alpadesa
  
domenica 17 gennaio 2021
Flash news:   Manutenzione stradale e parcheggio via Gramsci, sbloccati i fondi dalla Giunta Spagnuolo Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti”

No all’ampliamento dello Stir, Luigi Caputo (Prc): “dal Comune finora solo parole sul ricorso al Tar”

Pubblicato in data: 18/2/2017 alle ore:18:57 • Categoria: Partito della Rifondazione Comunista, Politica
Sono trascorse ormai due settimane dall’ultima riunione del consiglio comunale, ma del ricorso del comune di Atripalda contro l’ampliamento dello STIR di Pianodardine non c’è ancora traccia. Non vorremmo che tutta la contrarietà espressa dai gruppi consiliari nei confronti del provvedimento della regione Campania si esaurisse in una serie di enunciazioni retoriche prive di riscontro concreto. Il rischio è reale, anche perché il termine di 60 giorni per il ricorso al TAR è ormai prossimo alla scadenza. Sarebbe una beffa, l’ennesima, per la popolazione atripaldese, già costretta a subire, nel corso di questi anni, sconsiderate decisioni piovute dall’alto. Per ora l’unico comune che risulta aver ufficializzato il ricorso amministrativo è quello di Pratola Serra. Non assumendo analoga iniziativa, l’Amministrazione comunale di Atripalda non solo darebbe prova di inaffidabilità e scarsa serietà, ma si renderebbe artefice di in grave affronto nei confronti dell’assemblea cittadina, che ha deliberato all’unanimità sull’argomento, oltre ad indebolire il fronte di una lotta la cui efficacia presuppone la compattezza degli attori istituzionali, senza che nessun Ente venga mandato allo sbaraglio.
Non vorremmo che all’origine di queste esitazioni, ci fosse, soprattutto da parte del sindaco Spagnuolo, il timore di esporsi agli strali del presidente De Luca e dello stato maggiore regionale di quello che pare destinato ad essere il suo nuovo, ennesimo partito, il PD. In tal caso, si tratterebbe di una clamorosa dimostrazione di opportunismo.
 
Luigi Caputo – Partito della Rifondazione Comunista di Atripalda 
 
 
Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *