alpadesa
  
Flash news:   Installazione colonnine per la ricarica auto elettriche ad Atripalda, nominata la commissione giudicatrice per l’apertura delle offerte Coronavirus, risale il contagio: 194 i positivi in Irpinia, 1 ad Atripalda. Ecco il bollettino dell’Asl Vallone Testa e Fosso Orto di Preti, sopralluogo e richieste di autorizzazione per i due progetti di riqualificazione e di risanamento idrogeologico ad Atripalda. Foto Addio a Diego Armando Maradona, il mondo piange l’ex Pibe de Oro Coronavirus, altri 3 contagiati ad Atripalda e 61 nuovi positivi in Irpinia Francesca Aquino in una lettera racconta le difficoltà per la pandemia dopo l’apertura di un negozio ad Atripalda: «non rinuncio al sogno di fare l’imprenditrice» Spaccia di droga: 40enne di Atripalda dai domiciliari al carcere Tributi non pagati, il Comune di Atripalda si affida per la riscossione coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali alla ditta esterna “Gamma Tributi Srl” Autovelox, il comune di Atripalda incassa nuove sconfitte dinanzi al Giudice di Pace di Avellino “25 novembre – giornata mondiale contro la violenza di genere”, l’appello dei Carabinieri: “trovare sempre il coraggio di denunciare”

Il deputato del M5S Carlo Sibilia denuncia: “Statue della Dogana dei Grani abbandonate, intervenga il ministro”. FOTO

Pubblicato in data: 5/10/2017 alle ore:14:06 • Categoria: MoVimento 5 Stelle Grillo, Politica

Otto statue della Dogana, dal valore inestimabile, completamente abbandonate”. E’ la denuncia fatta dal parlamentare del Movimento 5 Stelle, Carlo Sibilia, all’indomani di una visita all’interno della Dogana dei Grani di Atripalda. In un post di denuncia su Facebook, il deputato definisce la situazione una vera e propria “vergogna”.

“Si parla tanto delle strutture ma alla fine il vero valore della Dogana di Avellino, ovvero le statue, si trovano in stato di totale abbandono”. Sibilia con veemenza fa presente che le opere, “dal valore inestimabile” sono “completamente abbandonate, a terra, in condizioni precarie, impolverate, senza che nessuno se ne sia mai potuto o voluto occupare”.

Inevitabile il passaggio sulle “responsabilità”, che per il deputato pentastellato “non sono da attribuire ai dipendenti del Palazzo situato al centro della cittadina della Valle del Sabato, che dall’incendio del dicembre del 1992 hanno addirittura l’onere di custodirle sotto la propria responsabilità; piuttosto a istituzioni locali e politica che hanno privato i cittadini di un importante patrimonio culturale”.

Carlo Sibilia, acquisite le necessarie informazioni, farà presente la questione al ministro Franceschini, annunciando di chiedere il suo “intervento urgente. Non riusciamo a capire come si possa trattare in questo modo la cultura avellinese e la cultura irpina in generale. Uno di quei motori economici dello sviluppo inteso dal M5S”.
Nel suo lungo post sul social network, Sibilia parla anche della struttura che, ad oggi, custodisce le statue: “La Dogana dei Grani è svuotata di ogni funzione. Basti pensare che anche l’impianto anti-incendio, realizzato con soldi pubblici, non è mai stato collaudato” e accusa: “C’è spreco di soldi pubblici dietro ogni porta che si apra. Questa struttura è stata spogliata di qualsiasi significato: locali svuotati quasi del tutto e pieni di opere salvate dal terremoto dell’80 o scampate ad altre tragedie, che non sono mai più state toccate. Niente programmazione, niente risorse, niente cultura. Non si fa nulla per valorizzare né la struttura né le opere contenute. I dipendenti, i cittadini, la cultura meritano di più. Spero di poter incontrare la direttrice Antonella Cucciniello per poter fare la mia parte nel rilancio di un polo importante. Chiederò l’intervento urgente del Governo”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *