alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, boom di contagi ad Atripalda: 8 nuovi positivi Viadotto Novesoldi, garanzie dall’Anas: “Nessun rischio, il ponte è monitorato” Parco archeologico di Abellinum, l’affondo dell’ex assessore alla Cultura Lello Barbarisi: “sito dimenticato” Coronavirus, il presidente De Luca ha firmato l’ordinanza per la chiusura delle scuole fino al 14 marzo Coronavirus, nuovi 7 casi positivi ad Atripalda. In irpinia i contagiati sono 111 Coronavirus, De Luca lancia l’allarme : “Troppi contagi, da lunedì in campania scuole chiuse” Coronavirus, non si ferma il contagio ad Atripalda: 5 nuovi casi. In Irpinia 104 i positivi di oggi Coronavirus, 2 nuovi contagi ad Atripalda: 71 in Irpinia. Ecco il bollettino di oggi Molesta e minaccia una donna, arrestato 35enne di Atripalda già ai domiciliari Aggiudicata la progettazione definitiva ed esecutiva per i lavori di adeguamento sismico alla scuola dell’Infanzia “Nicola Adamo” di Atripalda

La “cucina itinerante” di The Rag in campo a Natale per la solidarietà ad Atripalda

Pubblicato in data: 23/12/2020 alle ore:08:18 • Categoria: Sociale

«Se sei più “fortunato” degli altri costruisci un tavolo più lungo e non un recinto più alto! Pranzo sociale 2020, perché neanche il covid può fermare un cuore che ha deciso di donare! Grazie a chi ha saputo narrare perfettamente questa giornata e ai molti che ci hanno aiutato». Il Covid-19 non ferma la solidarietà ad Atripalda. Gian Paolo Capaldo, chef di The Rag, con tutto il suo staff, anche quest’anno non ha voluto fa mancare il proprio prezioso impegno in cucina a favore delle persone più bisognose. Lo scorso anno cucinava in questi giorni per La Mensa dei Poveri, oggi per via delle misure sanitarie in vigore, non è stato possibile fare il tradizionale pranzo di Natale. Ma al posto dello storico evento del 25 dicembre che si teneva in oratorio, ha deciso di organizzare, in collaborazione con i parroci della chiesa di Sant’Ippolisto Martire e di quella del Carmine, don Fabio e don Ranieri, un “pranzo itinerante” distribuito dai volontari delle due parrocchie.
Pasta al forno, un secondo in veri piatti di ceramica e posate non di plastica, così come voluto dalla sorella Giusy, panettoro, pane, frutta e cioccolatino finale il tutto accompagnato dall’immancabile ottimo vino di casa dei Feudi di San Gregorio. 150 pasti in tutto distribuiti in sacchetti dai volontari per regalare un sorriso e un momento di serenità e gioia a tante persone che oggi soffrono ancora di più la crisi. A causa del Coronavirus e dei lockdown i poveri sono in aumento. Da qui l’iniziativa che ha spinto il giovane chef di casa Capaldo a far rientro da Roma, dove stava tenendo delle lezioni per il Gambero Rosso, per mettersi ai fornelli in cucina per offrire un pasto a chi è in ginocchio per la crisi economica innescata dal Covid-19. Ma lui ci teneva soprattutto quest’anno a non far mancare il proprio apporto e aiuto a chi si trova in difficoltà. Nel Natale di un anno così difficile, il messaggio di The Rag è che “dalla crisi si esce con la solidarietà”.

Un’iniziativa ripresa dalle telecamere del Tgr Campania di Rai 3 con le interviste del giornalista Rino Genovese.

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *