alpadesa
  
sabato 04 luglio 2020
Flash news:   Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti» Buon compleanno al “vulcano” Antonio De Vinco Addio a Ciriaco Coscia, un pezzo della storia politica del Pci in Irpinia. Il ricordo dell’ex consigliere Andrea Montuori Al via il Bando di Gara per il servizio di scassettamento dei venti parcometri ad Atripalda Guasto allo Stir, stop alla raccolta dell’indifferenziato fino a sabato in tutti i comuni Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore” Playoff Serie C, Ternana-Avellino 0-0: lupi eliminati Slitta ancora al 5 luglio la riapertura alla città della villa comunale di Atripalda per i lavori alla biblioteca Coronavirus, i contagi crescono ancora (+187) e il numero delle vittime è di 21 Assemblea ASI, approvato il Bilancio consuntivo 2019 all’unanimità

Amministrative 2017, nota di Lello La Sala (Piazza Grande): “Visita istituzionale o propaganda elettorale? La seconda…ah Del Rio…Del Rio…”

Pubblicato in data: 7/6/2017 alle ore:12:00 • Categoria: Lista "Piazza Grande", Politica

Nel primo pomeriggio di ieri ad Atripalda si è consumato l’ennesimo strappo istituzionale della tortuosa amministrazione Spagnuolo. Che con uno strappo si era inaugurata nel 2012 quando il neoeletto già exbravoragazzo aveva preteso ed imposto contra legem (e nonostante le nostre vibrate e solitarie proteste) che si votasse…in blocco l’eleggibilità dei consiglieri comunali.
E oggi, agli sgoccioli di una fallimentare ed opaca azione amministrativa, tocca all’uso improprio delle istituzioni repubblicane. E si scomoda addirittura un ministro a sostegno del suo zoppicante e maldestro approdo politico… che solo negli ultimi 5 anni lo ha visto volteggiare da De Mita a Del Basso, passando per la scelta civica di D’Agostino.
Insomma se il ministro è in visita istituzionale…va ricevuto nella sala consiliare da tutto il consiglio comunale tuttora in carica. E se invece è in visita privata, se sta facendo propaganda a favore di un candidato, va ricevuto altrove, magari a pranzo e amen. E che un ministro della Repubblica si presti allo spiacevole equivoco, perché trascinato a sua insaputa (come spesso succede) a sostegno di una fascia, è un fatto gravissimo, un vulnus protocollare, una infelice caduta di stile. Ma più grave ancora è averla pensata, insieme a qualche protettore beneventano…, a riprova di una occupazione disinvolta delle istituzioni democratiche. Ha fatto bene Nunzia Battista, consigliere comunale e capogruppo consiliare di Piazza Grande, candidata alla carica di sindaco, a farlo notare direttamente al Del Rio nel corso della inopportuna visita ministeriale, a soli quattro giorni dalle elezioni.
Con il suo coraggioso intervento, dopo il quale ha immediatamente abbandonato l’aula, Nunzia Battista ha difeso la dignità istituzionale di un consiglio comunale assente, perché non invitato, e di consiglieri comunali pavidamente altrove. La sua ha voluto essere testimonianza militante di rigore etico ed alto senso civico, malinconicamente appannato in una campagna elettorale livida che il listone unico #noisciogliamoatripalda fa sempre più fatica a gestire.

Raffaele La Sala, coordinatore di “Piazza Grande”

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Amministrative 2017, oggi la sentenza del Tar sul ricorso elettorale di “Noi Atripalda”: la difesa chiede l’inammisibilità. L’ex sindaco: “eccezione infondata”

E’ attesa per oggi la sentenza del Tar di Salerno sul ricorso promosso dai cinque consiglieri d’opposizione della lista “Noi Read more

Amministrative 2017, oggi dinanzi al Tar di Salerno si discute il ricorso presentato da “Noi Atripalda”

Sarà discusso questa mattina  al Tar di Salerno il ricorso promosso dai cinque consiglieri d’opposizione della lista “Noi Atripalda” capeggiata Read more

Amministrative 2017, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “palesi irregolarità evidenziate dai verbali di sezione. Chiediamo al Tar di pronunciarsi sulla validità del voto”

Il ricorso nasce dalla constatazione di alcune evidenti irregolarità evidenziate dai verbali di sezione. Il ricorso, quindi, è stato presentato Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a “Amministrative 2017, nota di Lello La Sala (Piazza Grande): “Visita istituzionale o propaganda elettorale? La seconda…ah Del Rio…Del Rio…””

  1. Ciquita banana ha detto:

    Del Rio, si è trovato X caso, perchè insieme a Gentiloni, erano impegnati in una inaugurazione nel napoletano.
    Figurati se Del Rio, veniva ad Atripalda. Fortuna, solo fortuna.

  2. umamma ha detto:

    Come se far venire un Ministro di un Governo fallimentare sia utile, anzi è un monito per chi avesse intenzione di dare fiducia al peggior sindaco della storia di Atripalda, se votate lui Atripalda fallirà come sta fallendo questo Governo.

  3. Sergio ha detto:

    PER QUALCHE VOTO SI ARRIVA PURE A QUESTO,COME QUALCUN’ALTRO SU FACEBOOK CRITICA CHE IL CONSIGLIO COMUNALE NON E’ STATO INVITATO OPPURE CHE LE PANCHINE GUARDANO VERSO IL MURO ECC. ECC.SOLO PER QUALCHE VOTO, VERO ANGELO? SE SIETE SENZA PECCATO ANDATE PER STRADA IN MEZZO AL POPOLO CON IL VOSTRO PROGRAMMA E CERCATE DI FARE VOTI. “se siti buoni” SERGIO

  4. Enrico ha detto:

    La fiera della scorrettezza. Questo è stata la visita di Del Rio ad Atripalda. Da parte di tutti: ministro, sottosegretario, sindaco, maggioranza, opposizione. UNO SCHIFO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *