domenica 25 luglio 2021
Flash news:   Coronavirus, torna il contagio ad Atripalda: un residente positivo Ripulita la fontana in piazza Umberto e rimesso in funzione l’impianto di irrigazione. Foto Taglio del nastro ieri sera del “Parco Elio Parziale”, il dottor Sabino Aquino: «uno spazio di aggregazione, oasi di divertimento e interazione». L’impegno del vicesindaco Anna Nazzaro:«Auspico entro l’anno di intitolare l’Istituto comprensivo a lui». Foto Il prefetto e la dirigente regionale della Protezione civile premiano i volontari. Spena: «in una comunità bisogna essere coesi e guardare ai più fragili». Foto Dolore e commozione nella chiesa madre di Atripalda ai funerali di Gennaro Marena. Foto Addio a Gennaro Marena, lettera del comitato festa San Sabino: “la città di Atripalda perde un pezzo della sua storia” Sabato i biancoverdi partiranno per il ritiro di Roccaraso «Parco Elio Parziale», stasera l’inaugurazione dell’area a verde dedicata al compianto direttore: sarà aperto alle associazioni. FOTO Coronavirus, il prefetto Spena ad Atripalda per la consegna di civiche benemerenze ai volontari impegnati nella pandemia Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda, dal primo settembre la nuova dirigente scolastica è Antonella Ambrosone

Pro Loco in Arte, da sabato personale del maestro Francesco De Rogatis

Pubblicato in data: 8/9/2010 alle ore:11:06 • Categoria: Cultura

locandina_de_rogatisSabato 11 settembre alle ore 19:00 riparte Pro Loco in Arte con l’inaugurazione della Personale del maestro Francesco De Rogatis.
L’Associazione Pro Loco atripaldese, dopo essere stata impegnata nell’organizzazione e nella partecipazione all’evento Giullarte, ritorna ad occuparsi di arte pittorica per dare spazio e visibilità ai talenti irpini.
Questa volta ad esporre sarà il celebre pittore Francesco De Rogatis che, con la grazia del suo pennello, riesce a fondere con maestria la poesia ai colori delle sue tele. Natio di Teora, vive ad Avellino dove opera nel campo artistico da autodidatta da circa un trentennio. Le sue prime mostre personali iniziano nel 1978, da Roma a Pescara passando per Trento continuano nel corso del tempo arrivando oltreoceano sino a Rio De Janeiro.
Le sue opere spaziano liberamente con le tecniche più impegnative; acquerelli, tempere, acrilici e oli accompagnano il visitatore in un viaggio tra le terre d’Irpinia, tracce ricorrenti del suo racconto pittorico, fresco e spontaneo, genuino e secco. In particolare ritorna nei suoi dipinti l’attaccamento alla sua terra natia, Teora, un affetto che ha spinto De Rogatis a rappresentare sui muri della sua casa dei murales che ripercorrono le immagini e i luoghi caratteristici del borgo altirpino prima del sisma del 1980. A tal proposito l’Amministrazione Comunale di Teora, a riconoscimento di tanto amore e impegno artistico, ha proceduto alla stampa di cartoline che riproducono tutti i suoi murales, ritenendoli documento storico.
Ma De Rogatis si è reso celebre anche per una sua ideazione artistica presentata nel 1995 in una personale nella città di Salerno dove ha mostrato come rendere possibile il movimento dei quadri per conferire alle immagini un realismo plastico tridimensionale. In questa occasione il maestro ha ricevuto numerosi consensi anche perché è la prima volta nella storia della pittura che un artista dà il movimento al soggetto dipinto.
Nel giugno 2008 il Presidente della Repubblica, “motu proprio”, ha insignito De Rogatis dell’onorificenza di Cavaliere della Repubblica per meriti artistici.
Il maestro Francesco De Rogatis esporrà le sue opere dall’11 al 19 settembre presso la sede della Pro Loco di Atripalda in via Roma. Sarà possibile visitare la mostra dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 20.00 e la domenica dalle 10.00 alle 12.00.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *