alpadesa
  
Flash news:   Secondo contagio ad Atripalda, il sindaco: “invito l’intera comunità ad osservare le misure per la prevenzione e il contrasto al covid-19” Coronavirus, contagiato ad Atripalda anche un parente della signora romena Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda

Nomina comandante dei Vigili, l’attacco di Ulderico Pacia (Psi): «E’ illegittima, va revocata. Pronto a ricorrere al Tar»

Pubblicato in data: 14/4/2015 alle ore:09:30 • Categoria: Politica, Psi

Neo comandante Vigili Enzo SalsanoNeanche pochi giorni dall’insediamento ai vertici della Polizia municipale di Atripalda che è già bufera sul neo comandante Enzo Salsano. A contestarne la legittimità nella scelta, operata  dall’Amministrazione Spagnuolo, è il consigliere comunale del Psi Ulderico Pacia.
L’arrivo del luogotenente dei carabinieri di Cava de’ Tirreni, nominato dal sindaco con i gradi di capitano per un anno e a titolo gratuito, con il solo rimborso delle spese sostenute e documentate riconoscibili secondo legge, ha posto fine alla reggenza del settore affidato al dottor Enrico Reppucci subentrato al tenente Domenico Giannetta rimosso a fine novembre dal comando con decreto sindacale a seguito di una riorganizzazione della pianta organica.
«E’ una nomina illegittima sia per la legge che loro citano sia in base a sentenze di Lazio e Puglia – attacca il consigliere socialista -. Anche  se si tratta di un incarico è comunque un’assunzione e l’Amministrazione non si sarebbe dovuta attenere solo al curriculum del dottor Salsano, che è di tutto rispetto ed invidiabile, e alla delibera di assunzione così come mi ha risposto il responsabile del Personale, dottor De Giuseppe».
paciaNella richiesta presentata da Pacia invece si fa riferimento alla mancanza del contratto di lavoro, della visita medica e «ho chiesto inoltre se sono stati rispettati tutti i limiti e/o divieti alle assunzioni previsti dalla legislazione vigente in materia di incarichi ex articolo 110 comma 2 e se fossero stati accertati i requisiti psicofisici del dottor Salsano. Inoltre tale incarico non rispetta quanto disposto dal vigente regolamento della polizia municipale approvato in consiglio comunale nel 2013 che prevede anche dei limiti di età per il responsabile del settore: non meno di 18 anni fino ad un massimo di 45 anni. La maggioranza invece non ha tenuto presente né l’età né ha stipulato il contratto di lavoro e non ha passato la visita medica. Inoltre apprendo dai giornali che dai carabinieri si è congedato per motivi di salute. Non so quali sono questi motivi ma certamente dobbiamo vedere se sono compatibili o meno con l’incarico o l’assunzione».
Vigili con Salsano e gonfalonePacia contesta anche il grado assunto «quello di capitano mentre il regolamento della Polizia municipale prevede come massimo grado quello di tenente. Per cui mentre il sindaco e la maggioranza in Consiglio chiede a noi di rispettare statuto e regolamento, poi loro nel 90% dei casi sono i primi a non rispettarli. E questo lo posso dimostrare con i fatti». Da qui il consigliere chiede la revoca della nomina «fermo restando il massimo rispetto per il dottor Salsano che non ha colpe visto che è l’Amministrazione che ha sbagliato, altrimenti sono pronto anche a ricorrere al Tar al momento opportuno. Inoltre il sindaco nel motivare la nomina dice che nel corpo non ci sono professionalità. Non è vero perché oltre a quelle del tenente Giannetta c’è anche un altro vigile che ha la laurea in legge. Si tratta di Masucci Guglielmo, l’ultimo arrivato nei vigili. Per cui a mio avviso le professionalità c’erano e ci sono all’interno del corpo. Una spesa non da poco per questo incarico che poteva essere evitata e che va a danno dell’ente e dei cittadini. Mentre c’è in corso la causa  con Giannetta, la cui defenestrazione non l’ho capita. Il sindaco lo accusa di essere un burocrate, allora mi chiedo Giannetta non avrebbe dovuto rispettare la legge? Invece ho avuto prova che Giannetta, Bocchino e Cocchi acconsentivano a ciò che rientrava nella legittimità».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Censimento amianto, “Noi Atripalda” interroga l’ente su esito e provvedimenti da adottare

I consiglieri comunali del gruppo Noi Atripalda, Domenico Landi, Francesco Mazzariello, Maria Picariello, Fabiola Scioscia e Paolo Spagnuolo hanno presentato interrogazione Read more

Detiene illegalmente fucile e munizioni: nei guai 65enne atripaldese

  I Carabinieri della Compagnia di Avellino, nell’ambito dei servizi finalizzati al controllo del rispetto della normativa in materia di Read more

Festa dei Musei, sabato e domenica visite al Parco di Abellinum e ai giardini di Palazzo Caracciolo

Torna questo fine settimana, sabato 20 e domenica 21 maggio, la festa che celebra il patrimonio culturale italiano, con eventi e Read more

#NonCiFermaNessuno, Luca Abete ritorna con il tour motivazionale “Ricerca la fortuna che è in te”

Il tour motivazionale #NonCiFermaNessuno, ideato da Luca Abete, inviato di Striscia La Notizia, giunge alla sua terza edizione con l’obiettivo di Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Nomina comandante dei Vigili, l’attacco di Ulderico Pacia (Psi): «E’ illegittima, va revocata. Pronto a ricorrere al Tar»”

  1. MATTIA ha detto:

    bravo Ulderico, che dimostra di essere un serio Consigliere Comunale, impegnato a verificare la compatibilità normativa di tutti gli Atti dell’Amministrazione. Mancando il professore La Sala, resta solamente Ulderico a tutelare gli interessi dei cittadini, quelli che si sentono prigionieri di una cattiva amministrazione.

  2. cittadino ha detto:

    Ogni pilo è no travo. Non è nemmeno arrivato e gli abbiamo dato il benvenuto. Facciamolo. Lavorare e vediamo cosa succede ad Atripalda. Se nulla cambia ognuno è autorizzato a fare la propria critica.

  3. Cittadino 2 ha detto:

    Noto ancora che il cittadino a cadenza dello stesso orario commenta.
    Caro cittadino le tue frecciatine ai vigili urbani sono alquanto sterili perché tu probabilmente pare che ne hai fatte tante e di più prima di loro.
    Simmo ra Atripalda ci conoscimmo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *