luned� 15 aprile 2024
Flash news:   L’atripaldese Tonia Romano si ritira dall’Isola dei Famosi Un pozzo del tardo medioevo e una tegola con sigillo in lingua osca emergono dai saggi archeologici lungo rampa San Pasquale Aperto il cantiere di riqualificazione della fontana artistica di piazzetta Garibaldi Al via la prevendita del big match Avellino-Benevento Fiamme ad Atripalda in un’azienda che si occupa di riciclaggio di rifiuti La Scandone espugna Barcellona Pozzo di Gotto L’atripaldese Tonia Romano stasera in Honduras con L’Isola dei Famosi Al via i saggi archeologici a rampa San Pasquale in vista della messa in sicurezza del costone Il cardinale Ernest Simoni ad Atripalda per la conclusione del Giubileo straordinario dedicato al martirio di Sant’Ippolisto Turris–Avellino: da oggi il via alla prevendita

Antonio Prezioso (Fdi): “se l’amministrazione chiede ai cittadini di stringere la cinghia dovrebbe dare l’esempio riducendo la propria indennità”

Pubblicato in data: 20/6/2023 alle ore:17:06 • Categoria: Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, Politica

Nell’ultimo consiglio comunale è stato deliberato l’aumento consistente dell’Imu (imposta municipale unica), che in totale porterà ad un aumento delle imposte di circa 300 mila euro, cosi come si evince dai dati diffusi dall’amministrazione comunale. Contestualmente è stato annunciato anche l’aumento dei costi relativi alla Tari (tassa sui rifiiuti) che dopo anni di stabilità torna a crescere. Stiamo parlando, soprattutto in riferimento all’Imu, di uno degli aumenti più consistenti dell’ultimo decennio. Tutto ciò si va ad innestare in una fase di grossa difficoltà economica che vivono famiglie e imprese atripaldesi a causa della crescente inflazione dovuta all’aumento dei costi di bollette di gas e di energia elettrica in particolare.

Attraverso comunicati stampa, gli esponenti di minoranza accusano l’amministrazione di cattiva gestione della spesa pubblica, con particolare riferimento ai tanti eventi mondani, agli aumenti consistenti delle indennità che spettano ai componenti della Giunta comunale e ai costi relativi alla creazione della società municipalizzata.

Il gruppo consiliare Attiva Atripalda (la maggioranza) ha replicato a sua volta accusando la precedente amministrazione di aver “gonfiato” i conti e aver ritardato l’aumento dell’Imu per ragioni a dir poco “personali”.

Comunque non ci interessa fare da arbitro in questa contesa, tralasciando il vecchissimo gioco delle parti della politica, ma un ulteriore salasso per i cittadini sicuramente non ci voleva. Consentiteci questa discussione non può finire in caciara con “battute” a dir poco pepate di una parte e dell’altra, il problema è che al centro di questi battibecchi ci siamo noi cittadini/contribuenti che saremmo anche disposti a fare un sacrificio per il risanamento dei conti comunali, ma se un’amministrazione chiede ai cittadini di stringere la cinghia, dovrebbe dare per prima l’esempio riducendo la propria indennità e non aumentandola come ha fatto.

 

Antonio Prezioso

Portavoce Circolo FdI Atripalda

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *