venerd� 01 marzo 2024
Flash news:   Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time” A caccia di fondi il Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity” “Atripalda che verrà, dialogo con la Città”, l’opposizione domani avvia un confronto L’appello di Luigi De Magistris e Omar Suleiman da “Fortapàsc”: “Stop al genocidio in Palestina” Imbrattata ancora una volta la fontana di piazza a Umberto

Puc Atripalda, il direttivo Pd critica la maggioranza “nessuna condivisione con i cittadini”

Pubblicato in data: 18/7/2023 alle ore:15:25 • Categoria: Partito Democratico, Politica

L’ultimo consiglio comunale di Atripalda ha approvato gli indirizzi dati al progettista per la redazione del piano strutturale.

L’ultimo consiglio comunale si è tenuto l’11 luglio mentre il termine perentorio per l’adozione degli indirizzi era fissato al 30 giugno.

Considerato il ritardo dell’amministrazione sul tema urbanistico, ormai consumato ed irreversibile, sicuramente dettato dal fatto che tutta la giunta ed il sindaco sono alle prese ed interessati alla costituzione della municipalizzata, che come hanno fatto intendere a più riprese “libererà Atripalda da ogni male”, sarebbe stato opportuno che l’amministrazione, almeno sugli aspetti del PUC, avesse chiamato alla partecipazione attiva sia la cittadinanza che il tessuto produttivo nonché i portatori di interessi, per una condivisione di vedute ed intenti.

Essendo ormai scaduti i termini perentori, infatti non si comprende il senso della fretta, se non quello di alzare l’ennesima cortina fumogena su atti importanti e strategici, rendendo nebuloso, opaco e poco decifrabile l’operato amministrativo del sindaco Paolo Spagnuolo e dei suoi peones.

Al Pd di Atripalda, corre l’obbligo di un ennesimo sforzo, cercando di entrare nel merito di un procedimento blindato e secretato, non condiviso nemmeno con l’opposizione nell’ultimo consiglio comunale, che puntualmente viene offesa e delegittimata nel ruolo di controllo, in un aula resa ormai “sorda e grigia”, dove puntualmente la maggioranza ad ogni discussione ostracizza l’opposizione e ne neutralizza la partecipazione democratica con giochetti e provocazioni che di politico non hanno nulla.

Ritornando al Piano Urbanistico, per quel poco che si è potuto carpire appare evidente che la limitazione degli incentivi alle sole zone C, di fatto, ostacola l’obiettivo della riduzione del consumo di suolo. Di contro, sarebbe stato più opportuno volgere lo sguardo alla rigenerazione di parte del centro ed alla rivitalizzazione di aree ed edifici dismessi o sottoutilizzati anche attraverso l’introduzione di usi e funzioni complementari a quelli attualmente esistenti.

Il PUC, del resto è lo strumento di più ampia strategia e veduta nella gestione e nello sviluppo di una città. Essere premiati dai cittadini con l’affidamento del Governo della città, impone, ad una amministrazione, fino all’ultimo giorno del suo mandato, di ascoltare, condividere e costruire insieme le prospettive di crescita, sviluppo e vocazione della città stessa.

Pur tra mille difficoltà, determinate dall’atteggiamento della maggioranza, il Partito Democratico di Atripalda mai si sottrarrà al confronto e metterà a disposizione il proprio contributo

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *