alpadesa
  
Flash news:   Ordinanza coprifuoco Campania: operativa da venerdì 23 ottobre Coronavirus, 47 nuovi contagi in Irpinia Vandali di nuovo in azione nel centro storico, imbrattata Piazzetta degli Artisti ad Atripalda: lo sdegno sui social. Foto Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati Finisce in pareggio il derby campano tra Avellino e Juve Stabia La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino

Zigoni fa esplodere il Partenio al novantesimo. Pareggio nel derby con tensioni a fine gara. L’attaccante: “Il gol in questa gara una gioia immensa”

Pubblicato in data: 30/3/2012 alle ore:23:50 • Categoria: Avellino Calcio, Sport

esultanza-sotto-la-curvaGianmarco Zigoni entra nel cuore dei tifosi biancoverdi. E’ l’attaccante di proprietà del Milan a siglare a tempo scaduto un insperato ma meritato pareggio. Insieme all’attaccante sale sugli altari anche il portiere Ermanno Fumagalli che è stato prodigioso nel secondo tempo salvando più volte i lupi dalla capitolazione. Un Avellino tutto cuore e grinta che, come nella gara di andata, riesce a rimanere imbattuto contro i più quotati avversari. Oltre a Zigoni tutti terranno sempre in mente in questa partita lo scatto da centometrista del mister Giovanni Bucaro, che in occasione del goal corre ad abbracciare i suoi giocatori, insieme all’amministratore delegato dei lupi Massimiliano Taccone, presente anch’egli in panchina. Da segnalare invece l’assenza del presidente biancoverde Marco Cipriano. Nel primo tempo la gara è stata molto tattica con l’Avellino che controlla il gioco e che alla prima azione chiede un rigore per una presunta trattenuta ai danni di Thiam. Poi alla prima vera azione i sanniti passano in vantaggio con Cia che, abile a sfruttare un cross dalla sinistra, deposita indisturbato la palla in rete. Dopo la rete l’Avellino non demorde e con una grande azione di Thiam sfiora il pareggio ma è Gori a togliere la palla dall’incrocio dei pali con un prodigioso intervento. Il primo tempo si chiude qui e il secondo tempo si apre con l’ingresso in campo di De Angelis al posto di uno spento Thiam. I lupi partono a testa bassa ma sono inconcludenti in fase di ultimo passaggio. Il Benevento ne approfitta e si rende più volte pericoloso e sfiora in più di una circostanza il raddoppio. A salvare l’Avellino sono le straordinarie parate di Fumagalli e gli errori degli attaccanti sanniti. Nell’ultima parte del match c’è la svolta: De Angelis lanciato a rete viene atterrato da D’Anna. Seconda ammonizione per l’ex di turno e il Benevento resta in dieci uomini. I lupi si fanno sotto ma non riescono a pareggiare anche perchè Gori appare in serata di grazie compiendo un altro miracoloso intervento. Mentre le speranze dei lupi sembrano sbattere contro il muro beneventano a tempo scaduto Millesi mette in area un cross per Zigoni che di testa gonfia la rete di Gori. E’ l’apoteosi allo stadio partenio con Bucaro e Taccone con tutta la panchina che corrono ad abbracciare Zigoni. All’ultimo secondo l’Avellino potrebbe trovare addirittura la vittoria ma Gori si distende e blocca. Al triplice fischio le due diverse facce della partita. I giocatori del Benevento a terra desolati per la mancata vittoria e i giocati avellinesi tutti addosso a Zigoni. Ed è qui che si verifica uno spiacevole episodio. Un fotografo tira uno schiaffetto a un giocatore del Benevento che reagisce. A quel punto c’è tensione tra i giocatori delle due squadre con un lancio di bottigliette in campo da parte dei tifosi beneventani. Ma dopo poco tempo tutto si placa e i giocatori dell’Avellino possono andare sotto la curva sud a festeggiare con i tifosi il sudato e meritato pareggio. In sala stampa si presenta un raggiante Zigoni: “E’ stata un’emozione grandissima. Indescrivibile, i tifosi ci tenevano tanto. Ora prepariamo bene la partita di Como, un’altra gara difficile in cui però vogliamo fare risultato. Così da poter mettere in cascina altri tre punti in chiave salvezza”. Sul pareggio arrivato all’ultimo secondo grazie al suo ottavo centro stagionale: “Personalmente non ci speravo quasi più perché il Benevento da parte sua chiudeva ogni spazi. Ci abbiamo provato in tutti i modi ed alla fine, nell’unica vera occasione della ripresa sono riuscito a superarei due centrali che mi marcavano beffandoli e gonfidando la rete”. In merito al proprio gioco: “A volte sono costretto a fare il gioco sporco, non riesco a posizionarmi bene in campo ed a volte mi dispiace. Io cerco sempre di dare il massimo”. Una dedica speciale per il bomber arrivato in estate dal Milan: “Il gol lo dedico a Fumagalli, volevo segnare a tutti i costi. Poi segnare in questo modo per me è una gioia immensa. Partite così importanti e davanti ad un pubblico di questo genere non si giocano sempre”.

AVELLINO-BENEVENTO: 1-1

AVELLINO (4-3-3): Fumagalli; Zappacosta, Izzo, Cardinale, Pezzella (42′ st De Gol); D’Angelo, Massimo, Arcuri (32′ st Lasagna); Millesi, Zigoni, Thiam (1′ st De Angelis). A disp.: Fortunato, Puleo, Capua, Malaccari All.: Bucaro.
BENEVENTO (4-3-3): Gori; D’Anna, Siniscalchi, Rinaldi, Anaclerio; La Camera, Rajcic (29′ st Pedrelli), De Vezze (17’st Luisi); Cia, Altinier (34′ st Sy), Pintori. A disp.: Mancinelli, Signorini, Vacca, Kanouté All.: Imbriani.
ARBITRO: Cifelli di Campobasso.
Guardalinee: Atta Alla e Mosca.
Marcatori: 23′ pt Cia (B) , 49′ st Zigoni(A)
Ammoniti: De Vezze (B), Anaclerio (B), Siniscalchi (B), Luisi (B), Zappacosta (A), De Angelis (A), Pezzella (A)
Espulsi: D’Anna per doppia ammonizione, Fabiano e Martinez
Angoli: 8-4 Avellino
Recupero: 1′ pt e 4′ st

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *