alpadesa
  
domenica 25 agosto 2019
Flash news:   Nozze Valentino-De Vinco, auguri Oggi inaugura il “Pettirosso”, primo Parco Avventura della cittadina del Sabato Esplosione al Palazzo Vescovile di Avellino, solidarietà del sindaco Spagnuolo e dell’Amministrazione comunale di Atripalda Children’s Day 2019, causa maltempo la manifestazione slitta al 7 e 8 settembre Scarichi di acque reflue industriali nel fiume Sabato, i Carabinieri Forestali denunciano il titolare di un’azienda Campagna Abbonamenti 2018/19: Uniti Si Vince Accorpamento temporaneo mercato del giovedì a parco Acacie, pubblicata la graduatoria degli operatori commerciali Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale”

Morto Steve Jobs, fondatore e guru della Apple. Commozione nel mondo

Pubblicato in data: 6/10/2011 alle ore:09:02 • Categoria: News dal mondoStampa Articolo

steve-jobs1È scomparso a 56 anni Steve Jobs. L’annuncio nella notte, sulla home page del sito della Apple: «Apple ha perso un genio creativo e visionario e il mondo ha perso un formidabile essere umano», dove campeggia una foto in bianco e nero di Steve Jobs con l’anno della nascita e quello della morte: 1955-2011.
Lo scorso 25 agosto Jobs aveva annunciato le dimissioni irrevocabili da amministratore dell’azienda che aveva fondato a causa della malattia che l’aveva tormentato per anni.
L’avventura Steve Jobs, nato a San Francisco il 24 febbraio del 1955, comincia nel 1976 quando insieme con Steve Wozniak e Ronald Wayne fonda la Apple, dopo aver eleborato i primi progetti nel garage di casa sua. In soli dieci anni la società raggiunge i 2 miliardi di dollari di fatturato e vanta quattromila dipendenti: oggi Apple è la seconda azienda in America e la prima nel settore dell’hi-tech a livello mondiale davanti a Google e Microsoft. Il lancio del primo Macintosh risale al 24 gennaio del 1984 ma nel 1985 Jobs decide di lasciare la società per le divergenze con John Sculley, ex Ceo della Pepsi Cola chiamato al timone della Apple l’anno precedente. Nel 1986 Jobs fonda la Pixar, che poi sarà venduta alla Disney, e dà vita alle celebri pellicole di animazione, totalmente prodotte al computer come, Toy Story o Alla ricerca di Nemo. Il ritorno di Jobs alla guida della società di Cupertino risale alla fine del 1998 quando viene chiamato in soccorso dell’azienda che naviga in pessime acque.
Dopo l’IMac, nel 2001, Jobs lancia sul mercato l’IPod e nel 2003 crea il negozio di musica virtuale ITunes che vende canzoni a 99 centesimi l’una. Nel 2004 i numeri della Apple raggiungono livelli da capogiro: le vendite dell’Ipod superano quota 10 milioni di pezzi e le canzoni scaricate su Itunes arrivano a 200 milioni. L’IPhone viene presentato nel gennaio del 2007 e a settembre viene aggiornato nella versione Touch. E’ ormai Apple-mania con le rituali file interminabili davanti ai negozi di tutto il mondo in occasione dell’uscita di ogni ultima novità della casa. Nel febbraio del 2009 la malattia costringe Jobs ad una prima assenza, per sottoporsi ad un trapianto di fegato. Torna sul palco acclamato come una rock star, per lanciare l’Ipad nel gennaio del 2011 ma poi si prende altri sei mesi di malattia pur rimanendo alla guida del gruppo.
L’addio al pubblico si celebra lo scorso 24 agosto quando Jobs lascia anche formalmente il timone della Apple al suo braccio destro, Tim Cook.
Grande commozione nel mondo per la sua scomparsa: lo ricordano anche Bill Gates, Larry Page, Mark Zuckerberg e altri.
Tnatissimi  fana si sono radunati davanti ai negzi Apple lasciando fiore e candele accese.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Morto Steve Jobs, fondatore e guru della Apple. Commozione nel mondo”

  1. Anonimo ha detto:

    Povero Steve
    Addio genio indiscutibile rimarrai sempre nel mio cuore firmato
    Anonimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *