Flash news:   Sette nuove assunzioni dal 30 settembre al Comune di Atripalda e avviati i Progetti di Utili alla Collettività Elezioni Politiche 2022, l’Irpinia premia il centrodestra: Gianfranco Rotondi alla Camera e Giulia Cosenza al Senato Servizi di refezione e trasporto scolastico la Giunta Spagnuolo fissa i nuovi termini per le iscrizioni Elezioni Politiche 2022, Oggi silenzio elettorale. Domani si vota: seggi aperti dalle 7 alle 23 Abellinum, in Comune l’Università di Salerno e la Soprintendenza hanno presentato i risultati degli scavi. Foto Elezioni Politiche 2022, Gianfranco Rotondi chiude la campagna elettorale ad Atripalda: «qui ci sono sempre stato e dalla città mi aspetto un supporto fondamentale». Foto Elezioni Politiche 2022, bagno di folla per la chiusura del Pd ad Avellino. Petracca:”straordinaria partecipazione, abbiamo già vinto”. Foto Passaggio di testimone nella guida della chiesa madre da Don Fabio Mauriello a don Luca Monti: il saluto del parroco e il ringraziamento del sindaco Rissa e furti durante i festeggiamenti per il Santo Patrono Sabino, è allarme ad Atripalda: Abc chiede un comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica Lavori di demolizione e ricostruzione scuola media Masi: due offerte all’indagine di mercato di locali da adibire ad aule

Il Meetup “Amici di Beppe Grillo Atripalda” denuncia: « L’isola che non c’è…quella ecologica»

Pubblicato in data: 29/10/2018 alle ore:17:10 • Categoria: MoVimento 5 Stelle Grillo, Politica

In quanto cittadini attivi vogliamo sollecitare l’interesse degli Atripaldesi verso il monitoraggio costante delle azioni svolte dall’amministrazione comunale in carica. Dopo 16 mesi di attività ci sembra appropriato confrontare i punti del programma elettorale con le cose effettivamente realizzate e chiedere all’amministrazione spiegazioni e ragguagli  per quelle non realizzate.

Iniziamo con   L’isola che non c’è…quella ecologicaGiugno 2017.Così recitava il meraviglioso programma elettorale di “Scegliamo Atripalda”,vittoriosa variegata compagine elettorale di esperti e competenti politici  provenienti da ogni dove, nella sezione ambiente dedicata alla gestione dei rifiuti:

 “Il servizio di raccolta dei rifiuti sarà migliorato con la riduzione della produzione della quota indifferenziata, incentivando la raccolta differenziata e realizzando il centro di raccolta rifiuti comunale, con conseguente riduzione dei costi. Parteciperemo attivamente alla costruzione del nuovo modello di gestione del ciclo rifiuti provinciale, con gli obbiettivi di efficienza e riduzione dei costi, non subendo semplicemente decisioni altrui. Assicureremo una maggiore pulizia delle strade e delle piazze cittadine, anche valutando l’opportunità della gestione autonoma del ervizio di spazzamento”.

Vediamo ora cosa è realmente accaduto nel fantastico mondo della politica degli esperti rispetto alle promesse del programma.

Riduzione frazione indifferenziata: del tutto disattesa. Infatti il dato verificato del primo semestre del 2018 evidenzia una continuità nel calo della percentuale di rifiuti differenziati che ci porterà ampiamente al di sotto del 60% a fine anno, non raggiungendo nemmeno gli obiettivi minimi.

Riduzione dei costi: Conseguenza del primo punto, più indifferenziato da conferire uguale maggiori costi; come si sa lo smaltimento del  rifiuto differenziato  costa meno e talvolta addirittura può diventare una risorsa! L’amministrazione lo sta evitando come il diavolo con l’Acqua Santa !  Tant’è che nei primi otto mesi del 2018 si evidenzia un aumento medio  nei costi del 17% con picchi del 25% nei mesi di luglio e agosto, straordinario risultato anche peggiore della precedente amministrazione, il che è tutto dire!

Parteciperemo attivamente alla costruzione del nuovo modello di gestione del ciclo rifiuti provinciale…non subendo semplicemente decisioni altrui: Eccellente proposito ! Peccato non si abbia notizia di questi tavoli provinciali presso i quali sono in corso tali decisioni ai quali la nostra amministrazione stia partecipando attivamente facendo valere le sue ragioni  e proposte. ( Ma forse sono tavoli segreti data l’importanza strategica dell’argomento trattato).

Decoro urbano: la parola ai cittadini.

Servizio di spazzamento autonomo…lo stiamo ancora aspettando!

A questo si aggiunge:

La raccolta porta a porta doveva eliminare i cassonetti dalla strada: Si promettevano addirittura i cassonetti integrati,ma crediamo pochi se li aspettassero davvero;resta invece che i carrellati non erano spariti  con la precedente amministrazione e oggi sono ancora tutti lì.

 – il rispetto degli orari e la qualità del conferimento: risulta che l’incarico per tale controllo sia stato affidato ma di tali “guardie ambientali” ad oggi non v’è traccia. Nel frattempo si conferisce ogni cosa a qualsiasi ora con buona pace dell’igiene e del decoro urbano ( questo un punto specifico del programma – vedi sopra ).

-Regolarità dei ritiri prestabiliti: esiste la regola ma non è applicata a pieno,si riscontrano di sovente ritiri effettuati a macchia di leopardo;dismesso da settimane il ritiro degli ingombranti(chi controlla il controllore!?)

Contrasto all’abbandono dei rifiuti: appena avviato e già interrotto, il meccanismo delle fototrappole installate mesi fa si è evidentemente inceppato, non  si hanno più notizie di incivili colti sul fatto.

Senza attendere i segnali della Provvidenza, i diversamente competenti amministratori attuali cosa pensano di fare per frenare l’ondata indifferenziata dei rifiuti che sta aumentando in volume e costi? Quali azioni immediate possiamo attendere da questa amministrazione e che fin’ ora ci ha sapientemente nascosto?
L’isola ecologica sarà realizzata o resterà l’isola che non c’è promessa fanciullesca di amministratori che mai mantengono gli impegni?

Amici di Beppe Grillo Atripalda

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Il Meetup “Amici di Beppe Grillo Atripalda” denuncia: « L’isola che non c’è…quella ecologica»”

  1. i ha detto:

    La e’ tutta un’isola Ecologica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.