alpadesa
  
Flash news:   Due centraline anti smog ad Atripalda: la prima installata in via Roma da Idea e la seconda a Parco delle Acacie dall’Arpac su richiesta del Comune Tagliano la Variante nei pressi di un supermercato di Atripalda, sei automobilisti multati dalla Stradale Contrada Ischia, via libera dalla giunta Spagnuolo ai fondi per il campetto La Scandone vince lo scontro salvezza contro Monopoli Ritrovamento archeologico in via Appia, “Noi Atripalda” interroga il sindaco e la Soprintendenza Coronavirus, deceduta una paziente di 79 anni di Atripalda Genitori in piazza ad Atripalda per la didattica a distanza: «Chiediamo libertà di scelta». FOTO Danneggiamento di veicolo e possesso di oggetti atti ad offendere: 28enne atripaldese a processo  Ciclismo, Alfonso Alvino e la passione per la bici nell’Eco Evolution Bike Team L’Avellino batte il Bari 1-0

“L’ultima commedia”, dura nota della segreteria Psdi-Psi sulla crisi al Comune

Pubblicato in data: 6/12/2011 alle ore:20:10 • Categoria: Politica, Psdi

dimitri mustoLa farsa che si sta consumando nel palazzo comunale della nostra città ha raggiunto livelli “tragicomici”.
È sotto gli occhi di tutti la parabola discendente del sindaco Laurenzano che, a dispetto di ogni regola democratica e politica, resta disperatamente “incollato” alla sua poltrona inventandosi motivazioni quasi paternalistiche pur di dare l’impressione di una Giunta in piena salute .
Non sappiamo se sorridere amaramente o piangere di rabbia per quanto di disastroso questi personaggi stanno provocando alla nostra comunità.

Ci s’inventa una “questione Alvanite” o, ancor peggio, un proclama circa il risanamento dei conti e delle casse comunali.
Per quel che riguarda Alvanite, pubblichiamo delle foto che, in maniera univoca, dimostrano l’impegno profuso di questa amministrazione in quasi cinque anni di governo della città verso quella zona… Ma volete farci ridere???
Circa la situazione economico/finanziaria del Comune, nulla è cambiato perché nulla è stato fatto.

Vogliamo parlare del problema “sociale” in città? No, perché non esiste una politica sociale.

Parliamo invece del PUC (Piano Urbanistico Comunale), ovvero come dovrebbe svilupparsi la città nei prossimi anni. Materia che, al di la degli interessi di fazione, dovrebbe trovare larga condivisione politica e sociale.
La maggioranza è frantumata, e badate bene, non si tratta di una “querelle” di tipo politico-ideologico, ma di una “faida” che assume chiari e surreali contorni di “guerra tra bande”.
L’oggetto del contendere è semplicemente il “posizionamento” dei fiduciari da imporre allorquando lo stesso PUC sarà in attuazione e non certo il bene e gli interessi del cittadino atripaldese.

Il sindaco Laurenzano è l’artefice del disastro amministrativo degli ultimi cinque anni.

Ma la responsabilità “politica” di quanto è avvenuto ed avviene tuttora reca un solo nome: Lista “Centrosinistra per Atripalda”

Permettere al sindaco di rimanere a galla ed esibirsi in questa “commedia ” a suo piacimento, significa rinnegare decenni di storia politica e di democrazia partecipata, di dignità e responsabilità di partiti che hanno fatto la storia della citta.
Il BUIO delle coscienze permane.

LE SEGRETERIE PSI e PSDI di Atripalda
Dimitri Musto

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *