alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, 218 contagi totali e 155 attualmente positivi ad Atripalda: le raccomandazioni del sindaco Spagnuolo Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta” Piantumato l’albero donato al Comune dai giovani di “Idea Atripalda”

Lavoro, Fruncillo: far ripartire gli investimenti pubblici e privati ed evitare la fuga di cervelli

Pubblicato in data: 12/5/2015 alle ore:17:45 • Categoria: Forza Italia, Politica

Fruncillo_2Metto tutto il mio impegno e la mia dedizione a disposizione di una battaglia in cui credo con assoluta convinzione e determinazione.

Credo che mai come in questo momento dobbiamo chiudere il capitolo della crisi economica, chiudere il capitolo della subalternanza del Mezzogiorno, portando la Campania al vertice delle altre regioni italiane.

Il mio sarà un impegno costante, quotidiano, concreto, in grado di rappresentare le esigenze dei cittadini del nostro territorio. I grandi temi su cui concentrare obiettivi e azioni sono:

  • LAVORO
  • POLITICHE SOCIALI
  • PROMOZIONE DEL TURISMO
  • CULTURA E FORMAZIONE
  • POTENZIAMENTO INFRASTRUTTURE
  • SICUREZZA

La piccola e media impresa non esiste più nel nostro territorio. Non ci sono finanziamenti ad hoc, le imprese sono abbandonate a sé stesse.  La ripresa del lavoro c’è se ripartono gli investimenti, sia pubblici che privati.

Aumentare la competitività del sistema produttivo locale, e conseguentemente implementare la capacità di attrarre investimenti, è il primo passo per promuovere lo sviluppo economico del nostro territorio, garantire occupazione a chi già ce l’ha e creare nuovi posti di lavoro.
La crisi economica e produttiva ha condotto anche il nostro territorio verso una notevole perdita di posti di lavoro. Su questo punto l’impegno della politica deve avere un solo obiettivo: salvaguardia dei lavoratori. Per farlo, le istituzioni devono avere piena conoscenza delle realtà produttive territoriali, facendosi garanti di un dialogo continuo tra tutti i soggetti coinvolti, così da poter intervenire tempestivamente in caso di necessità.

Il punto centrale del nostro programma è ritornare a produrre reddito attraverso un grande patto dell’imprenditorialità in ogni settore, dall’agricoltura al turismo, dalla finanza ai servizi.

  • Incentivi alle aziende per nuove assunzioni
    • Sostegno economico alla creazione di nuove imprese
    • Progetti di “specializzazione intelligente”, anche con enti di ricerca internazionali
    Progetto giovani: orientamento, integrazione scuola-lavoro e apprendistato (modello tedesco), voucher, start-up, prestiti d’onore e fiscalità di vantaggio per nuove imprese giovani
    • Ristrutturazione sistema formativo e per l’impiego

Il tema del lavoro, sarà parte integrante del mio programma. Garantire ai giovani,soprattutto, l’opportunità di costruire il loro futuro nella loro terra. Evitare a tutti i costi la fuga dei cervelli, la migrazione di tanti giovani irpini, ad alto profilo professionale e scientifico, verso altri Paesi, non solo europei, dove trovano occupazione e riconoscimento.

È dunque sui giovani a cominciare dal momento di uscita dalla scuola secondaria superiore che deve concentrarsi l’azione di governo, con progetti che possano offrire a tutti un’opportunità formativa/lavorativa concreta entro pochi mesi dal conseguimento del titolo di studio.

Immagino un percorso nel quale istituzioni e società civile possano lavorare costruttivamente insieme, uniti nella difesa delle fasce più deboli della popolazione, recuperando quei valori di solidarietà e partecipazione che hanno lasciato il posto ad una società sempre più individualista. Per le sfide che ci attendono c’è bisogno di un periodo di stabilità politica, di collaborazione sociale ed un periodo di ripresa. Bisogna dar vita ad un buon governo regionale che realizzi un buon “programma” di governo.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *