alpadesa
  
Flash news:   Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere” Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata

Tarsu e IrpiniAmbiente, La Sala: “Landi faccia attenzione, sul Bilancio si misurerà la capacità di discontinuità reale dall’Amministrazione passata”

Pubblicato in data: 25/5/2012 alle ore:15:02 • Categoria: Lista "Piazza Grande", Politica

raffaele la-salaSarà opportuno che qualcuno ricordi al delegato al bilancio Landi, prima che si possa parlare il procurato allarme, che:
1. non si può pretendere alcuna mora per avvisi spediti il 26 aprile (ed in scadenza il 30 dello stesso mese) e recapitati a metà maggio (e che anzi è possibile comunque pagare entro l’ultima scadenza del 30 ottobre);
2. la debitoria verso IrpiniAmbiente è, ad oggi, proprio di 2.700.000 euro più, euro meno; ed aumenta ogni mese che passa;
3. questa somma va ad aggiungersi al debito residuo verso il Cosmari per alcune centinaia di migliaia di euro (si tratta dei ratei concordati e non ancora onorati);
4. per una serie di ragioni (correzione in ribasso dei ruoli per cartelle erronee o non dovute, oltre che per consolidate mancate riscossioni) l’incasso si attesta negli ultimi anni tra il 60 ed il 70%, con un disavanzo secco di circa il 35% annuo;
5. la Corte dei Conti è un organo di controllo e di garanzia che esercita anche funzioni ispettive. Provi a non rispondere ai rilievi di forma e di merito e se ne accorgerà.
6. la mancata svendita del Centro Servizi peserà, come un macigno, già sul prossimo previsionale e perciò occorre far presto perché l’eredità avvelenata di Laurenzano (in fuga dal Consiglio e dalle sue responsabilità politico-gestionali) non porti dritto al dissesto (del quale beninteso non è affatto responsabile Landi, che tuttavia, nello scomodo ruolo che gli è stato assegnato, deve cercare di evitare (senza dilazioni e reticenze).
Naturalmente su questo si misurerà la capacità di tenuta di una amministrazione che voglia segnare una discontinuità, non solo di facciata, rispetto alla gestione di Laurenzano e compagni.

P.S. La lettera con la quale Laurenzano si è dimesso… non si trova… Sembrerebbe essersi dissolta nelle nebbie di inconfessabili segreti di…pulcinella. Chi ce l’ha, la metta fuori: perché rappresenta il presupposto necessario alla surroga ed è un atto ufficiale (altro che pifferi).

Raffaele La Sala
capogruppo consiliare “Piazza Grande”

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Sabato mattina si inaugura la prima area di sgambatura cani di fronte Parco delle Acacie

Sabato mattina alle ore 10,30 alla presenza delle associazioni animaliste cittadine e dei rappresentanti del Comitato  di via Appia, il Read more

Intitolata a Biagio Venezia la sede provinciale della SPI-CGIL. Foto

"E' stata una cerimonia sobria e raccolta, tra vecchi amici di militanza e vecchi amici e basta, quella che ha Read more

Ambiente, il neoeletto Antonio Prezioso: «Si parte dal porta a porta, abbassare la Tarsu»

«Credo che gli elettori mi abbiano premiato per i miei cinque anni di attività all'opposizione e hanno approvato il mio Read more

Lotta all’evasione tributaria, inviati 300 avvisi di accertamento per 250 mila euro

Lotta all'evasione tributaria ad Atripalda, dalla verifica sugli immobili inviati oltre 300 avvisi di accertamento per 250 mila euro. I Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

6 risposte a “Tarsu e IrpiniAmbiente, La Sala: “Landi faccia attenzione, sul Bilancio si misurerà la capacità di discontinuità reale dall’Amministrazione passata””

  1. maurizio ha detto:

    vai sempre alla ricerca di case carute.non è di questo che serve ad Atripalda.

  2. Esodati ha detto:

    Caro Lello, ci hai stancato,vai trovanno sempe o pilo rindo a l’uovo.
    Cagna rota.

  3. Tekumseh ha detto:

    al n.1 vedi bene che il prof. La Sala ha ragione!!!!

  4. un uomo ONESTA ha detto:

    Secondo me il comune deve dichiarare il dissesto

  5. ommo ha detto:

    Il Sindaco e gli assessori non parlano con La Sala e viceversa visto che il Prof. fa le lezioncine elementari per amministratori ritardati e distratti? Come è possibile che nessuno di essi non ha voglia di parlare o di andare a lezione dal Prof , almeno i “pistolotti” inutili se li prendono loro. L’ asilo della “politica” edizioni La Sala. Siamo veramente messi male. Operare non parlare, parlare , parl…………….

  6. Antonio ha detto:

    il dissesto ? AHI AHI AHI ALLORA COSA SI è CONTROLLATO PRIMA DI CANDIDARSI ? si guardassero la castagna ,xchè la gente onesta che ha sempre pagato si è rotta gli zebedei di certi balletti ! ATTENZIONE CHE FINISCE MALE STA STORIA !è SOPRATUTTO FUORI I NOMI DI CHI NON PAGA LA TARSU !LA CRISI NON GIUSTIFICA QUESTE PORCHERIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *