alpadesa
  
Flash news:   40° anniversario del terremoto in Irpinia, il vescovo Aiello: “Alle 19:34 il suono delle campane delle chiese in memoria delle vittime” Coronavirus, in Campania da mercoledì 25 novembre si torna in classe per l’Infanzia e prime classi della Primaria 40° anniversario del terremoto in Irpinia: i Carabinieri commemorano le vittime del sisma e i caduti dell’Arma. VIDEO Coronavirus, 4 nuovi contagiati ad Atripalda e 79 positivi in Irpinia Coronavirus, il cordoglio della Misericordia di Atripalda per la scomparsa di Michele Gismondi Coronavirus, primo decesso ad Atripalda: muore per il virus volontario della Misericordia e della Protezione civile. Il cordoglio del sindaco Alvanite a quarant’anni dal sisma, lettera aperta di Antonio Vitiello: «Attendiamo ancora una “scossa” positiva per il quartiere» Terremoto in Irpinia, il ricordo dei Vigili del Fuoco a quarant’anni dalla tragedia. FOTO “94 secondi di terrore – Atripalda 23/11/1980”: il video di quei momenti a quarant’anni dalla tragedia che scosse l’Irpinia. VIDEO Il Papa ricorda il sisma dell’80 in Irpinia: “Ferita ancora non rimarginata”

Amministrative 2017, il commento di “Piazza Grande” sull’esito del voto: “anche fuori dall’aula consiliare impegnati in attenta azione di vigilanza civica”

Pubblicato in data: 13/6/2017 alle ore:09:24 • Categoria: Lista "Piazza Grande", Politica

Il responso delle urne è così chiaro che non ha bisogno di commento. L’elettorato ha ‘scelto’ e, invece che il cambiamento e la sfida sul futuro, ha scelto un modello di gestione amministrativa ripiegato sulle più inquietanti liturgie di un passato che, a parole, voleva cancellare.

Noi di Piazza Grande, pertanto, orgogliosi della nostra generosa battaglia per la legalità, la trasparenza, la sana amministrazione della cosa pubblica, non ci sentiamo sconfitti. Preferiamo credere, piuttosto, che i nostri coraggiosi candidati e sostenitori rappresentino l’avanguardia di un futuro meno opaco e avvilente dell’oggi. Il fatto che gli elettori, spesso pesantemente sollecitati, si siano concentrati su due sole liste (espressione peraltro dello stesso retroterra politico ed organizzativo) ci impegna, anche fuori dall’aula consiliare, ad una attenta azione di vigilanza civica. Che la città abbia rinunziato, in questa occasione, all’unica opposizione amministrativa capace e coerente, è un pessimo segno. Ci auguriamo che i cittadini riescano ad esercitare, anche nell’appiattimento della normalizzazione in atto, tutte le forme più efficaci di partecipazione e di controllo.

Agli amministratori neoeletti l’augurio non formale che sappiano far prevalere l’interesse pubblico ed una sincera e consapevole attenzione al bene comune; e che operino, soprattutto, per la reale pacificazione di una città sempre più impaurita e servile.

“Piazza Grande per Annunziata Battista”

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a “Amministrative 2017, il commento di “Piazza Grande” sull’esito del voto: “anche fuori dall’aula consiliare impegnati in attenta azione di vigilanza civica””

  1. Atripaldese ha detto:

    Da lista di alto profilo avete preso comunque più voti del movimento 5 stelle. Dovete esserne fieri!

  2. raffaele la sala ha detto:

    Vorremmo, anonimo atripaldese, essere fieri della nostra Città e di quelli che ha eletto ad amministrare.

  3. umamma ha detto:

    Ma non vi balena l’idea che i cittadini vi abbiano semplicementi bocciati e siano stanchi della vostra ipocrisia? Tutti sanno quanto a lungo vi siete nutriti al seno della politica. A casa quieti quieti.

  4. raffaele la sala ha detto:

    Beh…più bocciati che promossi… mi pare. E ora chi è chiamato ad amministrare lo faccia. E poi se ne parla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *