alpadesa
  
Flash news:   Autovelox, psicosi tra gli automobilisti per le nuove postazioni lungo il Raccordo mentre sulla Variante il Comune incassa altre sconfitte dal Giudice di Pace Aggiudicato l’appalto dei lavori per l’ampliamento del ponte delle Filande lungo il torrente Fenestrelle ad Atripalda: progetto anti alluvioni Avellino: raggiunto l’accordo con il centrocampista Nicolas Izzillo Calcio, goleada con l’Intercampania Si completa il restyling di Parco delle Acacie ad Atripalda con un secondo lotto di lavori. Antonacci: «Tempi brevi in vista dell’accorpamento del mercato» L’Avellino cade a Teramo al 90’: finisce 1-0 Escalation di furti, ladri messi in fuga ad Atripalda: i Carabinieri intercettano e sequestrano auto Sicurezza edifici ad Alvanite, restano le distanze tra Amministrazione e residenti mentre l’opposizione attacca sui ritardi nei progetti già finanziati. Fotoservizio I residenti di Alvanite si incontrano per discutere sullo stato di fatto delle abitazioni e sul degrado della contrada di Atripalda Non si potrà più sostare di giorno e di notte in piazza Tempio Maggiore  ad Atripalda: firmata l’ordinanza del Comando di Polizia municipale

“Abellinum”, interviene il delegato alla Cultura Lello Barbarisi: “Sembra paradossale ma senza il sequestro l’area sarebbe nelle mani dei Dello Iacono”. Video

Pubblicato in data: 18/8/2015 alle ore:16:38 • Categoria: Attualità, Video intervisteStampa Articolo

barbarisiA tenere banco in città è la questione inerente la chiusura al pubblico del sito archeologico di Abellinum. La Proloco atripaldese ha iniziato un’opera di sensibilizzazione per indurre la popolazione a mobilitarsi e far restituire il sito alla comunità atripaldese. Oramai siamo al quarto esproprio imminente alla famiglia Dello Iacono che si è sempre rivalsa in sede giudiziaria. Ad intervenire sulla questione è Lello Barbarisi, il delegato alla Cultura del comune di Atripalda che chiarisce alcuni aspetti della questione: ” Sembra paradossale – commenta il consigliere delegato – ma il sequestro eseguito dalla Procura di Avellino è un bene per Atripalda visto che attualmente ad usufruire del sito sarebbe la famiglia Dello Iacono in quanto non è stata acquisita la proprietà da parte del Ministero. La situazione si dovrebbe risolvere con un nuovo esproprio nei confronti dei proprietari che potrebbe avvenire tra settembre e ottobre”.
Sull’iniziativa della Proloco il consigliere commenta: “è una decina di giorni che la Proloco ha iniziato questa lodevole opera di sensibilizzazione per restituire il sito alla collettività ma occorrono alcuni piccoli ma importanti passaggi perchè ciò avvenga. Ai più forse sfugge che il sequestro dell’area avvenne dopo che il TAR l’aveva restituita ai Dello Iacono e paradossalmente l’area sarebbe nella loro disponibilità. Io sto in continuo contatto con la Soprintendenza che dovrebbe notificare nei prossimi mesi il nuovo decreto di esproprio. C’è un pò di paura a sbagliare nuovamente e sono in attesa di essere ricevuti dall’Avvocatura dello Stato per confrontarsi. Mi sento di dire – conclude Barbarisi – pur ringraziando la Proloco per la sensibilizzazione, che l’amministrazione è molto presente sull’argomento e bisogna avere un po’ di pazienza perché è sicuramente nel nostro interesse veder chiusa questa vicenda una volta per tutte. Fare un’analisi logica sulle colpe mi sembra francamente perdere del tempo. Guardiamo avanti con fiducia e soprattutto ringraziamo la Procura della Repubblica di Avellino per il sequestro”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a ““Abellinum”, interviene il delegato alla Cultura Lello Barbarisi: “Sembra paradossale ma senza il sequestro l’area sarebbe nelle mani dei Dello Iacono”. Video”

  1. ; ha detto:

    LA VOGLIAMO LA NOSTRA STORIA ALTRO I DELLO IACANO

  2. Angela (disoccupata) ha detto:

    A tenere banco è il sito archeologico di Abellinum,ma con tanti problemi che ci sono ad atripalda è il sito di abellinum a tenere banco? ma mi faccia il piacere assessore Barbarisi,senza nulla togliere all’Abellinum perche’ non cercate di dare un po’ di occupazione hai numerosi giovani e non atripaldesi? poi mi meraviglio come lei sia ancora assessore.

  3. ; ha detto:

    QUALE STORIA LA NON SIAMO A POMPEI CHE ERA UNA CITTA(NON SAREBBE MEGLIO UNA PROPRIETA PRIV.???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *