alpadesa
  
Flash news:   Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani Alvanite, dopo le nuove polemiche interviene l’assessore al Patrimonio Del Mauro: «Il quartiere sconta almeno quindici anni di mancata manutenzione che certamente non si può imputare a quest’amministrazione. Noi stiamo facendo il possibile, ma non sono case con la scadenza, questa è una barzelletta» “Atripalda ricomincia a correre”, lettera d’amore alla città del decano dei commercianti Pasquale Pennella

Il Meetup “Amici di Beppe Grillo Atripalda” denuncia: « L’isola che non c’è…quella ecologica»

Pubblicato in data: 29/10/2018 alle ore:17:10 • Categoria: MoVimento 5 Stelle Grillo, Politica

In quanto cittadini attivi vogliamo sollecitare l’interesse degli Atripaldesi verso il monitoraggio costante delle azioni svolte dall’amministrazione comunale in carica. Dopo 16 mesi di attività ci sembra appropriato confrontare i punti del programma elettorale con le cose effettivamente realizzate e chiedere all’amministrazione spiegazioni e ragguagli  per quelle non realizzate.

Iniziamo con   L’isola che non c’è…quella ecologicaGiugno 2017.Così recitava il meraviglioso programma elettorale di “Scegliamo Atripalda”,vittoriosa variegata compagine elettorale di esperti e competenti politici  provenienti da ogni dove, nella sezione ambiente dedicata alla gestione dei rifiuti:

 “Il servizio di raccolta dei rifiuti sarà migliorato con la riduzione della produzione della quota indifferenziata, incentivando la raccolta differenziata e realizzando il centro di raccolta rifiuti comunale, con conseguente riduzione dei costi. Parteciperemo attivamente alla costruzione del nuovo modello di gestione del ciclo rifiuti provinciale, con gli obbiettivi di efficienza e riduzione dei costi, non subendo semplicemente decisioni altrui. Assicureremo una maggiore pulizia delle strade e delle piazze cittadine, anche valutando l’opportunità della gestione autonoma del ervizio di spazzamento”.

Vediamo ora cosa è realmente accaduto nel fantastico mondo della politica degli esperti rispetto alle promesse del programma.

Riduzione frazione indifferenziata: del tutto disattesa. Infatti il dato verificato del primo semestre del 2018 evidenzia una continuità nel calo della percentuale di rifiuti differenziati che ci porterà ampiamente al di sotto del 60% a fine anno, non raggiungendo nemmeno gli obiettivi minimi.

Riduzione dei costi: Conseguenza del primo punto, più indifferenziato da conferire uguale maggiori costi; come si sa lo smaltimento del  rifiuto differenziato  costa meno e talvolta addirittura può diventare una risorsa! L’amministrazione lo sta evitando come il diavolo con l’Acqua Santa !  Tant’è che nei primi otto mesi del 2018 si evidenzia un aumento medio  nei costi del 17% con picchi del 25% nei mesi di luglio e agosto, straordinario risultato anche peggiore della precedente amministrazione, il che è tutto dire!

Parteciperemo attivamente alla costruzione del nuovo modello di gestione del ciclo rifiuti provinciale…non subendo semplicemente decisioni altrui: Eccellente proposito ! Peccato non si abbia notizia di questi tavoli provinciali presso i quali sono in corso tali decisioni ai quali la nostra amministrazione stia partecipando attivamente facendo valere le sue ragioni  e proposte. ( Ma forse sono tavoli segreti data l’importanza strategica dell’argomento trattato).

Decoro urbano: la parola ai cittadini.

Servizio di spazzamento autonomo…lo stiamo ancora aspettando!

A questo si aggiunge:

La raccolta porta a porta doveva eliminare i cassonetti dalla strada: Si promettevano addirittura i cassonetti integrati,ma crediamo pochi se li aspettassero davvero;resta invece che i carrellati non erano spariti  con la precedente amministrazione e oggi sono ancora tutti lì.

 – il rispetto degli orari e la qualità del conferimento: risulta che l’incarico per tale controllo sia stato affidato ma di tali “guardie ambientali” ad oggi non v’è traccia. Nel frattempo si conferisce ogni cosa a qualsiasi ora con buona pace dell’igiene e del decoro urbano ( questo un punto specifico del programma – vedi sopra ).

-Regolarità dei ritiri prestabiliti: esiste la regola ma non è applicata a pieno,si riscontrano di sovente ritiri effettuati a macchia di leopardo;dismesso da settimane il ritiro degli ingombranti(chi controlla il controllore!?)

Contrasto all’abbandono dei rifiuti: appena avviato e già interrotto, il meccanismo delle fototrappole installate mesi fa si è evidentemente inceppato, non  si hanno più notizie di incivili colti sul fatto.

Senza attendere i segnali della Provvidenza, i diversamente competenti amministratori attuali cosa pensano di fare per frenare l’ondata indifferenziata dei rifiuti che sta aumentando in volume e costi? Quali azioni immediate possiamo attendere da questa amministrazione e che fin’ ora ci ha sapientemente nascosto?
L’isola ecologica sarà realizzata o resterà l’isola che non c’è promessa fanciullesca di amministratori che mai mantengono gli impegni?

Amici di Beppe Grillo Atripalda

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi)

Irpiniambiente ha pubblicato i dati della raccolta differenziata dei rifiuti relativa al 2019, passando in rassegna comune per comune riferisce Read more

La Giunta Spagnuolo approva il Rendiconto 2019 che chiude con un disavanzo peggiore del 2018 e il sindaco convoca il Consiglio comunale: rosso da 6 milioni di euro

La Giunta Spagnuolo approva il Rendiconto di gestione per l’esercizio 2019 che chiude con un disavanzo peggiore del 2018 e Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Il Meetup “Amici di Beppe Grillo Atripalda” denuncia: « L’isola che non c’è…quella ecologica»”

  1. i ha detto:

    La e’ tutta un’isola Ecologica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *