alpadesa
  
Flash news:   Il Ventuno marzo nei versi di Gabriele De Masi L’ex sede Asl di via Tiratore nel mirino dei vandali: tiro al bersaglio contro le finestre del piano terra. FOTO Giovedì ad Avellino la marcia di Libera contro le mafie Lotta alla povertà: cosa cambia. Il Consorzio A5 ne discute con l’Alleanza contro la povertà Lacrime, striscione e applausi per Vittorio Salvati. FOTO Vucinic: “ci attende un calendario fitto di impegni” Il presidente Biancardi ad Atripalda:«Sanità lontana dalla gente. C’è bisogno di confronto e dialogo con tutte le parti sul territorio». FOTO Serie B, non basta il cuore all’Atripalda Volleyball: Ottaviano passa 3 a 1 Seconda vittoria consecutiva per la Sidigas: battuta Reggio Emilia. Foto Oggi il giorno del dolore e dell’addio a Vittorio Salvati

Nella Dogana dei Grani la mostra essenzialista di Paolo D’Amore, sabato l’inaugurazione

Pubblicato in data: 29/10/2012 alle ore:19:23 • Categoria: Attualità, CulturaStampa Articolo

opera-1 paolo d'amoreS’inaugura sabato 3 ottobre ore 18.00 alla Dogana dei Grani di Atripalda la personale di Paolo D’Amore dal titolo ”Arte visiva”. La mostra si presenta come un lungo e affascinante percorso in cui l’artistA materializza la propria idea di un’opera d’arte, la propria essenza, la propria emozione. ” È un donare un’emozione a chi sensibilmente è pronto a riceverla” – afferma l’artista – “Trasmettere il proprio essere all’altro, anche solo verbalmente, e ricevere nello stesso modo, è un atto compiuto nella sulla totalità, è la vera espressione artisticadell’uomo . L’arte aiuta a liberarti da tutto ciò che il mondo ti spinge a credere (un mondo artefatto),

opera-2 paolo d'amore

lasciandoti completamente indipendente nel creare una forma significante, recepibile da chi fa della propria vita un’emozione”. Paolo D’Amore nasce a Salerno il 18 Giugno 1969. Scopre l’arte in giovane età, si diploma al Liceo Artistico G.D.C. – Roma. Trampolino di lancio fu quella’arte figurativa rivelatasi troppo angusta per una mente e un’anima prorompenti. Da qui il salto che lo immerge in quell’ espressionismo che meglio ha risposto all’esigenzainteriore dell’artista e successivamente il passaggio alla scultura come coronamento di un percorso partito da lontano e che, oggi, lo vede “autonomo”, e mai completamente autonomo, libero. Dietro le opere dell’artista, scrive Oscar D’amore, ” Un nulla disperato al quale, l’uomo stesso, cerca disperatamente di dare un colore, una forma, ancor più una “identità”. E questo è il punto. Paolo D’Amore non ha o forse non trova una “identità esistenziale”, una collocabilità mondana dalla quale continuamente fugge. E allora? Ecco l’attesa. Un’attesa lunga, degna di quella del poeta che “attende” il verso. Egli attende nella speranza che l’opera, sia essa un quadro o una scultura, restituisca un senso, “il” senso. Autore e strumento al tempo stesso. Il primo inconsapevole; il secondo consapevole dei propri limiti: un connubio senza via d’uscita. Ed è quella stessa tensione irrisolvibile che aggroviglia l’animo di Paolo D’Amore e che lo spinge continuamente a cercare”. La mostra sara’ visitabile fino al 18 novembre 2012.

paolo d'amore

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *