Flash news:   Controlli agli esercizi commerciali: denunciato un cinese ad Atripalda e maxi-sanzione per il lavoro irregolare Green Volley, la prima vittoria stagionale è targata Under 14. Mister Troncone: “Non ci poniamo limiti” Amdos, domenica visite gratuite all’Asl per la prevenzione del tumore al seno Serie D, la Green Volley The Marcello’s muove la classifica: conquistato il primo punto Sinistra Italiana, il segretario nazionale Nicola Fratoianni lunedì ad Atripalda Paura per il presidente della Provincia Gambacorta colto da infarto. Operato, ora sta meglio Smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi di origine agricola, protocollata al Comune la petizione del M5S Minaccia la madre pensionata pretendendo 20 euro al giorno: 42enne in manette Taccone: “Ferullo non ha accettato il ruolo di amministratore unico” Estremismo islamico, la deputata Souad Sbai al convegno di PrimaveraIrpinia: «L’Italia è vulnerabile perché abbiamo sottovalutato la gravità della fratellanza mussulmana legata al jihadismo. L’Europa ha rinunciato alle sue radici e qualcuno le ha rimpiazzate». FOTO

Crisi, il Comune mette a disposizione buoni lavoro per le categorie in difficoltà

Pubblicato in data: 22/1/2014 alle ore:07:30 • Categoria: ComuneStampa Articolo

comune

Buoni lavoro voucher in arrivo dal Comune per l’impiego di giovani inoccupati, cassintegrati, disoccupati, studenti e casalinghe in piccoli interventi di pubblica utilità.
Il Comune guidato dal sindaco Paolo Spagnuolo mette a disposizione 1500 ore di lavoro con l’impegno di spesa di 15 mila euro che verranno utilizzati per pagare prestazioni occasionali attraverso i “buoni lavoro”, noti come voucher. La giunta comunale ha stanziato la somma necessaria all’acquisto di 1500 buoni dal valore nominale di 10 euro l’uno che saranno utilizzati per pagare attività spese nel giardinaggio, nella pulizia e nella manutenzione delle strade e degli spazi verdi, dei monumenti e degli edifici. Rientrano nel progetto anche attività di sorveglianza delle aree cittadine nel corso di eventi e manifestazioni pubbliche ed attività di supporto elementare agli uffici comunali. Il buono non è incompatibile sullo stato di disoccupazione ed è anche cumulabile con i trattamenti pensionistici. “I buoni lavoro rappresentano un’opportunità non solo per avvicinare i giovani inoccupati al mondo del lavoro ma anche per altre categorie come studenti, cassintegrati, casalinghe e disoccupati – afferma il delegato al Bilancio, Domenico Landi -. Si tratta di un’occasione utile per il Comune che in questo modo integrerà l’organico e per tanti giovani in cerca di una prima esperienza lavorativa e formativa. Attraverso questi contributi nel sociale il Comune ottiene una prestazione utile per la collettività”.
Sarà stilata una graduatoria delle domande pervenute in comune; i requisiti per partecipare sono la maggiore età e lo stato di disoccupazione. Ogni voucher ha un valore nominale di 10 euro, di cui 7,50 andranno al lavoratore e 2,50 andranno all’Inps ed Inail.
Naturalmente le prestazioni dei lavoratori occasionali dovranno essere eseguite sul territorio comunale, nei giorni, nei luoghi e negli orari stabiliti dai Responsabili di riferimento del Comune di Atripalda.
L’Ufficio personale di Palazzo di città formulerà distinte graduatorie in base alla tipologia di categorie di soggetti ammessi a partecipare. Il numero massimo di prestatori di lavoro accessorio acquisibili, in funzione delle risorse economiche stanziate e delle necessità dell’Ente, è pari a 20 lavoratori che saranno ripartiti in questo modo per ciascuna categoria: n. 2 prestatori per la categoria dei pensionati titolari di trattamento pensionistico; n. 6 prestatori per la categoria dei percettori di prestazioni integrative del salario o con sostegno al reddito, cassintegrati e lavoratori in mobilità; n. 3 per la categoria delle casalinghe; n. 2 per la categoria degli studenti; n. 7 per la categoria dei soggetti disoccupati ed inoccupati.
Il limite economico complessivo per singolo prestatore, calcolato su 75 ore di lavoro individuali
da articolare per un massimo di 20 ore settimanali, sarà pari a euro 750,00. Non possono partecipare alla selezione più componenti del medesimo nucleo familiare e qualora il numero massimo di prestatori per categoria non sia conseguito per mancanza o insufficienza di istanze oppure per eventuale inidoneità dei partecipanti, il numero resosi disponibile sarà assegnato alla categoria per la quale risultino presentate maggiori istanze. Tra una decina di giorni la pubblicazione del bando.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

6 Risposte »

  1. ottima cosa attenzione però ai destinatari.

  2. Spero possa essere una buona opportunità per chi necessita realmente

  3. vedremo quanti di quelli che vanno ogni settimana al comune per un sussidio o per un posto di lavoro andranno realmente a lavorare con il sistema dei voucher.

  4. staremo con gli occhi bene aperti,ad atripalda ci conosciamo tutti

  5. Presenterò la domanda, sperando che saranno accolte quelle x chi è davvero in difficoltà e non per i soliti raccomandati …….p.s.faccio parte della categoia che chiede il sussidio :D

  6. :)

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it