domenica 23 gennaio 2022
Flash news:   L’ex sindaco Gerardo Capaldo regala la storia della Dc alla biblioteca comunale di Atripalda. Foto Pnrr, il Consorzio A5 di Atripalda lancia la campagna di ascolto del territorio “Cantiere Idee“ In Irpinia positive al Covid 542 persone: 15 residenti nel comune di Atripalda Passaggio a livello di via Appia: riunione tra Comune, Rfi e Regione Campania. Spagnuolo: “scelta la nostra proposta, sarà realizzato un ponte sopraelevato” Soppressione passaggio a livello di via Appia, Petracca: “risultato concreto, cosi siamo al fianco dei territori” Covid-19 nuovo aggiornamento, 513 positivi in Irpinia: 18 residenti nel comune di Atripalda Spagnuolo: «l’ex sindaco lasciò in regalo alla città un Comune sull’orlo del dissesto» Addio al professore Sabino Di Paolo, dolore in città Assunzioni al Comune di Atripalda, l’affondo di Paolo Spagnuolo: «solo annunci roboanti» Covid 19, 563 contagi in Irpinia: 11 residenti nel comune di Atripalda

Contrada Alvanite, non c’è la riqualificazione con il superbonus: l’opposizione attacca l’Amministrazione

Pubblicato in data: 5/11/2021 alle ore:14:12 • Categoria: Attualità, Politica

Botta e risposta in Consiglio comunale ad Atripalda sul mancato utilizzo delle opportunità legate al superbonus 110% per riqualifcare contrada Alvanite.
A sollevare nuovamente in assise la questione, sebbene non fosse tra i punti all’ordine del giorno, è stato il consigliere d’opposizione Franco Mazzariello: «tutte le altre amministrazioni si stanno attivando per riqualificare il patrimonio comunale ma noi non siamo stati in grado di mettere su un progetto di riqualificazione delle diciassette palazzine. Un totale lassismo su tutto da parte di quest’amministrazione. La città aspettava una risposta nonostante la contrada ha presentato e depositato in Comune una raccolta di firme. Questa cosa l’ho detta un anno e mezzo fa invitando l’Amministrazione a lavorare su un progetto. Abbiamo dormito in tutto questo tempo».
Ad ascoltare l’intervento del consigliere tra i pochi cittadini presenti, una delegazione di ragazzi dell’Associazione Culturale di Alvanite che giorni fa aveva denunciato la questione con un post sui social.
Ma la risposta arriva direttamente dal sindaco Giuseppe Spagnuolo che spegne ogni speranza: «Il comune non è un ente che direttamente può usufruire del sisma bonus, ma solo in concessione come Iacp e altri enti – replica il primo cittadino -. Come Amministrazione stiamo immaginando un intervento che punti alla riqualificazione degli edifici mediante la ricerca di finanziamenti partendo dal Pnrr e insieme all’Area Vasta». Critiche anche dal consigliere di minoranza Mimmo Landi: «il comune non interviene per riqualificare il patrimonio comunale. Possiamo avere una risposta sui 150mila euro del finanziamento avuto per il rifacimento delle grondaie ad Alvanite? Questo non è amministrare». Ma il primo cittadino non ci sta: «dovete discutere su questi punti all’ordine del giorno e non su altre variazioni e su quello che si poteva fare o no. Su come si amministra ne possiamo parlare per mesi».
Il delegato all’ambiente Costantino Pesca stigmatizza il comportamento dell’opposizione: «è un consiglio comunale surreale, invito tutti alla calma. La campagna elettorale si farà a tempo debito. L’opposizione sta dando vita ad uno sciacallaggio politico per accaparrarsi simpatie». Anche Nancy Palladino: «Mi dispiace dei toni utilizzati».
Via libera dal parlamentino, con undici voti a favore e 4 contrari, alla variazione al bilancio per i contributi incassati dal Comune: «22mila euro per il potenziamento dei centri socio educativi e 9mila euro per acquisto di libri per il patrimonio librario comunale».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *