marted� 05 marzo 2024
Flash news:   Migliorare la sicurezza stradale e riqualificare arterie urbane: protocollo d’intesa tra i comuni di Aiello del Sabato, Atripalda, Contrada e Mercogliano Al centro culturale Fortapàsc il professore Giovanni De Feo presenta il suo nuovo libro “Tuttù-cià” Si presenta il progetto “Circoli Rifugio – Più Corridoi per la Libertà” Oggi presentazione del volume di Lucio Fiore Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time”

Pd e amministrazione, Lello La Sala (Piazza Grande) a Tuccia e Malavena: “Tra accelerate e frenate invito alla riflessione”

Pubblicato in data: 19/1/2014 alle ore:12:00 • Categoria: Lista "Piazza Grande", Politica

la-sala

Per carità… non vorrei proprio entrare nel merito delle cose dette dal segretario piedìno Malavena (in un’intervista al “Sabato” e nel virgolettato di “Atripaldanews”), innanzitutto per il rispetto che si deve ad un percorso politico che si avvia sull’impervio cammino del ‘rinnovamento’. Piuttosto incuriosisce -mettiamola così- il modo (sul quale inviterei, chi può e sa, anche nel Pidì, ad una pacata riflessione).
Insomma… avesse usato proprio quelle parole (e non ho motivo di dubitarne, fatta pure la tara di improbabili ‘fraintendimenti’ giornalistici) tanto di cappello al malavenastyle: esemplare rappresentazione di sapienza retorica, che si muove con impeccabile disinvoltura tra collegialità e fair playpolitico-istituzionale, tra crisi e rimpasti, tra responsabilità (presunte) di Paolo ed accelerazioni (eventuali) di Gigìno.
Un grazioso volteggio di perifrasi, dissimulazioni, eufemismi, litoti e panegirici che, come prima manifestazione pubblica di ‘rinnovamento’, si raccomanda, prima che per i contenuti, come un vero e proprio esercizio di stile. Vediamo: “Non conosco le ragioni che hanno spinto Tuccia a dare un’accelerata…”; non la metterei in questi termini; Non entro nel merito…; non mi faccia aggiungere altro…; “penso che il lavoro complessivo vada rafforzato…”; ed ancora: “Ma pur ritenendo che nessuno di loro [ dei nostri amministratori] si stia tirando indietro, c’è bisogno di una scossa. Luigi [Tuccia] ha ritenuto di dare un’accelerata, avrà avuto anche i suoi buoni motivi. Della questione amministrativa ne avevo con lui discusso in modo amichevole ed informale. Poi si sarà trovato nelle condizioni di dare un’accelerata e non era necessaria la mia presenza. Un’operazione fatta comunque nel rispetto e nell’interesse del Pd.”
Al quale nulla toglie, anzi… la necessaria frenatina, sotto la specie di una prevedibile precisazione collegiale ex post. Che lascia tutte le questioni aperte (come si dice) ed altre ancora ne spalanca, nella lunga corsa, già partita, fino alle prossime regionali: con un quadro politico incerto e friabile che, in quanto a posizionamenti, campagne acquisti e torbidi maneggi fa già impallidire i rituali di prime e seconde repubbliche. Bingo.

Raffaele La Sala capogruppo “Piazza Grande”

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una risposta a “Pd e amministrazione, Lello La Sala (Piazza Grande) a Tuccia e Malavena: “Tra accelerate e frenate invito alla riflessione””

  1. Morbillo ha detto:

    So ragazzi…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *