alpadesa
  
Flash news:   Addio a Diego Armando Maradona, il mondo piange l’ex Pibe de Oro Coronavirus, altri 3 contagiati ad Atripalda e 61 nuovi positivi in Irpinia Francesca Aquino in una lettera racconta le difficoltà per la pandemia dopo l’apertura di un negozio ad Atripalda: «non rinuncio al sogno di fare l’imprenditrice» Spaccia di droga: 40enne di Atripalda dai domiciliari al carcere Tributi non pagati, il Comune di Atripalda si affida per la riscossione coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali alla ditta esterna “Gamma Tributi Srl” Autovelox, il comune di Atripalda incassa nuove sconfitte dinanzi al Giudice di Pace di Avellino “25 novembre – giornata mondiale contro la violenza di genere”, l’appello dei Carabinieri: “trovare sempre il coraggio di denunciare” Coronavirus, 206 positivi riscontrati ad oggi ad Atripalda: comunicazione del sindaco Atripalda, scuole chiuse fino al 29 novembre: ecco l’ordinanza del sindaco Verifica e salvaguardia degli equilibri di Bilancio 2020.2022, lunedì 30 novembre torna il Consiglio comunale ad Atripalda

Accordi di reciprocità non finanziati, parla Luigi Tuccia. Guarda la VideoIntervista

Pubblicato in data: 6/5/2010 alle ore:14:25 • Categoria: Attualità, Video interviste

luigi-tuccia«La provincia di Avellino è ormai stanca di esportare la propria acqua in tutta la regione e avere in cambio soltanto rifiuti ed esclusioni dai finanziamenti regionali ed europei», così il consigliere delegato all’urbanistica Luigi Tuccia sulla bocciatura degli accordi di reciprocità da parte del nucleo di valutazione regionale. «La decisione della commissione ci ha sorpreso perché ha tradito gli accordi iniziali che avrebbero dovuto garantire un progetto finanziato per ogni provincia – spiega Tuccia – in questo senso le responsabilità di Bassolino e della sua giunta sono evidenti e ci hanno fatto perdere ben settantacinque milioni di euro complessivi, quattordici dei quali solo per Atripalda». Il punto carente individuato dalla commissione è stato proprio il progetto portante elaborato dalla provincia di Avellino, ovvero il cablaggio e la messa in rete che si sarebbe dovuto realizzare nell’ex macello di Avellino. «Il nucleo di valutazione ha ritenuto insufficiente proprio questo progetto portante, al quale si collegano tutti gli altri che interessavano direttamente il territorio atripaldese – continua Tuccia – e mi riferisco all’autoporto, al percorso turistico che avrebbe dovuto collegare Abellinum a Montevergine, al sistema fiume e alla metropolitana leggera. In particolare, l’autoporto sarebbe stata una sorta di dogana moderna che avrebbe creato nuovi posti di lavoro e opportunità di crescita per tutto il territorio atripaldese, ma non escludo che in futuro si possa attingere ad altri finanziamenti regionali o europei».

[flv image=”https://www.atripaldanews.it/video/luigi tuccia 5 maggio 2010.jpg”]https://www.atripaldanews.it/video/luigi tuccia 5 maggio 2010.flv[/flv]

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *