Flash news:   Lavori di efficientamento energetico per due scuole e la biblioteca comunale: l’Amministrazione chiede i fondi Allagamenti in via Appia: nuove polemiche social per le caditoie ostruite e la mancanza di sistemi di captazione delle acque. Foto 70° compleanno Mario Cetro, gli auguri della famiglia Tentano di rubare in un negozio di Atripalda, denunciate due ventenni straniere per furto aggravato 25 novembre “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne“: l’appello dei Carabinieri Incendio alla cabina elettrica, riapre la scuola dell’Infanzia Pascoli. Foto 42° anniversario del terremoto del 23 novembre 1980: manifestazione a Palazzo di città Non si ferma all’alt dei Carabinieri e si schianta contro un’auto in via Gramsci: arresti domiciliari per 28enne in possesso di marijuana Anniversario del terremoto in Irpinia: domani 23 novembre “6.9” performance artistica di Matarazzo ad Atripalda Ponte delle Filande: primi passi verso la demolizione e ricostruzione

Amministrative 2022, i due Spagnuolo puntano al futuro della città alla vigilia di Consiglio comunale

Pubblicato in data: 29/4/2022 alle ore:19:52 • Categoria: Attualità, Politica

I due Spagnuolo puntano al futuro della città alla vigilia del Consiglio comunale di questa sera. Al centro della discussione del parlamentino cittadino le imposte, il Dup, il Piano opere pubbliche e quello delle alienazioni. «Ci sono tutte le scelte preliminari al Bilancio 2022-2024, già approvato la settimana scorsa in Giunta, e che arriverà in una seduta successiva. Ora è al vaglio del Revisore dei Conti. Questo è il sesto bilancio che approviamo prima di fine consiliatura». A relazionare è il sindaco uscente Giuseppe Spagnuolo, ricandidato con la lista “Atripalda Futura”: «in cinque anni siamo riusciti a non aumentare le aliquote anche quando sembrava impossibile. Oggi continuiamo lungo questa strada, avendo risanato il bilancio, senza aumentare l’Imu. E questo è uno dei risultati principali del risanamento del bilancio comunale». Sul Piano alienazioni continua: «puntiamo ad alienare i box artigianali di via San Lorenzo in modo da razionalizzare il patrimonio comunale e investire gli introiti». L’Amministrazione accelera sui fondi Pnrr per il Piano opere pubbliche: «c’è un programmazione importante per i prossimi anni. Le opere previste e in gran parte progettate all’interno del Piano per le quali stiamo chiedendo finanziamenti sono diverse: il recupero dei giardini storici di Palazzo Caracciolo, la riqualificazione dello stadio comunale Valleverde, demolizione e ricostruzione della scuola Mazzetti, riqualificazione della palestra della scuola media Masi, interventi di riqualificazione di edilizia residenziale su Alvanite e infine la riqualificazione dell’ex scuola di San Pasquale. Interventi per circa 14 milioni di euro complessivi richiesti ai fondi del Pnrr pur partendo da un parco progetti trovato assolutamente vuoto. Da quando ci siamo insediati abbiamo incassato già 12 milioni di euro di finanziamenti e ora andiamo avanti nella riqualificazione e sviluppo della nostra città». Sulla Tari infine conclude: «anche qui un risultato importante derivante dalla buona gestione. Riusciamo a contenere il servizio con dei costi sostanzialmente invariati nonostante gli aumenti che ci sono. Le tariffe subiscono addirittura una lieve riduzione dovuta all’attività di recupero che si è svolta in questi anni sulle morosità. Il risultato di questa attività viene recepito dal Piano finanziario. In questo ringrazio l’Ufficio Tributi per l’attività svolta in questi anni. Inoltre, grazie a delle economie, ci sono delle riduzioni dei contributi per le attività che hanno subito delle restrizioni da Covid anche per il 2022. Un ulteriore ristoro».

Lo sfidante Paolo Spagnuolo invece punta su “Atripalda 4.0” con «efficienza, trasparenza ed immediatezza. Sono i concetti chiavi del nostro progetto mirato a rendere Atripalda una smart city».
Il candidato a sindaco della civica “Attiva Atripalda” spiega: «Il nostro obiettivo prioritario non è soltanto far rinascere Atripalda, messa duramente in ginocchio dagli ultimi avvenimenti della Pandemia, ma anche darle una nuova identità. Per questo avvieremo un percorso di digitalizzazione che preveda l’attivazione di app e servizi online, per garantire la massima trasparenza sulla gestione dei servizi pubblici erogati, con risposte e soluzioni veloci. Immaginiamo di coinvolgere i giovani, tramite progetti di Servizio Civile e volontari per permettere a tutti i cittadini di prendere confidenza con i nuovi servizi digitali».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.