sabato 02 marzo 2024
Flash news:   Si presenta il progetto “Circoli Rifugio – Più Corridoi per la Libertà” Oggi presentazione del volume di Lucio Fiore Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time” A caccia di fondi il Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity” “Atripalda che verrà, dialogo con la Città”, l’opposizione domani avvia un confronto

Centro vaccinale di Atripalda, il Prc replica al sindaco: “orgoglio e pregiudizio”

Pubblicato in data: 9/3/2021 alle ore:17:06 • Categoria: Partito della Rifondazione Comunista, Politica

Non sappiamo proprio di che cosa possa andare orgoglioso il sindaco di Atripalda,  il quale si è  detto tale per “ aver dato il via alla vaccinazione degli over 80” nella giornata di ieri. Forse del fatto che Atripalda sia stato l’ultimo Comune ad essere partito con le vaccinazioni anti- COVID, mentre più di un centro si avvia ormai verso il secondo turno, quello del richiamo? E ciò a causa delle scelte scriteriate operate in un primo momento proprio da lui che, unico tra tutti i sindaci interessati, non  aveva predisposto una sede accessibile, come sarebbe stato doveroso, visto che la platea coinvolta vede al proprio interno numerose persone con difficoltà di deambulazione.

Oppure è  orgoglioso del fatto che solo poco più della metà  degli aventi diritto,  fra Atripalda e i Comuni vicini, abbia finora prenotato la somministrazione e che ieri appena un centinaio di essi abbia raggiunto il centro vaccinale? Se è vero che i bilanci si fanno alla fine, è altrettanto vero che si tratta di segnali oggettivi e per niente incoraggianti.

Invece di abbandonarsi a vacue espressioni di vanagloria, Spagnuolo impieghi questi giorni per rivolgersi direttamente alla popolazione (abbandonando, una volta tanto, la torre di avorio in cui è storicamente rinchiuso e utilizzando a tal fine tutti gli strumenti a sua disposizione) e per agevolare concretamente l’afflusso al centro vaccinale della popolazione interessata. Si esprima una volta tanto con un minimo di passione civile,  e non come un  automa. Non chiediamo che vada casa per casa, come pure altri sindaci hanno fatto, soprattutto durante il lockdown, ma semplicemente che restituisca un po’ di quella fiducia e di quella considerazione che questa città  gli ha tributato,  facendogli l’onore di individuarlo quale proprio rappresentante.  Chiediamo troppo?  

 

Luigi Caputo – Partito della Rifondazione Comunista -Atripalda

Federazione PRC Avellino

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *