domenica 03 dicembre 2023
Flash news:   “Nessuno escluso. Oltre lo sport”, stamattina l’evento al Palazzetto dello Sport di Avellino Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto, la replica dell’associazione Pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Umberto per il Natale, i malumori di “Abc” Luminarie e filodiffusione lungo via Roma installate dai commercianti Variazione e debiti di Bilancio, stasera torna il Consiglio comunale ad Atripalda Incontro con gli autori domenica nella chiesa di San Nicola da Tolentino ad Atripalda Congratulazioni al dottor Vincenzo Rotondi nuovo funzionario Inail Auto sbanda e finisce contro una colonnina del gas: a bordo tre atripaldesi Cinquantamila euro a disposizione delle famiglie in difficoltà economica. Benemerenze Sportive, premiata la campionessa nazionale di ciclismo l’atripaldese Annalisa Albanese

CSS/A6, il progetto Farmville per anziani e minori finanziato dalla Regione con 100mila euro

Pubblicato in data: 20/4/2011 alle ore:19:13 • Categoria: Sociale

consozio-servizi-sociali-a6Con decreto dirigenziale n°47 del 4 aprile scorso la Regione Campania ha ammesso il Consorzio dei Servizi Sociali A6 ad un finanziamento di € 100.000,00 per la realizzazione di un progetto sperimentale dedicato agli Orti Sociali.
Progetto Farmville” è questo il titolo dell’intervento che si realizzerà nei Comuni del Distretto Sociale A/6 che, agli inizi dello scorso anno, hanno aderito all’iniziativa.
Si tratta dei comuni di Atripalda, Montefalcione e Montoro Inferiore.
Il progetto Farmville si ispirerà, nella sua attività sperimentale, interamente alle linee guida nazionali elaborate dalla Facoltà di agraria dell’Università di Perugia. L’obiettivo sarà impiantare la tipologia di orti per anziani – “aree destinate per trovare nuove soluzioni al problema degli anziani dove si possano effettuare attività motorie all’aria aperta con occupazione del tempo libero, attività produttive, relazioni sociali…” e risparmio della spesa quotidiana.
Il progetto ha, altresì, come finalità la realizzazione di una serie di attività di educazione ambientale che coinvolgano minori e non solo al fine di sviluppare e/o mantenere approcci diversi verso il mondo naturale, animale e umano.
L’obiettivo generale è sviluppare la progettualità dal basso attraverso l’attivazione di processi partecipativi a partire dagli anziani del territorio che si allarghino agli altri abitanti e alle istituzioni. Gli “orti sociali” costituiranno un fondamentale elemento di inclusione sociale di persone svantaggiate e di educazione ecologica e ambientale.
Il progetto Farmville si inserisce a pieno titolo nella programmazione territoriale dei Servizi di Integrazione Sociale anziani che hanno lavorato molto sulla realizzazione del concetto di partecipazione attiva ed aperta delle realtà associative territoriali, dalla parrocchia, all’associazione, al circolo, alla cooperativa al servizio civile. Prerogativa della realizzazione del progetto sarà appunto la rete e la valorizzazione del contributo del terzo settore.
Essenziale sarà il contributo dei partner del progetto che sono la Coldiretti Avellino, Associazione dei Diritti Anziani – ADA, Legambiente Solofra (AV), Associazione G.A.I.A. Associazione gioco e animazione infantile Avellino.
Una vera soddisfazione – commenta il presidente del C.d.A. del Consorzio, Salvatore Carratùsoprattutto se si pensa ai tagli e alle forti restrizioni economiche che investono oggi le politiche sociali sul territorio. Ciononostante le capacità progettuali e la determinazione nel lavoro, caratteristiche dell’attività quotidiana del nostro Consorzio, ci permettono di accedere ad ulteriori opportunità e, quindi, consentono di migliorare ancora di più il livello di qualità dei servizi per i nostri cittadini“.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *