alpadesa
  
Flash news:   Secondo contagio ad Atripalda, il sindaco: “invito l’intera comunità ad osservare le misure per la prevenzione e il contrasto al covid-19” Coronavirus, contagiato ad Atripalda anche un parente della signora rumena Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda

Pro Loco in Arte, venerdì inaugura la personale di Lello Bonadies

Pubblicato in data: 14/11/2012 alle ore:08:25 • Categoria: Attualità, Cultura

immagine-bonadiesLe attività della Pro Loco Atripaldese continuano e riprende il via la VII Edizione di Pro Loco in Arte, progetto che da anni mira a promuovere l’arte nel territorio irpino e a dare spazio ai pittori da ogni dove. Il 16 novembre alle 19:00, presso la sede dell’Associazione, sarà inaugurata la mostra di Lello Bonadies. L’artista nasce a Solofra dove vive e lavora. Ha conseguito il diploma prima presso l’Istituito d’Arte di Avellino nel 1970 e poi, nel 1974, all’Accademia delle Belle Arti di Napoli. Dal 1979 ha partecipato a importanti rassegne e concorsi d’arte riportando riconoscimenti e premi. È stato definito un pittore graffiante nelle cui opere si intravede l’esigenza di precisare tematiche di contenuto esistenziale e sociale: forte la sua denuncia contro i nuovi strumenti di morte e l’appello alla salvaguardia della natura che significa soprattutto rispetto per la vita umana. Protagonisti della sua pittura sono figure disegnate con pregevole perizia, spesso grottesche, mascherate e bendate, quasi volessero sfuggire al giudizio della storia e non assistere allo sbando della società, allo scempio della condizione umana fragile, mutevole e precaria. Con i colori aspri e dissociati di rossi, di blu e di gialli Bonadies esprime il suo disagio per una socialità tradita dalla corruzione e il suo stentato adattamento ad un ambiente chiuso dove uomini e donne lavorano in una condizione di estrema tensione nervosa. Sarà possibile visitare la mostra dal 16 al 25 novembre presso la sala espositiva della Pro Loco Atripaldese in via Roma 154/156 nei seguenti orari: dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
“Pro Loco in Arte”, personale del maestro Antonio De Gisi

Giunta alla X° edizione prosegue la rassegna “Pro Loco in Arte”, iniziativa che mira a promuovere e valorizzare l’arte nel Read more

Pro Loco in Arte, si inaugura la Personale di Lucia D’Amore

Giunta alla X° edizione prosegue la rassegna “Pro Loco in Arte”, iniziativa che mira a promuovere e valorizzare l’arte nel Read more

Pro Loco in Arte, conclusa la mostra del maestro Famoso

Domenica 13 ottobre si è conclusa la XIV personale dell'artista Antonio Famoso presso la sede dell'Associazione Pro Loco Atripalda. Trenta Read more

Pro Loco in Arte, venerdì l’inaugurazione della personale dell’artista Antonio Famoso

Prosegue la rassegna "Pro Loco in Arte", giunta ormai all'VIII edizione, progetto che mira a promuovere l'arte nel territorio irpino Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *