alpadesa
  
Flash news:   Riapertura scuole in Campania, il Tar ordina: Primaria in classe da domani Stufa a Gpl prende fuoco ad Atripalda, i Vigili del fuoco evitano il peggio Vallone Testa e Fosso Orto di Preti, la Giunta Spagnuolo fissa gli impegni di spesa per i due progetti di riqualificazione e risanamento idrogeologico ad Atripalda Coronavirus, un nuovo contagiato ad Atripalda Biblioteca comunale ancora chiusa, “Idea Atripalda” incalza l’Amministrazione Spagnuolo Caccia ai contribuenti morosi di Imu, Tari e altre tasse comunali ad Atripalda Manutenzione stradale e parcheggio via Gramsci, sbloccati i fondi dalla Giunta Spagnuolo Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria

Rifiuti, De Vinco:«Siamo ancora in piena emergenza, l’Asa non risponde». Guarda la Video Intervista

Pubblicato in data: 23/7/2010 alle ore:20:32 • Categoria: Attualità, Video interviste

maurizio-de-vinco«Siamo ancora in piena emergenza – dichiara l’assessore delegato all’Ambiente Maurizio De Vinco (nella foto) – sono sbagliati i criteri degli enti sovracomunali. Noi ci stiamo battendo da tempo affinchè il contratto che abbiamo prima deliberato a dicembre e poi sottoscritto insieme al Cosmari il 2 febbraio, abbia risposta. Ad oggi ancora nulla. Ogni quindici giorni viene istituito un tavolo di concertazione con gli enti sovracomunali ma, ormai, è uno scarica barile». Un problema che coinvolge la pulizia quotidiana delle strade cittadine, l’assessorato all’Ambiente del comune cittadino sta lavorando per portare a livelli dignitosi la pulizia della città:«Atripalda non è più efficiente da quando è entrata l’Asa – continua De Vinco – poichè hanno un metodo diverso dalla ditta precedente. Ma non è più possibile andare avanti così, soprattutto con il caldo di questi giorni. Anche i cassonetti stessi per la raccolta rifiuti sono vecchi e obsoleti e dovevano essere cambiati per capitolato già tre anni fa con l’entrata dell’Asa. E’ una situazione generale di non pulizia, dal fiume Sabato al parco pubblico. Ora siamo passati alla diffida». Tra le varie emergenze quella che risulta più urgente è la questione relativa alla pulizia dei cassonetti. Con il caldo, infatti, si creano dei residui liquidi maleodoranti che potrebbero creare problemi di natura sanitaria. «Affiché Atripalda ritorni pulita dobbiamo fare dei passi indietro ritornando al vecchio sistema», aggiunde De Vinco. Una problematica che si ripercuote anche sulla raccolta differenziata, un sistema che in città stenta a decollare:«Quest’anno abbiamo raggiunto il 40% della raccolta differenziata, un risultato non trascurabile ma, comunque, lontano dai nostri obiettivi: la differenziata deve partire su tutto il territorio atripaldese e non solo nelle zone periferiche – sottolinea l’assessore -. Ciò che era competenza del comune è stato fatto per questo il braccio operativo deve rimanere comunale». Una situazione amplificata nelle periferie, da via Appia a via Pianodardine, infatti, il problema è ancora più evidente:«Le strade periferiche non vengono pulite dall’operatore zonale ma dalle spazzatrici che – conclude De Vinco – da oltre venti giorni non passano in via Appia e nelle periferie, a quanto dicono, per manutenzione. Ma io non ci credo. L’igiene quotidiana di un comune va al di là di questi problemi, non si affronta sicuramente così una questione seria come quella dei rifiuti».

[flv image=”https://www.atripaldanews.it/video/maurizio de vinco 19 luglio 2010.jpg”]https://www.atripaldanews.it/video/maurizio de vinco 19 luglio 2010.flv[/flv]

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *