alpadesa
  
domenica 05 luglio 2020
Flash news:   Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere” Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti» Buon compleanno al “vulcano” Antonio De Vinco Addio a Ciriaco Coscia, un pezzo della storia politica del Pci in Irpinia. Il ricordo dell’ex consigliere Andrea Montuori Al via il Bando di Gara per il servizio di scassettamento dei venti parcometri ad Atripalda Guasto allo Stir, stop alla raccolta dell’indifferenziato fino a sabato in tutti i comuni Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore” Playoff Serie C, Ternana-Avellino 0-0: lupi eliminati

Ricatto hard ad un parroco di Atripalda:“Paga o diffondo il video”. Tre a processo

Pubblicato in data: 19/4/2019 alle ore:11:40 • Categoria: Cultura

“Paga o diffondo i nostri video hard”, era la frase che tre giovani ripetevano alle loro vittime. Tra queste anche un parroco di Atripalda: “Li vedranno il vescovo e i parrocchiani. Tutti sapranno quello che fai”. Ma il prete non si è lasciato intimorire.

Alla richiesta di somme di danaro, ha risposto con una denuncia dalla quale sono partite le indagini nel 2016. Altre richieste del genere erano state fatte pure a commercianti dell’hinterland avellinese finiti nella trappola ma pronti a denunciare. Un piano criminoso organizzato dai tre, due ragazzi e una ragazza. Due sono originari di Prata Principato Ultra mentre un altro di Aiello del Sabato. Ricatti falsi, anche attraverso l’utilizzo dei social network, contro i quali le vittime hanno avuto la forza di opporsi. Infatti le scene hard venivano girate all’insaputa. In una di queste, si vedeva una ragazza (minorenne all’epoca dei fatti) in abiti succinti nell’esercizio commerciale della possibile vittima, una pasticceria, alla quale poi veniva richiesta una somma in danaro per non fare pervenire le immagini alla moglie.

I tre giovani, dovranno così presentarsi, il prossimo 10 luglio dinanzi al Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Avellino, Marcello Rotondi. L’inchiesta è coordinata dalla Procura della Repubblica di Avellino, con il sostituto procuratore Fabio Massimo Del Mauro.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Ultimo giorno di scuola, il gruppo civico “IDEA Atripalda” propone di viverlo all’aperto

Molti comuni stanno organizzando un ultimo giorno di scuola da vivere non dietro lo schermo di un pc o di Read more

“Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista

Il 25 maggio del 1905 nasceva il grande meridionalista. Frammenti del suo rapporto con la Provincia di Avellino: Quando Manlio Read more

Coronavirus, Santa Rita senza processione nei versi di Gabriele De Masi

Santa Rita, anche senza processione, è sempre preghiera fervida di sincere donne penitenti e devote per l'intercessione dei casi difficili. Read more

Coronavirus, Santa Rita senza processione questa sera ad Atripalda

Atripalda si prepara a vvere in maniera silenziosa e più intima la giirnata dedicata alla "sua" santa custodita nella Chiesa Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *