimento fotografico che occuperà il porticato del municipio ed un breve video-documentario.
Gli eventi avranno inizio alle ore 18:00 nella sala del Consiglio Comunale. Dopo i previsti saluti istituzionali ed altre brevi testimonianze seguirà la trasmissione di un video-documentario sugli effetti del sisma.
Alle ore 19:34 in piazza Barone Di Donato, a conclusione degli eventi, la manifestazione“6.9” promossa dall’associazione “LAIKA” e patrocinata dal Comune di Atripalda. Al centro una performance artistica di Andrea Matarazzo.
Il Consigliere Delegato alla Cultura Lello Barbarisi ha dichiarato: “Fu una tragedia dalle cifre gigantesche: 3000 morti, 9000 feriti, 300.000 sfollati. Come una guerra!
Queste celebrazioni servono a non dimenticare ed anche a rappresentare alle nuove generazioni la conoscenza di luoghi ed angoli della nostra città ormai andati irrimediabilmente perduti, oltre che per far comprendere loro il disastro dal quale i nostri padri sono ripartiti”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *