luned� 22 aprile 2024
Flash news:   Sospiro di sollievo per Tonia Romano: l’ex naufraga torna a casa Cambia la modalità di raccolta dei rifiuti ad Atripalda I vigili del fuoco recuperano un cagnolino dal letto del fiume Sabato Arresti ex sindaco Festa, ecco la nota della Procura di Avellino La Procura dispone gli arresti domiciliari per il sindaco dimissionario di Avellino Tragedia in via Appia, ventottenne di Mugnano muore stroncato da un infarto dopo una cena Restituzione deleghe Mazzariello, l’ex sindaco attacca: «l’amministrazione non ha visione e progettualità» Francesco Mazzariello restituisce le deleghe ai Lavori Pubblici e al Pnrr nelle mani del sindaco Paolo Spagnuolo La Scandone sconfitta a Piazza Armerina Avellino-Benevento, stasera lo stadio “Partenio-Lombardi” è sold out

Nella Dogana dei Grani la mostra essenzialista di Paolo D’Amore, sabato l’inaugurazione

Pubblicato in data: 29/10/2012 alle ore:19:23 • Categoria: Attualità, Cultura

opera-1 paolo d'amoreS’inaugura sabato 3 ottobre ore 18.00 alla Dogana dei Grani di Atripalda la personale di Paolo D’Amore dal titolo ”Arte visiva”. La mostra si presenta come un lungo e affascinante percorso in cui l’artistA materializza la propria idea di un’opera d’arte, la propria essenza, la propria emozione. ” È un donare un’emozione a chi sensibilmente è pronto a riceverla” – afferma l’artista – “Trasmettere il proprio essere all’altro, anche solo verbalmente, e ricevere nello stesso modo, è un atto compiuto nella sulla totalità, è la vera espressione artisticadell’uomo . L’arte aiuta a liberarti da tutto ciò che il mondo ti spinge a credere (un mondo artefatto),

opera-2 paolo d'amore

lasciandoti completamente indipendente nel creare una forma significante, recepibile da chi fa della propria vita un’emozione”. Paolo D’Amore nasce a Salerno il 18 Giugno 1969. Scopre l’arte in giovane età, si diploma al Liceo Artistico G.D.C. – Roma. Trampolino di lancio fu quella’arte figurativa rivelatasi troppo angusta per una mente e un’anima prorompenti. Da qui il salto che lo immerge in quell’ espressionismo che meglio ha risposto all’esigenzainteriore dell’artista e successivamente il passaggio alla scultura come coronamento di un percorso partito da lontano e che, oggi, lo vede “autonomo”, e mai completamente autonomo, libero. Dietro le opere dell’artista, scrive Oscar D’amore, ” Un nulla disperato al quale, l’uomo stesso, cerca disperatamente di dare un colore, una forma, ancor più una “identità”. E questo è il punto. Paolo D’Amore non ha o forse non trova una “identità esistenziale”, una collocabilità mondana dalla quale continuamente fugge. E allora? Ecco l’attesa. Un’attesa lunga, degna di quella del poeta che “attende” il verso. Egli attende nella speranza che l’opera, sia essa un quadro o una scultura, restituisca un senso, “il” senso. Autore e strumento al tempo stesso. Il primo inconsapevole; il secondo consapevole dei propri limiti: un connubio senza via d’uscita. Ed è quella stessa tensione irrisolvibile che aggroviglia l’animo di Paolo D’Amore e che lo spinge continuamente a cercare”. La mostra sara’ visitabile fino al 18 novembre 2012.

paolo d'amore

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *