alpadesa
  
Flash news:   Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro

Vendita area box via San Lorenzo, Del Mauro e Iannaccone attaccano: «E’ irregolare, l’asta va ritirata»

Pubblicato in data: 9/5/2010 alle ore:10:19 • Categoria: Attualità, PoliticaStampa Articolo

box-demoliti1Va revocata per l’opposizione l’asta di vendita dell’area occupata, fino a poche settimane fa, dai vecchi box artigianali di via San Lorenzo (foto) che scade proprio domani mattina.
L’attacco parte dai consiglieri comunali d’opposizione Massimiliano Del Mauro e Antonio Iannaccone, coadiuvati dal “Circolo di via Fiume”, che denunciano l’irregolarità del bando pubblicato dall’Amministrazione comunale.
Secondo i due esponenti politici di minoranza infatti, il bando, che stabilisce un prezzo base di vendita di 85mila euro, è assolutamente da ritirare perché pieno di errori che possono ledere gli eventuali acquirenti.
«Nel bando – attacca Del Mauro – non si parla di terreno ma di cedere i box artigianali di via San Lorenzo, che sono stati già abbattuti. Inoltre  manca il parere dell’Anas e della Sovrintendenza. Chi acquisterà non può essere certo di poter edificare. Perciò la maggioranza deve revocare l’asta che si svolgerà domani mattina. Sappiamo che un potenziale acquirente si è già rivolto alla Procura e ai Carabinieri proprio perché non è stato messo nelle condizioni di poter accertare l’estensione precisa del suolo in vendita. Questo episodio denota ancora una volta l’inadeguatezza è l’incapacità di chi ci amministra».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *