alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta” Piantumato l’albero donato al Comune dai giovani di “Idea Atripalda” Il Consorzio A5 a confronto su Donne e Opportunità

Amministrazione Spagnuolo, le accuse del consigliere Moschella (Fi): “Dopo un anno terribile continua il valzer tra crisi e tregue senza alcun interesse per la cittadinanza”

Pubblicato in data: 12/1/2014 alle ore:16:56 • Categoria: Pdl, Politica

moschellaLa città di Atripalda si lascia alle spalle un annus horribilis, segnato da una serie di eventi che nulla hanno a che vedere con l’interesse della cittadinanza ma che inevitabilmente hanno finito con il condizionare la vita dell’Ente stesso. È possibile farne un triste riepilogo:
– il 18 febbraio 2013 il sindaco Paolo Spagnuolo dice addio all’Udc e abbraccia Scelta Civica con Monti;
– il 21 febbraio 2013 anche il consigliere Flavio Pascarosa lascia l’Udc e aderisce al progetto Scelta Civica con non poche polemiche;
– poche ore dopo l’Udc risponde aprendo la crisi e minaccia di sfiduciare il sindaco Spagnuolo;

– l’assessore all’Ambiente Antonio Prezioso viene commissariato dal Prefetto che affida la gestione del servizio di raccolta alla dott.ssa Curto;
– il 25 marzo 2013 l’ex assessore Dimitri Musto annuncia la sua adesione all’Udc dopo lo strappo con lo Psi atripaldese e con il consigliere Pacia;
– il 4 giugno quando gli animi sembrano essersi rasserenati spunta un documento con il quale i consiglieri dell’Udc rimettono le deleghe e gli assessori rassegnano le dimissioni dalla giunta; si consuma dunque sugli organi di stampa un’accesa discussione tra i vari schieramenti un tempo identificatisi sotto lo slogan “Uniti per Atripalda”;
– il 1 ottobre 2013 la consigliera Scioscia rende nota l’adesione al Pd.
Nel frattempo di fronte a queste bagarre di natura esclusivamente “poltronista” restano chiusi nel cassetto tutti quei temi fondamentali sbandierati in campagna elettorale:
– Mancata alienazione del Centro Servizi;
– Mancato finanziamento di “Giullarte”;
– Mancata dislocazione al centro del mercato settimanale;
– Mancata apertura della bretella di collegamento tra via Serino e contrada Cerzete;
– Scarsa manutenzione del verde pubblico;
– Mancata realizzazione dell’ottava edizione dell’evento “Segnali”;
– Scarso controllo del traffico veicolare in punti critici come via Appia, via Manfredi, P.zza d’Orta;
– Mancati interventi di manutenzioni straordinaria agli alloggi popolari di Contrada Alvanite per danni cagionati alle grondaie dall’evento nevoso del 2012;
– Mancata pulizia delle caditoie sparse che puntualmente causano l’allagamento con non pochi disagi in Via Appia, nell’ex Contrada Santissimo, in Contrada Alvanite e via Cesinali.
Non inizia meglio il 2014, visto che proprio nei giorni scorsi è andata deserta una riunione di maggioranza convocata dal consigliere Landi per valutare le linee programmatiche, nel frattempo batte i pugni il Pd che chiede un altro posto in giunta e un paio di deleghe.. e magari si riparte con i valzer, le crisi, le dimissioni e autosospensioni, le richieste, le tregue, le ridistribuzioni delle deleghe… insomma siamo alle solite! Prosit.

consigliere comunale Fi Vincenzo Moschella

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

6 risposte a “Amministrazione Spagnuolo, le accuse del consigliere Moschella (Fi): “Dopo un anno terribile continua il valzer tra crisi e tregue senza alcun interesse per la cittadinanza””

  1. ottavio ha detto:

    tutto bene quello che dici erg, cons, moschella.ma nella tua breve vita politica ci puoi dire fino ad oggi quanti partiti ai cambiato perchè ormai abbiamo perso il conto?

  2. Nappo Carmela ha detto:

    sono d’accordo per quello che ha detto ottavio Vincenzo anche tu hai cambiato partiti come tutti altri è poi scrivi.
    Beh chi non ha peccato scagli la prima pietra

  3. Stufatooooooooooo ha detto:

    Parli proprio tu da Fi a noi sud, poi comm a visto male acque te na tornato a Fi

  4. una che a votato la lista spag. ha detto:

    FORSE NON CONOSCETE VINCENZO, UN RAGAZZO SEMPRE DISPONIBILE E CORTESE CON TUTTI, VIENE ACCUSATO DI UNA COSA CHE E’ ALL’ORDINE DEL GIORNO QUELLA DI CAMBIARE PARTITO, ALLORA LA SCIOSCIA “FIGLIA” LA PARZIALE E ALTRI CHE NON RICORDO COSA DOVREMMO FARE ?

  5. CONTE ha detto:

    Landi vuole andare nel PD Iannaccone si dimette ogni 15 giorni e pure lui vuole passare nel PD adesso ci lamentiamo che moschella è passato da forza italia a noi sud.

  6. Saverio ha detto:

    Caro Vincenzo cambia sport…la politica non fa per te !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *