domenica 23 giugno 2024
Flash news:   Il sindaco Spagnuolo verso Fi, il segretario cittadino Pd Malavena: ”condotta ambivalente” Lesioni colpose ed omessa custodia di animali, tre rinviati a giudizio: 57enne assalito da due pitbull si costituisce parte civile Rissa al bar di via Appia: tutti assolti Estorsione e incendio di auto: affidamento in prova per atripaldese Convegno del Gruppo Archeologico La Civita presso la chiesa di San Nicola False dichiarazioni:processo da rifare per atripaldese Emergenza caldo, il Consorzio A5 attiva un numero verde Ponte delle Filande, si assembrano le travi metalliche: a luglio l’apertura Finanziato il progetto di realizzazione di un nuovo asilo nido in via Adamo Furto in una tabaccheria di via Appia: rubati i Gratta e Vinci

Addio a Gerardo Bianco, padre dell’Ulivo e grande meridionalista

Pubblicato in data: 2/12/2022 alle ore:13:06 • Categoria: Cronaca, Politica

Si è spento a 91 anni nella notte a Roma Gerardo Bianco, per nove legislature in Parlamento (7 con la Dc), padre dell’Ulivo, vicepresidente della Camera, ministro, europarlamentare, uomo di cultura, latinista, meridionalista. I funerali si terranno domani alle 16.30 nella Chiesa Madre di Guardia Lombardi.

Un grande lutto nel mondo della politica, grata per la visione aperta e riformatrice  “Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha appreso con stato d’animo di tristezza la notizia della scomparsa di Gerardo Bianco, leale servitore delle istituzioni, politico appassionato, ricco di cultura e umanità”, è il ricordo che arriva dal Quirinale.

Cordoglio nuche in città. L’ex vicesindaco Maurizio De Vinco, che fu candidato con Italia Popolare, ricorda il comizio che insieme allo statista di Guardia dei Lombardi tennero in piazza Umberto.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *