domenica 21 aprile 2024
Flash news:   Cambia la modalità di raccolta dei rifiuti ad Atripalda I vigili del fuoco recuperano un cagnolino dal letto del fiume Sabato Arresti ex sindaco Festa, ecco la nota della Procura di Avellino La Procura dispone gli arresti domiciliari per il sindaco dimissionario di Avellino Tragedia in via Appia, ventottenne di Mugnano muore stroncato da un infarto dopo una cena Restituzione deleghe Mazzariello, l’ex sindaco attacca: «l’amministrazione non ha visione e progettualità» Francesco Mazzariello restituisce le deleghe ai Lavori Pubblici e al Pnrr nelle mani del sindaco Paolo Spagnuolo La Scandone sconfitta a Piazza Armerina Avellino-Benevento, stasera lo stadio “Partenio-Lombardi” è sold out L’atripaldese Tonia Romano si ritira dall’Isola dei Famosi

Municipalizzata ad Atripalda, il sindaco Paolo Spagnuolo: “andiamo avanti”

Pubblicato in data: 11/4/2023 alle ore:14:35 • Categoria: Comune, Politica

In merito alla costituzione della società in house, la Corte dei Conti ha trasmesso, l’ultimo giorno utile, il parere consultivo negativo. Con le recenti modifiche introdotte dalle L. 118 del 5/8/2022, la Corte dei Conti è tenuta ad esprimere un parere non vincolante sulla sostenibilità di acquisizione di partecipazioni o costituzioni di nuove società pubbliche. Antecedentemente la procedura prevedeva l’invio della documentazione alla Magistratura Contabile ai soli fini conoscitivi.

Va notato che nel parere emerge da un lato la correttezza delle procedure eseguite dal Comune e dall’altro una impossibilità della stessa Corte a valutarne in modo puntuale la sostenibilità economica in quanto la documentazione relativa al piano economico finanziario non è stata ritenuta sufficiente. Difatti, la Magistratura Contabile afferma, al paragrafo 6.1, che la carenza di informazioni non consente “al Collegio di apprezzare la necessità della costituzione della Società e la sussistenza dei presupposti per il ricorso al modello dell’in house providing con riferimento ad una così ampia ed eterogenea gamma di servizi”; al paragrafo 6.2, in relazione alla valutazione del Piano Economico Finanziario, la Corte dei Conti definisce l’operazione quale acquisizione di partecipazione mentre il Comune intende costituire una nuova società, fattispecie completamente diversa.

In ogni caso, l’amministrazione comunale, nel rispetto del parere della C.C. e dei punti critici in essa contenuti, intende proseguire nella scelta effettuata, motivandola più analiticamente, in quanto risulta risolutiva rispetto, ad esempio, all’endemico problema della carenza di manutenzione quotidiana che penalizza i cittadini in tema di qualità di vita e di decoro urbano.

Tale possibilità è contemplata dalla stessa Corte dei Conti, nonché prevista dal comma 4 dell’art. 5 del TULPS che così recita: “in caso di parere in tutto o in parte negativo, ove l’amministrazione pubblica interessata intenda procedere egualmente, la stessa è tenuta a motivare analiticamente le ragioni per quali intenda discostarsi dal parere e a dare pubblicità, nel proprio sito internet istituzionale, a tali ragioni”.

Inoltre, la possibilità di proseguire nel percorso avviato resta rafforzata dal buon lavoro svolto dagli uffici comunali, asseverato del Revisore dei Conti dell’Ente, che per comprovata competenza tecnica e piena conoscenza della macchina amministrativa hanno analizzato giuridicamente ed economicamente la sostenibilità dell’Azienda Comunale Multiservizi.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *