alpadesa
  
Flash news:   Secondo contagio ad Atripalda, il sindaco: “invito l’intera comunità ad osservare le misure per la prevenzione e il contrasto al covid-19” Coronavirus, contagiato ad Atripalda anche un parente della signora romena Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda

Si avvicina la riapertura dopo anni di via Orto dei Preti, studio di fattibilità necessario per il ponte su via Santi Sabino e Romolo

Pubblicato in data: 1/5/2018 alle ore:08:00 • Categoria: Attualità

Si avvicina la riapertura dopo anni di via Orto dei Preti e mentre l’Amministrazione attende uno studio di fattibilità per la riapertura del ponte su via Santi Sabino e Romolo.
Conclusi i lavori di messa in sicurezza della storica dimora di Salita Palazzo, appartenuta alla famiglia Caracciolo, sono iniziati da giorni i lavori per consentire la riapertura della vicinale Orto dei Preti, chiusa al traffico veicolare dalla nevicata del 2012, che ha creato finora non pochi disagi a residenti e automobilisti.
L’intervento prevede la recinzione dell’area di Palazzo Caracciolo e la sistemazione del manto stradale. Concluso l’intervento si potrà procedere  alla riapertura della comunale Orto dei Preti, chiusa a seguito di ordinanza sindacale a causa della forte nevicata del marzo 2012 che portò alla rottura di un ramo di uno dei due cedri monumentali che si trovano nei giardini della nobile dimora. Il ramo provocò il crollo di una parte della copertura in tegole dello storico edificio.
Più lunghi appaiono invece i tempi per l’apertura al traffico di via Santi Sabino e Romolo in un solo senso di marcia, procedendo in entrata da via Aversa ed in uscita su via Circumvallazione. Un’idea per decongestionare il traffico sulla quale aveva già lavorato la precedente Amministrazione per garantire un minore inquinamento sul tratto viario che va da piazza Umberto I a via Manfredi fino a via Circumvallazione.
Via Santi Sabino e Romolo è una stradina che dà su piazzetta Giovanni XXIII in via Circumvallazione e che con la riapertura consentirebbe il collegamento tra la stessa piazzetta e via Aversa.
«La sua riapertura va approfondita con una valutazione con uno studio di fattibilità – illustra il sindaco Geppino Spagnuolo -. Occorre preliminarmente,  come già disposto in passato, la redazione di un completo studio di fattibilità sulla sistemazione viaria di piazza Giovanni XXIII che dà su via Circumvallazione. La strada non può aprirsi subito in quanto non c’è sicurezza pedonale e si aprirebbe una strada all’interno di un’area a parcheggio.  Bisogna fare perciò una valutazione completa attraverso uno studio di fattibilità sia sulla sistemazione complessiva dell’area, sui costi necessari, sulla sicurezza dei pedoni visto che ci sono accessi a palazzi e sulla ricaduta rispetto alla certa riduzione di posti auto a parcheggio in una zona di per se già carente.  Uno studio  di fattibilità che metteremo in campo compatibilmente con le altre priorità che abbiamo da fare come parte tecnica. Solo con lo studio alla mano ci regoleremo sulla possibilità o meno di riapertura al traffico del ponte e sui costi necessari. Questi sono i passi da fare. Va valutata poi anche la possibilità di uscita su via Circumvallazione».
Sul ponticello, chiuso al transito per decenni da una vecchia sbarra di ferro che ha rappresentato uno spartiacque tra la traversa di via Aversa e la commerciale via Circumvallazione, oggi sono collocati dei paletti dissuasori. Una storia lunga decenni è mai risolta, ritornata agli onori della cronaca cittadina anni fa quando con una clamorosa protesta, con tanto di auto messe di traverso, i commercianti della zona tennero un sit-in di protesta proprio sul ponte affinché la strada fosse riaperta al transito della auto. Per la riapertura furono raccolte anche delle firme.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Coronavirus, contagiato ad Atripalda anche un parente della signora romena

L'Azienda Sanitaria Locale comunica che sono risultati positivi al COVID 19 i tamponi riferiti a 2 persone, di cui: - Read more

Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento”

Nell'ambito dell'attività di monitoraggio e controllo del covid-19 per chi è di rientro dall’estero è emerso un nuovo caso positivo Read more

Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero

L'Azienda Sanitaria Locale comunica che sono risultati positivi al COVID 19 i tamponi naso-faringei effettuati su 2 persone, residenti rispettivamente Read more

Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto

Esposto al prefetto dei cinque consiglieri comunali del gruppo "Noi Atripalda" per quanto riguarda gli ultimi episodi di violenza che Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Si avvicina la riapertura dopo anni di via Orto dei Preti, studio di fattibilità necessario per il ponte su via Santi Sabino e Romolo”

  1. Alberto Alvino ha detto:

    Che senso ha pubblicare questo commento dopo cinque giorni. Domani passera’ in archivio. Rimane solo il mio compiacimento per aver detto quello che penso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *