alpadesa
  
Flash news:   Murata e bonificata l’ex scuola elementare di rampa San Pasquale dopo gli atti vandalici. FOTO Seconda edizione estiva del “Cinema in Piazzetta” Nancy Palladino eletta presidente del Consorzio dei Servizi Sociali A5: «coronamento di un impegno nelle politiche sociali che dura da venticinque anni» Sidigas, il Gip sequestra solo 8 milioni di euro Prima buca le ruote e poi deruba automobilisti anche in città, arrestato dai Carabinieri 30enne napoletano “1992-Le loro idee sono ancora vive”, venerdì convegno organizzato da Idea Atripalda Giardini di Palazzo Caracciolo, venerdì sera visita guidata della Pro Loco di Atripalda Istituto comprensivo “De Amicis-Masi”, il nuovo dirigente scolastico è Amalia Carbone Festa in onore di Maria SS.ma del Carmelo: processione, fuochi pirotecnici e notte bianca con artisti di strada “16 luglio 1969 – 16 luglio 2019”: dalla Terra alla Luna, sotto il cielo di Atripalda.

Ricatto hard ad un parroco di Atripalda:“Paga o diffondo il video”. Tre a processo

Pubblicato in data: 19/4/2019 alle ore:11:40 • Categoria: CulturaStampa Articolo

“Paga o diffondo i nostri video hard”, era la frase che tre giovani ripetevano alle loro vittime. Tra queste anche un parroco di Atripalda: “Li vedranno il vescovo e i parrocchiani. Tutti sapranno quello che fai”. Ma il prete non si è lasciato intimorire.

Alla richiesta di somme di danaro, ha risposto con una denuncia dalla quale sono partite le indagini nel 2016. Altre richieste del genere erano state fatte pure a commercianti dell’hinterland avellinese finiti nella trappola ma pronti a denunciare. Un piano criminoso organizzato dai tre, due ragazzi e una ragazza. Due sono originari di Prata Principato Ultra mentre un altro di Aiello del Sabato. Ricatti falsi, anche attraverso l’utilizzo dei social network, contro i quali le vittime hanno avuto la forza di opporsi. Infatti le scene hard venivano girate all’insaputa. In una di queste, si vedeva una ragazza (minorenne all’epoca dei fatti) in abiti succinti nell’esercizio commerciale della possibile vittima, una pasticceria, alla quale poi veniva richiesta una somma in danaro per non fare pervenire le immagini alla moglie.

I tre giovani, dovranno così presentarsi, il prossimo 10 luglio dinanzi al Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Avellino, Marcello Rotondi. L’inchiesta è coordinata dalla Procura della Repubblica di Avellino, con il sostituto procuratore Fabio Massimo Del Mauro.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *