alpadesa
  
Flash news:   Fontana, strade, tomba funeraria romana nel degrado ad Atripalda: scatta la denuncia sui social. Foto Coronavirus, nuovo positivo in Irpinia: è di Contrada Coronavirus, calano i morti (+70) e aumentano i guariti (+3.503) ma i contagi restano +593 Screening sierologico ad Ariano: sono 60 i positivi al tampone Costituito l’ufficio di progettazione per l’intervento di sistemazione idraulica e idrogeologica del Vallone Testa ad Atripalda: 980mila euro a disposizione Coronavirus, in Irpinia secondo giorno consecutivo a contagio zero. I tamponi effettuati sono stati 298 Us Avellino, completato il passaggio delle quote Coronavirus, risalgono i contagi (+584) e le vittime (+117) in un giorno “Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista Ciclismo, l’A.S.Civitas presenta il veterano Michele Venezia

Domenica si presenta il secondo romanzo di Stefano Iannaccone “Fuori tempo massimo”

Pubblicato in data: 16/12/2015 alle ore:14:57 • Categoria: Cultura

Copertina libro fuori tempo massimoL’Associazione ‘A Potea e il Forum dei giovani di Atripalda sono lieti di presentare il secondo romanzo di Stefano Iannaccone, Fuori tempo massimo (ed. La Bottega Delle Parole).
L’incontro è in programma per domenica 20 dicembre alle 18, presso la chiesa di S.
Nicola da Tolentino, in via Roma ad Atripalda.
Dopo Andrà tutto bene (2011), il giornalista e autore atripaldese ritorna sulla scena
editoriale con un nuovo romanzo.
«La concatenazione di eventi esiste, eccome. Non credete alla favola di chi dice il
contrario». Se c’è una cosa di cui Fabio è sicuro, è questa. Soprattutto quando,
all’improvviso, ogni apparente certezza, su cui era sicuro di poter contare e che
credeva di aver saldamente costruito, crolla irrimediabilmente. Una storia che
disegna l’ascesa al potere e la caduta di un giovane trentenne. Un ritratto cinico e
ironico che delinea al tempo stesso l’innocente inconsapevolezza delle nuovissime
generazioni.
stefano_iannacconeFuori tempo massimo è popolato da persone comuni che, in un modo o nell’altro,
scopriranno come nella vita non esistano dogmi e non sempre le cose vanno come
dovrebbero andare: a volte, semplicemente, vanno.
Ne discuteranno con l’autore Marco Monetta, Federico Preziosi e l’on. Valentina
Paris. Reading a cura di Gentil Petrillo e Roberta Antonacci, interventi musicali di
Antonio Iannaccone.
Dopo Napoli e Roma, il libro continuerà il suo tour letterario nei prossimi mesi
facendo tappa anche a Milano e Verona. Il romanzo sarà disponibile a breve anche
in e-book.
L’autore: Stefano Iannaccone, classe ’81, è nato ad Avellino e vive a Roma.
Giornalista, collabora con Il Journal, Gli Stati Generali, IlFattoQuotidiano.it, Excite e
YOUng.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Forum giovanile, nel pomeriggio nuovo incontro presso la Chiesa di San Pio ad Alvanite

Oggi, sabato 5 aprile alle ore 17,30 presso la Chiesa di S. Pio ex C/da Alvanite avrà luogo il 2° Read more

Forum dei giovani, il consigliere Aquino risponde alla lettera: “Il 5 marzo convocheremo la prima assemblea”

Come amministrazione siamo compiaciuti di avere giovani attenti e vigili sul nostro territorio e vi ringraziamo per l'interesse che dimostrate ogni Read more

Forum giovanile, l’appello di un gruppo di ragazzi: “Dopo l’approvazione in consiglio comunale ancora nessun regolamento”

Se questa fosse una serie TV il tutto potrebbe iniziare con una voce fuori campo che direbbe: "nelle puntate precedenti...". Read more

Festa dei Musei, sabato e domenica visite al Parco di Abellinum e ai giardini di Palazzo Caracciolo

Torna questo fine settimana, sabato 20 e domenica 21 maggio, la festa che celebra il patrimonio culturale italiano, con eventi e Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *